L’irruzione dell’Fbi a Mar-a-Lago. Trump: proprietà «sotto assedio»

Di Gary Bai

L’8 agosto l’ex presidente Donald Trump ha dichiarato che la sua casa in Florida a Mar-a-Lago è stata «assediata» e «occupata da un gruppo di agenti dell’Fbi».

«Questi sono tempi bui per la nostra nazione, poiché la mia bella casa, Mar-a-Lago a Palm Beach, in Florida, è attualmente sotto assedio, perquisita e occupata da un folto gruppo di agenti dell’Fbi», ha scritto Trump in un post su Truth Social. «Dopo aver lavorato e collaborato con le agenzie governative competenti, questo raid senza preavviso a casa mia non era necessario o appropriato».

L’Fbi ha rifiutato di rispondere alle domande di Epoch Times e il Dipartimento di Giustizia (Doj) non ha risposto a una richiesta di commento.

Eric Trump, uno dei figli dell’ex presidente, ha affermato che la perquisizione è stata condotta per verificare se suo padre fosse in possesso di documenti del suo periodo in carica.

L’azione senza precedenti segna una significativa escalation in un’indagine sui documenti sull’ex presidente, che secondo quanto riferito sta affrontando anche altre indagini del Dipartimento di Giustizia legate al tempo prima, durante e dopo il suo incarico. L’ex presidente si sta inoltre preparando per una probabile corsa alla presidenza nel 2024.

L’avvocato di Trump, Christina Bobb, ha affermato alla Galileus Web che l’Fbi ha sequestrato documenti da Mar-a-Lago.

«Il presidente Trump e il suo team legale hanno collaborato con i funzionari dell’Fbi e del Dipartimento di Giustizia in ogni fase del processo. L’Fbi ha condotto un’irruzione senza preavviso e sequestrato carte», ha affermato la Bobb.

Presunti documenti mancanti

A febbraio, l’archivista David Ferriero ha detto ai legislatori della Camera degli Stati Uniti che la National Archives and Records Administration era stata in contatto con Trump per tutto il 2021 sulla restituzione di 15 scatole di documenti. Alla fine li ha restituiti nel gennaio 2022.

A quel tempo, gli Archivi nazionali stavano ancora effettuando un inventario, ma hanno notato che alcune scatole contenevano elementi «contrassegnati come informazioni classificate sulla sicurezza nazionale».

Trump aveva precedentemente confermato di aver accettato di restituire alcuni documenti agli Archivi, definendolo «un processo ordinario e di routine». Ha anche detto che gli archivi «non hanno ‘trovato’ nulla».

Una legge federale chiamata Us Presidential Records Act richiede la conservazione di promemoria, lettere, note, e-mail, fax e altre comunicazioni scritte relative ai doveri ufficiali di un presidente.

Qualsiasi perquisizione di una residenza privata va approvata da un giudice, dopo che le forze dell’ordine inquirenti hanno dimostrato la presenza di una motivazione adeguata per la perquisizione (elementi che indichino la probabilità di trovare qualcosa).

«Dittatura marxista del terzo mondo»

Trump ha definito il raid «cattiva condotta dell’accusa, armamento del sistema giudiziario e un attacco dei Democratici di sinistra radicale che disperatamente non vogliono che mi candidi alla presidenza nel 2024, soprattutto sulla base dei recenti sondaggi». Trump ha aggiunto che i Democratici «allo stesso modo faranno qualsiasi cosa per fermare repubblicani e conservatori nelle imminenti elezioni di medio termine».

«Niente di simile è mai successo a un presidente degli Stati Uniti prima», ha aggiunto Trump.

«Un simile assalto potrebbe aver luogo solo in Paesi distrutti del Terzo Mondo. Purtroppo, ora l’America è diventata uno di quei Paesi, corrotta a un livello mai visto prima».

Il grido dei repubblicani

I legislatori repubblicani si sono affrettati a condannare l’irruzione, accusando i Democratici di aver utilizzato come arma la burocrazia federale per attaccare l’ex presidente.

Il rappresentante Mike Johnson (R-La.) ha definito una mossa del genere come «pericolosa». «Il raid di oggi nella casa dell’ex presidente nel bel mezzo di una stagione elettorale, sembra un altro abuso di potere eclatante e senza precedenti», ha dichiarato il legislatore a Epoch Times in una dichiarazione che è stata successivamente pubblicata su Twitter.

«Ripristineremo l’ordine e la responsabilità non appena riguadagneremo i martelli per una maggioranza repubblicana a novembre», ha aggiunto il deputato.

Il senatore Marco Rubio (R-Fla.) ha paragonato il raid a quanto accade nelle dittature socialiste: «Usare il potere del governo per perseguitare gli oppositori politici è qualcosa che abbiamo visto molte volte dalle dittature marxiste del terzo mondo», ha scritto Rubio su Twitter lunedì scorso. «Ma mai prima d’ora in America. Dopo il raid di oggi su Mar A Lago, per cosa pensi che la sinistra abbia intenzione di usare quegli 87 mila nuovi agenti dell’Irs?  L’Fbi non sta facendo nulla contro i gruppi che vandalizzano le Chiese cattoliche, bombardano i gruppi Pro-Life o minacciano i giudici della Corte Suprema. Ma trovano il tempo per fare irruzione a Mar A Lago».

La rappresentante Diana Harshbarger (R-Tenn.) ha dichiarato: «L’applicazione incoerente e di parte della legge da parte dell’Fbi è andata troppo oltre. I Democratici, per troppo tempo, hanno usato le nostre agenzie governative dall’Fbi all’Irs per prendere di mira i loro oppositori politici. Questa inconcepibile incursione è un attacco alla nostra Repubblica».

Nel frattempo i democratici hanno difeso il raid. La presidente della Camera Nancy Pelosi (D-Calif.) ha dichiarato alla Nbc: «Nessuno è al di sopra della legge».

La Casa Bianca ha dichiarato di non essere stata informata in anticipo del raid dell’Fbi.

 

Articolo in inglese: Trump: FBI Has Raided Mar-a-Lago, Property ‘Under Siege’

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan
Durante un incontro a Tokyo del 26 settembre, il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris e il primo ...
Leggi >
 

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso
L'autore dell'articolo, Roger Kimball, è redattore ed editor di The New Criterion ed editore di Encounter Books. Il ...
Leggi >
 

L’improvvisa inversione di rotta di Putin

L’improvvisa inversione di rotta di Putin
Il presidente russo Vladimir Putin ha definitivamente chiuso il dialogo con l’Occidente. La decisione è avvenuta a metà ...
Leggi >
 

La possibile vittoria dell’Ucraina

La possibile vittoria dell’Ucraina
La guerra ucraino-russa, che è stata una fonte inesauribile di sorprese da quando è stata lanciata impetuosamente dal ...
Leggi >