Lo storico ingresso di Trump in Corea del Nord

Di Emel Akan

Il 30 giugno 2019 Donald Trump è diventato il primo presidente statunitense ad aver messo piede in Corea del Nord, dopo che il leader nordcoreano Kim Jong Un lo ha invitato ad attraversare il confine, lungo la cosiddetta zona demilitarizzata.

L’ingresso, definito «veramente storico» dal presidente sudcoreano Moon Jae-in, è una manifestazione senza precedenti di rispetto e amicizia tra Stati Uniti e Corea del Nord; tanto da aver lasciato di stucco molti opinionisti politici.

L’incontro è avvenuto in occasione della visita di Trump in Corea del Sud, in seguito alla conclusione del G-20 di Osaka, in Giappone.

In un primo momento, Trump e Kim si sono stretti la mano esattamente in corrispondenza del confine tra la Corea del Sud e quella del Nord, tracciato in seguito all’armistizio del 1953, che aveva decretato la fine della Guerra di Corea.

Il 30 giugno 2019 il presidente Donald Trump stringe la mano al leader della Corea del Nord Kim Jong Un a Nord del confine militare che divide la Corea del Nord e del Sud. (Brendan Smialowski/AFP/Getty Images)

Dopo la stretta di mano, Trump ha varcato il confine e i due leader hanno camminato insieme per alcuni metri nel territorio della Corea del Nord.

Dopo l’ingresso in Corea del Nord, Trump ha dichiarato: «Il mondo sta guardando, ed è un momento molto importante per il mondo. Sono onorato che tu mi abbia chiesto di attraversare questa linea. E sono fiero di averla oltrepassata».

Il presidente Donald Trump varca il confine con la Corea del Nord, sotto lo sguardo del leader nordcoreano Kim Jong Un, il 30 giugno 2019. (BRENDAN SMIALOWSKI/AFP/Getty Images)

Kim – che è apparso piuttosto rilassato – ha affermato di essere venuto a incontrare Trump con l’intenzione di «porre fine allo sventurato passato» e che se non fosse per «l’eccellente rapporto che intercorre tra noi» questa occasione non ci sarebbe stata.

Trump ha espresso un sentimento simile e ha affermato che la sua relazione personale con Kim è rimasta forte. Ha poi descritto l’incontro come un «momento storico».

Dopo la breve passeggiata in Corea del Nord, entrambi i leader hanno attraversato il confine alla volta della Corea del Sud, dove il presidente Moon ha accolto calorosamente Kim Jong Un. I tre leader sono quindi entrati nella ‘Casa della libertà’, anche nota come ‘Casa della Pace’, dove si è svolto un incontro bilaterale tra Trump e Kim che è durato oltre 45 minuti.

Il leader della Corea del Nord Kim Jong Un stringe la mano al presidente della Corea del Sud Moon Jae-in sotto lo sguardo del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il 30 giugno 2019 il . (BRENDAN SMIALOWSKI/AFP/Getty Images)

Dopo l’incontro Trump ha annunciato ai giornalisti che entrambe le parti «formeranno dei team, che si incontreranno nelle prossime settimane. Inizieranno un processo e staremo a vedere cosa accadrà».

Quando gli è stato domandato se avrebbe invitato Kim alla Casa Bianca, Trump ha risposto: «Lo inviterò di sicuro».

Ha poi precisato che le sanzioni contro la Corea del Nord rimangono ma che «a un certo punto dei negoziati le cose possono cambiare».

Dopo essere decollato alla volta di Washington, il presidente americano ha definito «meraviglioso» l’incontro avuto con il leader nordcoreano. Per la precisione ha scritto sul suo account Twitter: «Lascio la Corea del Sud dopo un meraviglioso incontro con il presidente Kim Jong Un. Ho poggiato il piede in suolo nordcoreano, un momento importante per tutti, e un grande onore!».

Quello del 30 giugno è stato il terzo incontro tra Trump e Kim in poco più di un anno. Il secondo si è svolto 4 mesi fa ad Hanoi, in Vietnam.

Il Tweet che ha siglato l’incontro

Il 29 giugno, alcune ore prima di dirigersi da Osaka a Seoul, Trump ha comunicato a Kim la propria volontà di incontrarlo tramite Twitter.

Il leader nordcoreano ha dichiarato di aver interpretato l’invito come «un segnale della sua [di Trump] volontà» di lavorare verso un nuovo futuro, ha poi aggiunto che sarebbe onorato di ricevere Trump nella capitale Pyongyang.

Bonnie Glaser, esperta di Asia presso il Center for Strategic and International Studies, ha dichiarato al quotidiano sudcoreano Chosun Ilbo: «Dopo mesi di impasse nei negoziati, e scarsi contatti tra gli Stati Uniti e la Corea del Nord, sembra che ci sia sotto qualche manovra diplomatica. Non è chiaro se la visita di Xi a Pyonyang abbia svolto un ruolo, o quali altri fattori siano in gioco».

Perché la pace sia duratura

In passato Trump aveva criticato i reportage dei «Fake news media» per non aver documentato i cambiamenti avvenuti nella zona demilitarizzata tra le due Coree in seguito all’incontro di giugno 2018, prima del quale c’erano «grandi conflitti».

Il presidente statunitense ha dichiarato: «La Corea del Nord e quella del Sud sono entrambe in condizioni molto migliori rispetto a due anni e mezzo fa. […] In America pensavano che fossi un grezzo guerrafondaio. Pensavano che se fossi stato eletto, entro un anno sarebbe scoppiata la Terza guerra mondiale».

La zona demilitarizzata – una striscia di terra lunga 257 chilometri e larga 4 – è stata creata come cuscinetto tra le due Coree dopo l’armistizio del 1953, al termine della Guerra di Corea.

Sebbene tecnicamente le due Coree siano ancora in guerra, il 27 aprile 2018 Kim e Moon hanno firmato la Dichiarazione di Panmunjom, con la quale hanno messo nero su bianco la volontà di rendere «permanente» e «solida» la pace della penisola coreana. La storica Dichiarazione è inoltre stata accompagnata da un accordo per la denuclearizzazione dell’intera penisola.

Prima della firma della Dichiarazione, Kim ha invitato Moon ad attraversare il confine lungo la zona demilitarizzata. Moon ha poi ricambiato l’invito, che Kim ha accettato, divenendo così il primo leader della Corea del Nord a mettere piede in Corea del Sud dopo la Guerra di Corea (1950-53).

La guerra della penisola coreana è costata la vita a 36 mila 574 americani che hanno combattuto per prevenire la propagazione del comunismo in Corea, spinto dall’Unione Sovietica e dal Partito Comunista Cinese.

Si stima che durante la Guerra di Corea siano morti oltre un milione di cinesi. La Corea del Sud ha perso invece circa un milione di civili e 217 mila militari per combattere contro Kim Il Sung, il nonno di Kim Jong Un, che voleva invadere il Sud della penisola. Per quanto riguarda la Corea del Nord si stima che la sanguinosa guerra sia costata la vita a 600 mila civili e 406 mila militari.

Articolo in inglese: Trump Becomes First American President to Set Foot in North Korea

 

Per saperne di più:

La pace tra le due Coree sembra sempre più vicina

L’Iran cerca di provocare Trump

Come il regime cinese sostiene la Corea del Nord

Che Paese è la Cina?

 
 
 

Il 20 luglio segna vent’anni dal secondo «olocausto» della Storia

Il 20 luglio segna vent’anni dal secondo «olocausto» della Storia
Il 2019 è un anno importante per i diritti umani nel mondo. Infatti, oltre a segnare i 30 ...
Leggi >
 

La Cina e i diritti umani, intervista ad Antonio Stango

La Cina e i diritti umani, intervista ad Antonio Stango
In occasione del 20 luglio 2019, che segna ben 20 anni dall'inizio di una delle più gravi persecuzioni ...
Leggi >
 

L’illusione che vi possano essere «elementi buoni e moderati» nel Pcc

L’illusione che vi possano essere «elementi buoni e moderati» nel Pcc
L'autrice dell'articolo, Jennifer Zeng, è un'analista cinese. È stata ricercatrice presso il Centro per lo Sviluppo del Consiglio di ...
Leggi >
 

Candace Owens, rompere con il vittimismo del Partito Democratico

Candace Owens, rompere con il vittimismo del Partito Democratico
«In questo Paese non c’è nulla che io non possa fare in quanto donna afroamericana, e che invece ...
Leggi >