L’oro e le criptovalute schizzeranno se la Russia invaderà l’Ucraina o la Cina invaderà Taiwan

Di James Dale Davidson

L’imponente insediamento militare russo al confine ucraino e le intrusioni navali e aeree nelle acque e nei cieli di Taiwan non sono bluff. Inoltre, le tecnologie militari perseguite da Russia e Cina nella missilistica ipersonica rappresentano una minaccia esistenziale per l’indipendenza dell’Ucraina e di Taiwan e per la sopravvivenza di decine di milioni di vite dei loro cittadini.

Dalla crisi dei missili di Cuba, il mondo non è stato così pericolosamente vicino a un errore catastrofico della Nato, degli Stati Uniti, della Russia e della Cina, che possa portare allo spiegamento di armi nucleari di devastazione di massa. L’equilibrio di potere militare che ha prevalso dalla conclusione della seconda guerra mondiale e ha sostenuto le democrazie del mondo è ora sull’orlo del collasso.

Il presidente Joe Biden ha segnalato che un’invasione russa dell’Ucraina non costringerebbe gli Stati Uniti a inviare le proprie forze militari in Ucraina. Il meglio che gli Stati Uniti e la Nato possono fare è inviare equipaggiamento e risorse militari in Ucraina nella speranza di dare loro la capacità di combattere una guerra di logoramento.

In poche parole, il dollaro Usa, la sterlina britannica, l’euro europeo e lo yen giapponese perderanno tutti valore mentre investitori e speculatori si affretteranno a convertire i loro risparmi e riserve in oro e valute digitali. E questo anche se la Russia invadesse l’Ucraina ma la Cina non attaccasse Taiwan.

Poiché gli investitori riconoscono la fine dell’equilibrio di potere tra Occidente, Russia e Cina, le criptovalute come Bitcoin ed Etherium potrebbero facilmente aumentare di prezzo. E un’invasione dell’Ucraina da parte delle forze russe farebbe impazzire i mercati finanziari mondiali.

Un consistente attacco militare che faccia da preludio a un’invasione di Taiwan coordinata con un’invasione russa dell’Ucraina scatenerebbe un panico molto maggiore nei mercati finanziari mondiali. Una versione nucleare della dichiarazione di guerra delle potenze dell’Asse del 1941 potrebbe portare a un tracollo finanziario nei principali mercati azionari del mondo in un momento in cui le banche centrali del mondo hanno già esaurito la loro capacità di mantenere a galla l’economia mondiale, combattendo il Covid -19 con le politiche monetarie e dei tassi di interesse.

Investitori e speculatori riconosceranno il problema economico in cui si troverebbe il «mondo libero» e desidereranno ricollocare la propria ricchezza per proteggerla.

Un attacco coordinato di Russia e Cina incoraggerebbe senza dubbio anche la Corea del Nord, che ora possiede ben dieci armi nucleari e un esercito permanente di oltre 1 milione. Se si verificasse questa serie scioccante di eventi, l’oro potrebbe facilmente salire.

Le prime mosse in risposta a un’invasione russa dell’Ucraina e/o uno scontro militare tra Cina e Taiwan, o Corea del Nord e Corea del Sud, includerebbero severe sanzioni economiche che interrompano le catene di approvvigionamento. Il tutto causerebbe perturbazioni economiche globali che farebbero impallidire quelle osservate negli ultimi due anni a causa del Covid-19.

Gli Stati Uniti, il Giappone e la Nato dovrebbero confrontarsi con la necessità di accelerare le loro capacità difensive e offensive nello spazio per compensare l’accumulo militare della Cina nelle tecnologie spaziali. La spesa militare degli Stati Uniti, che ora è di 780 miliardi di dollari l’anno, probabilmente raddoppierebbe e ridurre il valore del dollaro.

La seconda guerra mondiale ha avuto il merito di aver tirato fuori gli Stati Uniti dalla «grande depressione». Tuttavia, la terza guerra mondiale – se una o più bombe nucleari venissero utilizzate di proposito o per sbaglio – potrebbe fare molto peggio per gli Stati Uniti e le economie occidentali. Ha il potenziale per costringere gli Stati Uniti e i suoi alleati a passare dalle democrazie a regimi autoritari in grado di spingere le loro forze lavoro inattive in uno sforzo bellico che sarà definito come necessario per la sopravvivenza dei loro Paesi.

Un altro punto: l’invasione dell’Ucraina, insieme alle sanzioni economiche, porterebbe il prezzo del petrolio a più di 120 dollari al barile nelle prime settimane. Accadrebbe anche più velocemente di un aumento dei prezzi dell’oro o di un aumento del valore delle criptovalute.

Per questo motivo, il prezzo del petrolio e del gas nazionali raddoppierebbe in un’invasione russa dell’Ucraina. Infatti, con gli Stati Uniti e i loro alleati che impongono sanzioni incredibilmente dure alla Russia, la risposta sarebbe quella di tagliare le vendite di petrolio e gas naturale russe alla maggior parte dell’Europa e al mercato mondiale. 200 dollari per il petrolio e 18 per il gas naturale non sarebbero prezzi fuori questione.

Per il momento, dovremmo pregare che i presidenti Putin e Xi non precipitino una terza guerra globale e che nessun errore di calcolo militare comporti lo spiegamento di armi nucleari. L’atrocità di queste armi non può essere sopravvalutata. Dobbiamo anche pregare che Kim Jong-un non sfrutti l’instabilità di un’invasione russa dell’Ucraina o di uno scontro militare cinese con Taiwan per giustificare l’uso delle sue armi nucleari. Un attacco nucleare alla Corea del Sud o a una postazione militare statunitense nel Pacifico provocherebbe sicuramente una reazione nucleare da parte di Biden.

 

James Dale Davidson è meglio conosciuto come economista e previsore finanziario. Alunno dell’Università di Oxford e editore di newsletter dal 1987, quando ha iniziato a scrivere la newsletter di investimento di fama mondiale Strategic Investment, James è l’autore di diversi best seller finanziari e ha previsto correttamente la maggior parte degli eventi finanziari significativi negli ultimi trent’anni. Uno dei più grandi fan di Davidson, il miliardario conservatore Peter Thiel, afferma che gli scritti di Davidson sono stati la più grande influenza nel suo approccio agli investimenti; Thiel dice che è stato Davidson colui che lo ha influenzato ad avviare PayPal, e lo ha definito «il suo selezionatore di azioni preferito».

Le opinioni espresse in quest’articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle di Epoch Times.

 

Articolo in inglese: Gold and Crypto Currencies Will Soar If Russia Invades Ukraine or If China Invades Taiwan

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

6 gennaio a Washington, un retaggio di domande inquietanti

6 gennaio a Washington, un retaggio di domande inquietanti
Il bastone d'acciaio temprato ha emesso il suono più inquietante possibile, rimbalzando sul cranio di Victoria White. Variava ...
Leggi >
 

Alti e bassi dell’economia cinese. Il regime tenta di reagire, ma il 2022 sarà molto duro per il Pcc

Alti e bassi dell’economia cinese. Il regime tenta di reagire, ma il 2022 sarà molto duro per il Pcc
Il regime cinese ha speso miliardi di dollari nel tentativo di raggiungere i produttori di chip più avanzati ...
Leggi >
 

Olimpiadi invernali a Pechino e spionaggio di regime. Governi europei: niente cellulari agli atleti

Olimpiadi invernali a Pechino e spionaggio di regime. Governi europei: niente cellulari agli atleti
Diversi Paesi europei si stanno adoperando per proteggere i propri atleti durante le prossime Olimpiadi invernali di Pechino. ...
Leggi >
 

Ashli ​​Babbitt, la sostenitrice di Trump morta al Campidoglio, non era una rivoltosa

Ashli ​​Babbitt, la sostenitrice di Trump morta al Campidoglio, non era una rivoltosa
La sostenitrice di Trump andava su e giù, agitando le mani, frustrata, verso degli agenti immobili: «Chiama aiuto!» Pochi istanti ...
Leggi >