Maricopa, verifiche elettorali mostrano discrepanze. Ma le elezioni non si possono annullare

Di Jack Phillips

La presidente del Senato dell’Arizona, la repubblicana Karen Fann, ha affermato che il Senato statale non ha la capacità di annullare i grandi elettori risultati dalle elezioni del 3 novembre 2020.

La Fann ha riferito a One America News Network (Oann) che la Camera Alta ha la possibilità di fornire, a chi si occupa dei controlli sulle elezioni, i materiali di cui hanno bisogno, anche attraverso l’uso di citazioni in giudizio, ma la certificazione dei grandi elettori è un materia diversa: «L’organo del Senato, non ha l’autorità per farlo. Quindi, questo è quello che abbiamo detto, e voglio renderlo molto chiaro agli atti».

I commenti della Fann sono arrivati ​​a seguito delle dichiarazioni dell’ex presidente Donald Trump, che riferiva che i controlli hanno rivelato irregolarità e frodi che hanno influenzato le elezioni a suo favore, l’anno scorso.

Il 15 luglio, il Senato ha tenuto un’audizione nel mezzo di una revisione di mesi condotta dalla società tecnologica Cyber ​​Ninjas con sede in Florida; i team di controllori hanno dichiarato ai legislatori di aver scoperto discrepanze.

Doug Logan, Ceo di Cyber ​​Ninjas, ha spiegato ai senatori che i controllori non sono riusciti a trovare alcuna registrazione ufficiale in merito a più di 74.000 schede per corrispondenza inviate dalla contea di Maricopa e hanno anche scoperto che circa 18 mila persone avevano votato, ma sono poi state cancellate dalle liste elettorali «subito dopo le elezioni». Inoltre c’erano «11.326 persone che non erano nelle liste elettorali il 7 novembre 2020, ma sono apparse nelle liste il 4 dicembre 2020 e 3.981 persone che hanno votato, essendosi registrate dopo il 15 ottobre 2020».

Dopo l’udienza, alcuni senatori repubblicani hanno chiesto il richiamo degli 11 grandi elettori dell’Arizona, che hanno optato per Biden: «Bisogna fare una nuova elezione. Gli elettori dell’Arizona non devono essere assegnati in modo fraudolento e dobbiamo farlo bene», ha scritto la senatrice repubblicana Wendy Rogers, in un paio di post su Twitter la scorsa settimana.

Ma la Fann, nella sua intervista all’Oann, ha affermato che il Senato in questa situazione ha solo «la capacità di ottenere ordini di produrre delle prove, allo scopo poi di legiferare», osservando di avere «il diritto di ottenere le informazioni per determinare come scrivere quelle leggi». In altre parole, il diritto alle indagini e alle verifiche del Senato è finalizzato a formalmente finalizzato al produrre nuove leggi e non al mettere in discussione le elezioni.

«Ecco perché abbiamo successo in tribunale, ed è quello che stiamo facendo. Si tratta di integrità elettorale. Non si tratta della corsa Trump-Biden. Non si tratta della corsa Kelly-Martha McSally», ha osservato la Fann, riferendosi alle elezioni presidenziali del 2020 che hanno visto l’insediamento del presidente Joe Biden, così come la corsa al Senato degli Stati Uniti vinta dal senatore Mark Kelly (D-Ariz.).

Dopo l’udienza, i funzionari della contea di Maricopa e i democratici come il segretario di Stato Katie Hobbs hanno affermato che il team che ha condotto i controlli e i repubblicani del Senato sono incompetenti e che le loro scoperte non dovrebbero essere prese sul serio.

Per mesi, i dirigenti della contea di Maricopa e i senatori repubblicani sono stati coinvolti in un braccio di ferro legale per le schede elettorali della contea e le attrezzature elettorali. Alla fine, un giudice ha stabilito che il Senato ha effettivamente il potere di emettere ordini per l’ottenimento di informazioni per svolgere la verifica, iniziata ad aprile.

 

Articolo in inglese: Arizona Senate President: State’s 11 Electors Cannot Be Recalled After Maricopa Audit

NEWSLETTER
Epoch Times Italia 2021
 
 
 

Quale destino per Taiwan?

Quale destino per Taiwan?
Mentre Pechino cancella la libertà a Hong Kong, manca di rispetto al vicesegretario di Stato americano in visita ...
Leggi >
 

I giocatori Nba beneficiano delle aziende cinesi complici del «lavoro forzato»

I giocatori Nba beneficiano delle aziende cinesi complici del «lavoro forzato»
Diversi parlamentari statunitensi chiedono lo stop agli accordi tra giocatori dell'Nba e le aziende cinesi di abbigliamento sportivo ...
Leggi >
 

Proteste in tutta Europa contro green pass e restrizioni sanitarie

Proteste in tutta Europa contro green pass e restrizioni sanitarie
Il 31 luglio migliaia di persone hanno manifestato contro il nuovo «pass sanitario»  in Francia, marciando per Parigi ...
Leggi >
 

Ondata di incendi in Sicilia, la pista del fotovoltaico

Ondata di incendi in Sicilia, la pista del fotovoltaico
Continuano a divampare decine di incendi in tutta la Sicilia, con temperature che negli ultimi tre giorni hanno ...
Leggi >