Mentre la Cina vieta gli uomini «femminuccia», in Occidente la mascolinità è «tossica»

Il Partito Comunista Cinese (Pcc) sta cercando di reprimere gli uomini che considera non abbastanza mascolini.

Ma durante il programma Crossroads di EpochTv, John Mac Ghlionn, specialista psicosociale e collaboratore di Epoch Times, ha affermato che, viceversa, le qualità maschili vengono criticate come tossiche negli Stati Uniti e questo causa molti problemi.

La recente repressione degli «uomini femminucce» in Cina è in parte guidata dalla preoccupazione del Pcc per il fatto che sempre più uomini siano in cattive condizioni fisiche, secondo Mac Ghlionn, che ha vissuto in Cina per un periodo: «L’obesità è un problema enorme. Ora, questo non ha nulla a che fare con le qualità femminili o maschili, ma c’è una comprensibile preoccupazione da parte di Pechino: sempre più uomini stanno […] faticano a raggiungere i requisiti di fitness di base. E, naturalmente, questa dovrebbe essere una preoccupazione per qualsiasi Paese».

Nel settembre 2021, il regime comunista cinese ha vietato agli uomini effeminati di apparire in Tv. La repressione mira all’eliminazione delle «rappresentazioni femminili di uomini», come uomini truccati o orecchini, o uomini che indossano abiti femminili.

Prendendo in considerazione la crisi demografica che ha colpito il Paese, il Pcc cerca «di preservare ciò che significa essere uomo; tratti maschili».

Mac Ghlionn ha descritto un «uomo-femminuccia» come una persona che rifugge dal «coraggio quotidiano», che consiste nell’impegnarsi per qualcosa di più grande di se stesso, come un lavoro, una relazione come padre o marito, o entrambi.

Sempre più uomini evitano queste responsabilità, forse isolandosi o dedicandosi ad attività ricreative che sono diventate una sorta di punto fermo della loro vita: «Questo è ciò che intendevo per femminuccia».

Mac Ghlionn ha chiarito che la sua descrizione degli uomini femminucce non è correlata all’omosessualità.

Mascolinità tossica

Nel frattempo, in America il termine «mascolinità tossica» è stato utilizzato negli ultimi anni per caratterizzare i tratti «maschili» come dannosi. La «mascolinità tradizionale» è stata considerata addirittura «dannosa» dall’American Psychological Association nel suo rapporto del 2019. Tra i tratti che l’associazione condannava direttamente c’erano persino lo «stoicismo emotivo» e l’«autosufficienza».

Mac Ghlionn crede che sebbene ci possano essere alcune caratteristiche molto dannose possedute da degli uomini, il termine ‘dannoso’ sia stato usato per trollare. Il termine considera tutte le qualità maschili tossiche e lui pensa che «molti dei problemi derivino dall’uso di quel termine». «La stabilità sociale inizia in casa», ha affermato Ghlionn.

Quando si guarda all’associazione tra famiglie distrutte da un lato e violenza, aggressione e attività criminale dall’altro, «c’è un’associazione davvero forte tra persone che provengono da famiglie distrutte, che non avevano una forte figura paterna nel loro vita, e futuri tassi di criminalità nella loro adolescenza e nei loro 20 anni».

In un’intervista del 2019 a Epoch Times, Warren Farrell, educatore americano e autore del libro The Boy Crisis, aveva dichiarato che «Il 93% dei nostri prigionieri sono maschi, ma di quel 93% maschi, più del 90% sono maschi privati ​​del padre. Da Columbine, circa il 90 per cento dei tiratori di massa non sono solo ragazzi, ma sono ragazzi privati ​​di papà». In una casa senza padre, sebbene un bambino possa crescere con una madre premurosa e sensibile, non ha un modello maschile autorevole a cui guardare.

Mac Ghlionn considera la famiglia un pilastro importante della società e della stabilità: «Aiuta essere circondati da brave persone nei momenti difficili. […] Avere una madre e un padre amorevoli [e fratelli, ndr] aiuta».

 

Articolo in inglese: While China Bans ‘Sissy’ Men, American Men Are Criticized for Toxic Masculinity: Analy

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione
Jiang Zemin, ex leader del Partito Comunista Cinese (Pcc), è morto di malattia a Shanghai il 30 novembre ...
Leggi >
 

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante
L’autore dell’articolo, Stu Cvrk, si è ritirato come capitano dopo aver prestato servizio per 30 anni nella Marina ...
Leggi >
 

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»
Elon Musk sostiene che invece di inasprire ulteriormente le politiche monetarie, la Federal Reserve dovrebbe «immediatamente» abbassare i tassi ...
Leggi >
 

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)
Brutale e sanguinario dittatore e capo del Partito Comunista Cinese dal 1993 al 2003, è morto per cause ...
Leggi >