Migranti, a Roma i colloqui con Francia e Germania, mentre gli sbarchi proseguono

Tra imbarcazioni autonome e Ong, non si arresta l’ondata migratoria nei porti italiani: i vertici di Stato di Italia, Francia e Germania si sono intanto incontrati a Roma per discutere soprattutto del nodo migranti e cercare di definire una strategia comune.

Sono cinque infatti le imbarcazioni autonome arrivate in Italia in meno di 24 ore, con oltre 250 persone sbarcate a Lampedusa, e resta nuovamente in attesa di un porto la nave Ong Ocean Viking con circa 170 persone a bordo. Nel mese di settembre 2019, non ancora concluso, sono sbarcati già molti più migranti rispetto allo stesso mese dello scorso anno, ed è la prima volta da gennaio 2019 che in un determinato mese sbarcano più migranti rispetto al corrispondente mese del 2018.

La prossima settimana a La Valletta, proprio Italia, Germania, Francia e Malta proveranno ad arrivare a un accordo pratico sull’immigrazione, ma non è ancora chiaro se la ridistribuzione riguarderà tutti i migranti sbarcati in Italia o solamente quelli arrivati tramite le navi Ong, che in effetti sono solo una minima parte del totale.

Intanto in mattinata c’è stato il colloquio tra i due capi di Stato di Italia e Germania, Sergio Mattarella e Frank-Walter Steinmeier, con il tedesco che si è reso disponibile ad aiutare l’italiano. Riguardo alla questione migratoria il presidente Mattarella ha affermato in conferenza stampa al Quirinale: «L’unione dovrebbe adottare e assumere in sé l’onere dei rimpatri, perché l’Unione è in grado di farlo con maggiore efficacia di quanto non possano fare i singoli Paesi membri. C’è bisogno di trovare soluzioni che consentano dei meccanismi automatici di ridistribuzione europea dei migranti e dei rimpatri posti a carico dell’Unione».

Mercoledì sera invece il presidente francese Emmanuel Macron ha incontrato il premier Giuseppe Conte, e in quell’occasione anche Macron ha ribadito la disponibilità della Francia a una politica di ridistribuzione: «È essenziale per l’Ue che volti pagina in direzione di una gestione strutturale e non più emergenziale dei flussi. Ho avuto la piena disponibilità del presidente Macron per un meccanismo europeo sugli sbarchi, sulla ridistribuzione e per un a gestione efficace dei rimpatri», ha affermato Conte in conferenza stampa. «Dobbiamo far uscire il tema dell’immigrazione da una propaganda anche anti-europea. L’Italia non abbassa la guardia contro il traffico di vite umane e non ritiene che debba essere consentito ai trafficanti di decidere come e quando avere ingresso. Ma abbiamo anche la necessità di gestire il fenomeno migratorio in maniera concreta, pratica».

Quasi in contemporanea a quest’ultimo incontro, Matteo Salvini, che ha sempre sostenuto come dall’Europa arrivassero solo parole e pochi fatti, ha sminuito l’efficacia del bilaterale Conte-Macron e su Facebook ha lanciato nuove accuse al premier: «Mentre continuano senza sosta gli sbarchi a Lampedusa, record di aumento dopo 18 mesi di cali, Conte si fa prendere in giro da Macron. Da avvocato del popolo a traditore del popolo, che misera fine».

 
 
 

Trump minaccia «sanzioni molto pesanti» nei confronti della Turchia

Trump minaccia «sanzioni molto pesanti» nei confronti della Turchia
A fronte delle accuse secondo cui la Turchia starebbe commettendo «crimini di guerra» nella Siria settentrionale, il presidente ...
Leggi >
 

South Park, censurato in Cina, risponde con la solita ironia

South Park, censurato in Cina, risponde con la solita ironia
Il recente episodio Band in China del cartone animato satirico South Park è stato bandito in Cina. Il contenuto del ...
Leggi >
 

Pechino blindata in vista del 70esimo anniversario della presa del potere del Pcc

Pechino blindata in vista del 70esimo anniversario della presa del potere del Pcc
In preparazione delle celebrazioni del 70° anniversario della presa del potere in Cina, il Partito Comunista Cinese ha ...
Leggi >
 

Trump reagisce alle accuse di impeachment: democratici guidati da «odio e paura»

Trump reagisce alle accuse di impeachment: democratici guidati da «odio e paura»
Dopo la richiesta della democratica statunitense Nancy Pelosi di iniziare un'indagine parlamentare su un possibile impeachment nei confronti ...
Leggi >