I militari del Pcc mancano di vera esperienza di combattimento, cosa faranno con Taiwan?

Di Alexander Liao

Alexander Liao è un editorialista e giornalista di questioni internazionali negli Stati Uniti, in Cina e nel sud-est asiatico. Ha pubblicato numerosi articoli, recensioni e programmi video su giornali e riviste finanziarie cinesi negli Stati Uniti e a Hong Kong.

Recentemente, molti luoghi di conflitto in varie parti del mondo stanno cominciando a scaldarsi, sebbene sostanzialmente questi ‘punti caldi’ siano gli stessi della fine del secolo scorso.

Il conflitto israelo-palestinese in Medio Oriente è ora diventato il conflitto israelo-iraniano; mentre le animosità dell’Europa orientale si manifestano nel conflitto tra Russia e Ucraina; solo la penisola balcanica sembra essere diventata un po’ più tranquilla.

La cosa rilevante è che i restanti principali punti caldi di conflitto internazionale sono tutti legati alla Cina: le questioni della penisola coreana, le isole Diaoyu, lo stretto di Taiwan, i conflitti nel Mar Cinese Meridionale, il rapporto tra Cina e l’India, e la tensione dell’India con il Pakistan.

Per quanto riguarda il Pcc, il conflitto geopolitico più importante che sta scatenando oggi è la sua crescente militarizzazione contro Taiwan.

A partire dall’inizio di aprile, gli aerei militari del Pcc sono entrati nella Taiwan Air Defense Identification Zone, ogni giorno per dieci giorni consecutivi, per un totale di 74 incursioni nella zona cuscinetto.

In particolare, lunedì 12 aprile, il Ministero della Difesa Nazionale di Taiwan ha annunciato che un numero record di 25 aerei da guerra sono entrati nella zona di identificazione della difesa aerea di Taiwan in quel solo giorno. Questi aerei da guerra consistevano in due aerei antisommergibile Y-8, un aereo di sorveglianza Air Police-500, quattro jet da combattimento J-10, quattordici jet da combattimento J-16, e quattro bombardieri strategici H-6K, che hanno la capacità di portare armi nucleari.

Secondo la mappa fornita dal Ministero della Difesa Nazionale di Taiwan, tutti gli aerei militari cinesi hanno volato vicino alle isole Pratas e non hanno attraversato il centro dello stretto di Taiwan.

E’ dall’inizio di aprile che il Pcc schiera simili tipi di aerei militari, e proprio dal tipo di aerei schierati si può dedurre quali siano le intenzioni del regime cinese.

L’aereo da sorveglianza Air Police-500 è un must per le moderne operazioni aeree a lungo raggio.

Il jet da combattimento J-10 è un aereo militare chiave per il combattimento aereo; le sue funzioni e il suo design sono simili a quelle dell’F-16 americano. Il J-16 è stato sviluppato dalla serie J-11B e sembra sia un caccia biposto multiuso di generazione 4.5. Il J-11 è la versione cinese del caccia biposto russo Su-30. La funzione di combattimento di questo aereo è simile a quella del bimotore americano F-15. La sua caratteristica principale è il suo lungo raggio e le sue potenti capacità di attacco a terra e in mare.

L’H-6K è il principale bombardiere a lungo raggio schierato dalla forza aerea comunista cinese. Oltre ad essere equipaggiato con sistemi elettronici avanzati, trasporta anche una varietà di missili aria-nave.

L’aereo antisommergibile Y-8, come suggerisce il nome, serve per combattere i sottomarini.

Dall’anno scorso, questi aerei militari sono entrati spesso nella zona di difesa aerea di Taiwan. E sono principalmente orientati al combattimento in mare.

Il nemico operativo non era quindi l’obiettivo terrestre di Taiwan, ma la flotta di portaerei statunitensi che pattuglia il Mar Cinese Meridionale.

Questa è probabilmente la chiave della guerra del Pcc contro Taiwan.

La Cina ha pianificato un attacco militare a Taiwan per molti anni, e la sua strategia di combattimento contro Taiwan è stata più o meno finalizzata. Ma il suo più grande impedimento è stata la protezione statunitense di Taiwan. Il Pcc ha formulato una varietà di strategie ‘anti-accesso’, principalmente per prevenire l’intervento in battaglia delle portaerei statunitensi.

In futuro, l’aviazione determinerà l’esito della guerra. Il più grande vantaggio della Cina sugli Stati Uniti nel combattimento aereo attraverso lo stretto di Taiwan è la distanza. Le portaerei statunitensi sono quindi l’unico e più grande ostacolo al tentativo del Pcc di conquistare Taiwan.

Per questo negli ultimi dieci anni, l’attenzione strategica cinese è stata concentrata su come affrontare le portaerei americane. Gli aerei di nuova generazione schierati sono tutte armi rivolte contro le portaerei statunitensi.

Il Pcc manca di un comando militare con esperienza di combattimento

Dopo che il Partito comunista cinese ha stabilito il suo potere in Cina, la maggior parte delle grandi guerre sono state comandate da generali con molta esperienza di combattimento. Anche nella guerra del 1979 contro il Vietnam, un gran numero di generali al comando erano soldati esperti che avevano partecipato a guerre precedenti.

Ormai questi generali non ci sono più. Il mondo esterno non ha modo di valutare la qualità di questa nuova generazione di generali cinesi. Tuttavia, una cosa è certa: molti dei generali dell’esercito del Pcc non sono diventati generali in base al loro merito.

Dopo la presa del potere, le prestazioni di combattimento dell’aeronautica del Pcc erano leggermente migliori di quelle della sua marina. L’aviazione comunista cinese ha partecipato alle operazioni nella guerra di Corea negli anni ’50 e ha combattuto direttamente contro l’aviazione statunitense. Poi, nel confronto con il governo nazionalista di Taipei nello stretto di Taiwan, le due parti hanno effettuato molte battaglie aeree negli anni ’50, e dalla fine degli anni ’60 ai primi anni ’70. Durante la guerra del Vietnam, ci fu anche un conflitto tra aerei militari cinesi e aerei statunitensi.

Il record delle Forze Aeree del Pcc sopra il Nordest e la Corea del Nord è stato ottenuto con il MiG-15 contro il B-26 e il vecchio F-80 americano. Non c’è traccia dell’abbattimento dell’F-86 Saber americano da parte delle forze aeree del Pcc. In altre parole, l’aviazione del Pcc si concentrò principalmente sull’attacco ai bombardieri più lenti.

Alla fine degli anni ’50, l’aeronautica del Pcc ha utilizzato flotte di MiG-17 presi dalla Russia Sovietica, per combattere contro i nazionalisti di Chiang Kai-sheck che combattevano da Taiwan. All’epoca, Taiwan si difese con il caccia americano F-86.

Anche allora, la forza aerea del Pcc perse la maggior parte delle sue battaglie contro Taiwan. Di conseguenza, la forza aerea del Pcc si ritirò nell’entroterra e non osò più combattere in mare aperto.

Non hanno più volato sull’oceano fino agli anni ’80.

Quello che voglio sottolineare è che l’aviazione comunista cinese è sempre esistita come una forza difensiva, piuttosto che una forza offensiva usata per l’attacco.

Dopo il 1949, la maggior parte della vecchia marina della Repubblica di Cina si ritirò a Taiwan, fuggendo dal regime comunista cinese. Anche se le vecchie navi da guerra ricevute dall’America erano datate, andavano comunque molto meglio della marina che il Pcc aveva frettolosamente istituito negli anni ’50. La marina del Pcc aveva un piccolo tonnellaggio di potenza di fuoco. C’erano poche navi da guerra oltre le mille tonnellate, per lo più costituite da cannoniere e navi siluro. Le molte battaglie navali del regime cinese del Pcc contro Taiwan erano tutti attacchi in mare, che consistevano nel nascondere le navi da guerra nelle isole costiere, per poi lanciare improvvisamente attacchi a sorpresa, avvicinandosi alle navi nemiche a velocità elevate, e sparando siluri prima di fuggire rapidamente.

L’ultima battaglia navale tra i nazionalisti cinesi e il Partito Comunista Cinese fu nel 1965. A quel tempo, l’esercito nazionalista voleva catturare le isole Pratas. L’esercito comunista aveva diverse torpediniere in attesa di tendere un’imboscata alla marina nazionalista. Due delle tre navi da guerra della Marina nazionalista cinese furono affondate e una fu gravemente danneggiata.

La tecnologia è solo un fattore

Nel 1974, la marina cinese e quella del Vietnam del Sud si sono scontrate nelle isole Paracelso del Mar Cinese Meridionale e la marina cinese ebbe la meglio. Ora è nota come la Battaglia delle Isole Paracelso, l’ultimo tentativo del Vietnam del Sud di eliminare la presenza militare cinese nella zona.

A quel tempo, gli Stati Uniti avevano già ritirato le loro truppe dal Vietnam. Gli americani vendettero diversi cacciatorpediniere della Seconda Guerra Mondiale al Vietnam del Sud e fornirono l’addestramento. Ma al momento della battaglia delle isole Paracelso, il Vietnam del Sud aveva appena ricevuto le navi statunitensi. La potenza di combattimento non può essere formata solo con armi di alta qualità e determinazione: l’esperienza è vitale.

In quella battaglia navale, il Pcc aveva quattro torpediniere e dragamine contro i tre cacciatorpediniere della Marina sudvietnamita. La parte sudvietnamita aveva il vantaggio della stazza e della potenza di fuoco.

Una volta ho parlato con un generale vietnamita che aveva servito nel Ministero della Difesa sudvietnamita, e che poi si era stabilito negli Stati Uniti. Ero curioso di sapere perché gli Stati Uniti non avevano intrapreso alcuna azione durante la guerra delle Paracelso contro la Cina. L’alleanza militare con il Vietnam del Sud era ancora intatta, e gli Stati Uniti erano obbligati a fornire assistenza.

Il generale ha detto che dopo l’inizio della battaglia delle Paracelso, il Vietnam del Sud ha continuato a chiedere assistenza agli Stati Uniti, senza ricevere alcuna risposta dall’inizio alla fine. Secondo lui, se gli americani avessero fornito assistenza, solo due dei loro caccia avrebbero potuto risolvere il problema. Avrebbero impiegato meno di dieci minuti per arrivare da Subic Bay, nelle Filippine, al luogo del conflitto navale. Eppure, le loro chiamate agli Stati Uniti rimasero senza risposta.

I documenti sudvietnamiti registrano che dopo la consegna delle navi da guerra sudvietnamite da parte degli Stati Uniti, questi inviarono un gran numero di consulenti navali per addestrare i marinai sudvietnamiti. Tuttavia, nel 1974, questi stessi americani in Vietnam ricevettero improvvisamente l’ordine di non lasciare il porto con le navi da guerra (per fornire aiuto). Pertanto, la battaglia navale nelle isole Paracelso venne lasciata nelle mani di un gruppo di pivelli sudvietnamiti che navigavano su navi da guerra americane contro la marina cinese.

Quindi credo che gli Stati Uniti abbiano tacitamente accettato che il Pcc prendesse il controllo delle isole Paracelso. Gli Stati Uniti avevano stabilito che il Vietnam del Sud sarebbe inevitabilmente caduto nelle mani del Vietnam del Nord. A quel tempo, le relazioni tra il Vietnam del Nord e l’Unione Sovietica si stavano rafforzando.

Agli occhi degli Stati Uniti, le isole Paracelso non potevano cadere nelle mani dell’Unione Sovietica (tramite il Vietnam), perché il Mar Cinese è una via marina strategica. La strategia di politica estera preferiva il Vietnam nelle mani della Cina, rispetto al Vietnam nelle mani dell’Urss in quel momento.

Non è mai stato reso pubblico se gli Stati Uniti e il Pcc abbiano fatto un accordo segreto su questo tema. Ma so che dopo che il Pcc ha preso le isole Paracelso dal Vietnam del Sud, stranamente non ha piazzato armi e attrezzature offensive sulle isole.

Solo dopo il 2008 il Pcc ha iniziato a piazzare missili sulle isole del Mar Cinese Meridionale e ad espandere gli aeroporti, tra gli altri preparativi militari. Molti Paesi sono stati sorpresi dalla forte risposta del governo degli Stati Uniti. Forse ha avuto a che fare con l’interruzione da parte del Pcc dell’originale tacita intesa con gli Stati Uniti?

Tutti sanno che la tecnologia delle armi aiuta l’esito di una guerra. Ma il risultato non è mai solo una questione di qualità delle armi. Anche i metodi di combattimento e i metodi di comando della leadership devono essere aggiornati per assicurare la vittoria.

La moderna marina e l’aviazione cinese possiedono attrezzature avanzate, ma questo non significa che il Pcc abbia capacità di combattimento avanzate. La fiducia di Mao Zedong era basata sull’avere un esercito comunista con più di due decenni di brutale esperienza di guerra. Oggi l’esercito del Pcc usa strategie militari non testate per controllare le nuove armi, e non ha esperienza di combattimento. Al di là della sua appariscente nuova tecnologia, ci sono ancora notevoli dubbi sulla sua capacità di vincere una vera guerra.

 

Le opinioni espresse in questo articolo sono le opinioni dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni di The Epoch Times.

Articolo in inglese The CCP Wants to Attack Taiwan but Military Lacks Real Combat Experience

 
 
 

Segretario di Stato Usa: Taiwan deve partecipare all’Assemblea mondiale della Sanità

Segretario di Stato Usa: Taiwan deve partecipare all’Assemblea mondiale della Sanità
Taiwan nell'Assemblea Mondiale della Sanità? Secondo il segretario di Stato americano Antony Blinken, l'Oms deve invitare anche Taiwan ...
Leggi >
 

Il voltagabbanesimo ed i suoi profeti, dal M5s al rapper Fedez

Il voltagabbanesimo ed i suoi profeti, dal M5s al rapper Fedez
L’autore dell’articolo, Gigi Morello, è nato a a Torino e ha vissuto diversi anni negli Usa. Musicista, didatta e ...
Leggi >
 

Cittadino cinese scopre un sistema di spionaggio nella sua Smart Tv | China in Focus

Cittadino cinese scopre un sistema di spionaggio nella sua Smart Tv | China in Focus
Recentemente, un utente della Cina continentale di nome 'v64500' ha scritto sul forum online 'V2EX' che il suo ...
Leggi >
 

I dati smontano il mito del «razzismo» negli omicidi della polizia

I dati smontano il mito del «razzismo» negli omicidi della polizia
Il presidente Joe Biden ha affermato che la condanna di Derek Chauvin ha aperto gli occhi al mondo ...
Leggi >