Nominalismo, il motore primo delle bugie

Di Kenneth La Fave

Come ci siamo arrivati ​? Come siamo arrivati ​​a un punto in cui il valore di un individuo dipende dalla sua razza, sesso o classe? Come siamo arrivati ​​a credere che l’«equità» abbia la precedenza morale sulla libertà? Come siamo stati portati ad accettare che il genere non avesse significato al di fuori di quello che gli viene attribuito da ciascun individuo, indipendentemente dal sesso biologico?

Il veicolo che ci porta sull’orlo di questo abisso è il nominalismo.

Il nominalismo è l’affermazione filosofica secondo cui l’identità di qualcosa nasce dalle parole che usiamo. Nel linguaggio tecnico, diciamo che il nominalismo rifiuta l’esistenza degli universali, il che equivale a dire la stessa cosa: le cose non hanno identità al di fuori delle parole che applichiamo loro.

Ciò contrasta con il realismo filosofico, che riconosce l’identità come esistente all’interno delle nostre esperienze preverbali degli oggetti, del fisico e del mentale. Il nominalista, invece, non chiama qualcosa X perché è X, ma considera che esso sia X proprio perché egli lo chiama X. Il realista, al contrario, chiama una cosa X perché X è l’etichetta convenzionale che usiamo per il concetto reale a cui si fa riferimento.

Il nominalismo è il gioco dell’appiccicare la parola al concetto. I nominalisti non cercano la verità, ma la rinchiudono in un labirinto di verbosità. Una parola significa qualunque cosa intendano la maggior parte delle persone che la usano. Anzi, non deve nemmeno essere una maggioranza. «Il razzismo sono i bianchi» è una credenza in ascesa perché coloro che hanno potere culturale insistono su di essa.

Una parola «significa» qualunque cosa «chi è al potere» (in questo caso, si parla dei media e dell’accademia) dice che significhi; e così loro ti diranno che razzismo significa essere bianchi, e non c’è niente che tu possa fare al riguardo, purché si capitoli alla tesi nominalista che nulla è reale al di fuori delle parole che usiamo. La maggior parte delle persone lo farà, perché il nominalismo è comune come il raffreddore.

È anche richiesto dall’editto dell’Accademia, ridotto efficacemente alla dichiarazione generale del filosofo francese Jacques Derrida, accettata da tutti i professori universitari «rispettabili», che «non c’è nulla al di fuori del testo». Le parole sono tutto. Il reale è semplicemente ciò che scegliamo di chiamare «reale».

Parole sulla natura

Il caso attuale più evidente di nominalismo rampante è il movimento transgender, che sostiene che un uomo biologico possa essere una donna o viceversa. Una donna è semplicemente una persona che si identifica come donna, e che usa la parola «donna» in riferimento a se stessa.

Ci si potrebbe chiedere che differenza faccia per una persona transgender se la società rifiuti di chiamarla «donna». Perché una persona transgender insiste sull’approvazione esterna? Perché un mondo in cui la realtà è indifferente ai desideri e ai sentimenti dei progressisti è un luogo pericoloso, dove cose, persone, pensieri ed emozioni hanno una natura intrinseca che non può essere controllata. La biologia non significa nulla per i veri progressisti, perché il mondo reale, al contrario del mondo delle parole, è vuoto per loro. Contano solo i sentimenti di una persona, e questi sono incarnati nell’applicazione di pronomi appropriati. Il concetto di parole che primeggiano sulla natura è nominalismo ai massimi livelli.

In A Conflict of Visions, Thomas Sowell ha scritto di due modi di vedere l’esistenza: la visione vincolata e la visione non vincolata. Nella visione vincolata, gli esseri umani sono intrinsecamente limitati dalla loro natura, mentre la visione non vincolata non ammette limiti naturali all’attività umana. La prima porta a una modalità di governo conservatrice, che tiene conto sia della libertà umana che dei difetti umani, mentre la seconda dà via libera al potere di chiunque abbia un piano utopico per plasmare una popolazione secondo i suoi desideri.

La relazione tra la visione non vincolata e il nominalismo è chiara: la visione non vincolata può essere giustificata solo se il mondo è costituito da parole, non da oggetti fisici e mentali reali. Se «libertà» significa qualcosa di reale nel mondo, ci si limita a quel concetto, ma se «libertà» può essere ridefinita per voler dire «ciò che viene solo con l’equità del reddito», allora è possibile distruggere la vera libertà in nome della libertà.

Sinistra e destra

Questo ci porta forse alla più ingannevole di tutte le attuali distorsioni verbali: le definizioni di sinistra e destra politica. È noto che i termini hanno avuto origine nell’Assemblea nazionale francese del 1789, quando coloro che favorivano il re sedevano sul lato destro della camera e coloro che cercavano la sua eliminazione sedevano a sinistra. Questa distinzione ha preso una vita propria ed è sbocciata nell’uso internazionale. Ma cosa indicano effettivamente i termini, oltre alla disposizione dei posti a sedere? Cerca la maggior parte delle definizioni del dizionario e vedrai che essere a destra significa favorire l’autorità sulle libertà personali, mentre essere a sinistra indica compassione e libertà.

Questa indicazione nominale di sinistra e destra è dovuta all’associazione di un re con l’autoritarismo. Solo perché i membri dell’assemblea che sedevano alla destra favorivano il re? In realtà, il re Luigi XVI fu il primo re francese a prendere sul serio il grido dei mercanti francesi del XVII secolo, «Laissez-faire et laissez-passer; le monde va de lui meme» («Le cose si facciano e passino senza aiuto; il mondo va da sé»). Ancora oggi, Luigi XVI viene definito «il restauratore della libertà francese».

Pertanto, una definizione realistica della destra politica corrisponderebbe al concetto originale di chi si sedeva a destra: «La posizione che favorisce la libertà individuale; laissez-faire». Quelli che si sedevano a sinistra, come avrebbe presto confermato il Terrore, intendevano il contrario: la sinistra, per definizione realista, indica «la posizione che favorisce l’interferenza autoritaria nelle decisioni individuali». La confusione su «sinistra» e «destra» deriva dal presupposto che le parole possono attaccarsi a qualsiasi concetto si adatti al nostro sistema di credenze; in altre parole, al nominalismo.

Il mondo reale

Ora possiamo vedere perché George Orwell si è concentrato sull’importanza del linguaggio. Una cultura nominalista può facilmente distorcere una parola per significare il suo opposto: «La libertà è schiavitù» era uno slogan chiave nella dittatura socialista del «1984» di Orwell. Consenti il nominalismo puro ed esso chiamerà la libertà schiavitù, uomini donne e bugie verità. Solo il realismo filosofico può combattere questo assalto all’umanità. Solo la comprensione che le parole sono semplici etichette per i concetti che stanno alla loro base – concetti che a loro volta corrispondono a oggetti mentali e fisici del mondo reale (non verbale) – può ripristinare la sanità mentale. Il mondo è reale e siamo liberi di interagire con esso, ma solo alle sue condizioni.

Orwell ha sottolineato che «la libertà è la libertà di dire che due più due fanno quattro». La libertà non è la libertà di dire che la risposta a quell’equazione è cinque se si adatta alla propria identità etnica o di genere. La libertà non è soggettivismo: è individualismo, che è l’obbligo di ogni essere umano di discernere il mondo reale dalla sua prospettiva, piuttosto che fabbricarlo secondo l’ideologia politica o i sentimenti personali. Il nominalismo si pone come «libertà», ma in realtà è soggettivismo infondato. Il realismo apre le porte all’esperienza della vera libertà e della sua questione più profonda, la bellezza. Questo è stato il punto sollevato dal defunto poeta laureato statunitense Richard Wilbur, quando ha scritto:

«Lascia che i sognatori sognino i mondi che preferiscono,

Quegli Eden non possono essere trovati.

I fiori più dolci, gli alberi più belli

Sono cresciuti in un terreno solido».

 

Kenneth LaFave, ex critico musicale dell’Arizona Republic e del Kansas City Star, ha recentemente conseguito un dottorato in filosofia, arte e pensiero critico presso la European Graduate School. È autore di tre libri, tra cui «Experiencing Film Music» (2017, Rowman & Littlefield).

 Le opinioni espresse in quest’articolo sono le opinioni dell’autore e non riflettono necessariamente quelle di Epoch Times.

Articolo in inglese: Nominalism: The Engine of Lies

NEWSLETTER
Epoch Times Italia 2021
 
 
 

Trump annuncia il lancio del suo nuovo social, si chiama ‘Truth’

Trump annuncia il lancio del suo nuovo social, si chiama ‘Truth’
Il 20 ottobre l'ex presidente americano Donald Trump ha annunciato l'imminente lancio della sua piattaforma social. La versione ...
Leggi >
 

Pechino vuole esportare la censura di Internet in tutto il mondo

Pechino vuole esportare la censura di Internet in tutto il mondo
Le democrazie non riescono a opporsi al piano senza precedenti di Pechino per limitare la libertà di Internet ...
Leggi >
 

Le Big Pharma guadagnano molto dal Covid, ma qui si esagera | Facts Matter Italia

Le Big Pharma guadagnano molto dal Covid, ma qui si esagera | Facts Matter Italia
Una nuova pillola anti Covid-19 che dovrebbe ridurre del 50% il rischio di ospedalizzazione e morte è attualmente ...
Leggi >
 

Il Giappone è un baluardo contro l’espansionismo del regime cinese

Il Giappone è un baluardo contro l’espansionismo del regime cinese
Il regime comunista cinese non ha mai fatto mistero di voler controllare il mondo. Per riuscire nel suo ...
Leggi >