‘Non essere ribassista’, l’inevitabile fine dei cattivi consigli

Di Lance Roberts

«Non essere ribassista». Questo è stato il messaggio su un articolo del «Wall Street Journal» nell’agosto 2021, in cui si discuteva della «nuova generazione» di «star dei media finanziari».

Vale a dire: «Mentre gli statunitensi si ritiravano sui loro divani durante la pandemia, milioni di sedicenti suggeritori di azioni (alcuni pieni di soldi di stimolo) hanno avviato app di social media e messaggistica e si sono tuffati a capofitto nel mondo degli investimenti al dettaglio.

Molti di questi influencer non hanno una formazione formale come consulenti finanziari e non hanno esperienza negli investimenti professionali, il che li porta a scegliere titoli in base ai capricci dell’opinione popolare o a dispensare consigli che fanno perdere denaro».

E dal momento che i giovani investitori volevano una tabella di marcia facile e veloce per realizzare grandi profitti, queste «stelle» online che dispensavano consigli gratuiti ne sono diventate la fonte perfetta.

Tuttavia, ciò non dovrebbe sorprendere, dato il progresso quasi verticale del mercato dai minimi del 2020. Con la Fed che negli Usa fornisce un’assicurazione contro le perdite, i giovani investitori hanno aumentato il rischio finanziario.

Come abbiamo visto allora, le azioni degli investitori al dettaglio ricordavano fin troppo ciò a cui abbiamo assistito prima del crollo delle dot-com. Tuttavia, difficilmente si può biasimarli, dato che questo è l’unico ambiente di investimento che abbiano mai conosciuto.

Ma qui sta il resto della storia.

Solo una faccia della medaglia

Secondo l’articolo, ci sono solo 3 regole che devi seguire per essere una «star finanziaria dei social media».

  • Sii riconoscibile
  • Vendi un sogno
  • Tutti rialzisti, niente ribassisti

In altre parole, se si creasse un annuncio per questo lavoro, il cartello direbbe: «Non essere ribassista. Nessuna esperienza richiesta».

La Generazione nata tra il 1992 e il 2002, aveva tra i cinque e i 16 anni durante la crisi finanziaria. Questo è un punto importante perché non hanno mai veramente sperimentato un mercato ribassista. E, del resto, ogni volta che hanno ricevuto consigli che suggerissero cautela, asset allocation o gestione del rischio, si è visto che seguirli si è ripetutamente dimostrato meno efficace del seguire il mercato.

«Ah… i boomer semplicemente non capiscono».

Ciò ha portato a un grave caso di «pregiudizio di conferma» da parte degli investitori al dettaglio che hanno chiesto un pregiudizio rialzista.

Vale a dire: «Come la maggior parte dei contenuti Internet, i video degli influencer prosperano grazie alla popolarità. E nel bel mezzo di un mercato rialzista di lunga data, ciò che è popolare sono solo storie di successo e trucchi d’effetto».

Molti influencer riferiscono che quando pubblicizzano un investimento, ottengono le visualizzazioni di pagina che bramano. Tuttavia quando il messaggio è ribassista, gli spettatori si allontanano o, peggio, attaccano il messaggero con feroci trolling.

Il problema con il pregiudizio «non essere ribassista» dovrebbe essere evidente. Guardare solo un lato della medaglia fa sì che gli investitori vengano presi alla sprovvista dall’altro lato.

«Sappiamo che il day trading non produce ricchezza a lungo termine per la stragrande maggioranza delle persone che lo fanno, ma questi influencer stanno sfruttando quella parte del cervello umano che ha meno inibizioni, che pensa: “Sarò l’eccezione”. Ciò porta alla speculazione e ad altri tipi di comportamenti ad altissimo rischio». ha affermato Ted Klontz, professore di finanza comportamentale, Creighton University.

La domanda da parte dei membri della Generazione Z di contenuti ottimistici è il motivo per cui hanno ignorato gli stessi segnali che in precedenza avevano avuto un impatto negativo sia sui Millennial che sui Boomer.

Bello finché è durato

Il problema di oggi per i giovani investitori al dettaglio è che i mercati hanno sfidato la logica così tante volte da diventare sinonimo del gridare ‘al lupo!’. Certo, le valutazioni sono storicamente costose, ma allora? La Fed continua a spingere l’accomodamento monetario.

«Non essere ribassista». Sì, è stato bello finché è durato.

Dalla metà del 2021 e proseguendo nel 2022, il fervore speculativo degli investitori al dettaglio alla ricerca di titoli come Amc, Gamestop, Bed Bath & Beyond e molti altri, è terminato proprio come previsto. Quando i tassi di interesse sono aumentati, la liquidità si è invertita e la Fed è diventata più aggressiva sulla politica monetaria, i titoli «Yolo» sono diventati «Oh No».

Come mostra la tabella seguente, delle 700 società esaminate con capitalizzazioni di mercato superiori a $ 7 miliardi, le 120 società hanno mostrato la maggior distruzione dei prezzi dai loro massimi di 52 settimane. Molte erano le  «meme stock» più popolari, come Zillow, Zoom, Pinterest, Netflix, ecc. Queste aziende sono in calo del 33% o più rispetto ai massimi di 52 settimane.

Fonte: tabella di ricerca di Zack di: RealInvestmentAdvice.com

La tabella seguente mostra le 81 società con la maggiore capitalizzazione di mercato. Si noterà che molte aziende sono scese significativamente più dell’indice S&P 500 nel 2022. Aziende come Nvidia, Facebook (Meta), Salesforce, Paypal, Qualcomm e persino Tesla sono in calo del 20% o più rispetto ai massimi di 52 settimane.

Fonte: tabella di ricerca di Zack di: RealInvestmentAdvice.com

Naturalmente, quella distruzione del capitale pesa sul sentimento degli investitori. Mentre gli investitori al dettaglio hanno goduto della frenesia alimentare indotta dalla liquidità, molti ora hanno subito un grave mercato ribassista nei loro portafogli. Non sorprende che il sentimento degli investitori sia a livelli il più delle volte associati a correzioni più significative e a mercati fortemente ribassisti.

Fonte: Grafico Refinitiv di: RealInvestmentAdvice.com

Abbiamo cercato di avvisarvi

L’azione dei giovani investitori al dettaglio è stata comprensibile. Con un assegno di stimolo e un’app di trading, il «casinò di Wall Street» si è aperto agli affari.

Tuttavia, il risultato di giovani investitori che si sono avvicinati al mercato con l’atteggiamento di chi non può mai perdere è stato evidente. Mentre le star dei social media si sono arricchite gratuitamente, dietro il consiglio di non essere ribassista, vale la pena notare che le loro ricchezze non derivano dalla loro capacità di investimento. Sono derivate, invece, dalla loro abilità nella produzione di prodotti e annunci. Questo non è molto diverso da come Wall Street fa i suoi soldi.

L’esperienza tende ad essere un insegnante brutale, ma è solo attraverso l’esperienza che impariamo come costruire ricchezza con successo a lungo termine.

Come una volta Ray Dalio ha detto scherzando: «L’errore più grande che fanno gli investitori è credere che quello che è successo nel recente passato sia destinato a persistere. Presumono che qualcosa che è stato un buon investimento nel recente passato sia ancora un buon investimento. In genere, rendimenti passati elevati implicano semplicemente che un asset è diventato più costoso ed è un investimento peggiore, non migliore».

Ecco perché ogni grande investitore della storia, in forme diverse, ha in comune una regola di investimento di base: «Non perdere soldi».

Il motivo è semplice: sei fuori gioco se perdi il tuo capitale.

Molti giovani investitori hanno acquisito molta esperienza donando la maggior parte dei loro soldi a chi ha esperienza.

È una delle storie più antiche di Wall Street.

Quindi, i Millennials si sono affrettati a respingere i Boomers nei mercati finanziari perché «non capiscono».

C’era una verità più semplice.

Abbiamo «capito».

Abbiamo vissuto abbastanza a lungo per sapere come finiranno queste cose.

 

Lance Roberts è il capo stratega degli investimenti per Ria Advisors e caporedattore del Real Investment Report , una newsletter settimanale per abbonati inviata a oltre 100.000 persone. La newsletter tratta argomenti economici, politici e di mercato in relazione ai tuoi soldi e alla tua vita. Conduce anche The Real Investment Show e le sue opinioni sono spesso ricercate dalle principali fonti dei media. Le sue intuizioni e i suoi commenti sulle tendenze che influenzano i mercati finanziari gli sono valsi un posto nell’elenco 2020 degli Refinitiv Global Social Media 100.

Le opinioni espresse in quest’articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle di Epoch Times.

Articolo in inglese: Don’t Be Bearish. The Inevitable End of Bad Advice

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Cina, nuove restrizioni sui bonfici bancari e crisi immobiliare. Sempre più cinesi fuggono all’estero

Cina, nuove restrizioni sui bonfici bancari e crisi immobiliare. Sempre più cinesi fuggono all’estero
Le principali banche statali cinesi stanno imponendo nuovi stringenti limiti sui bonifici bancari, consentendo ai propri clienti di ...
Leggi >
 

Il vero obbiettivo dell’Agenda Onu 2030: più potere alle organizzazioni internazionali

Il vero obbiettivo dell’Agenda Onu 2030: più potere alle organizzazioni internazionali
Il World Economic Forum (Wef) ha recentemente concluso il suo consueto incontro annuale in Svizzera, dove miliardari e ...
Leggi >
 

Usa, la Corte Suprema ribalta la storica sentenza sull’aborto Roe vs Wade

Usa, la Corte Suprema ribalta la storica sentenza sull’aborto Roe vs Wade
Il 24 giugno 2022 la Corte Suprema statunitense ha ribaltato la storica Roe vs Wade, la sentenza che ...
Leggi >
 

Speciale: Il regime cinese alla conquista dell’Africa con la Nuova Via della Seta

Speciale: Il regime cinese alla conquista dell’Africa con la Nuova Via della Seta
Pechino ha investito miliardi di dollari in infrastrutture in Africa, ma con intenzioni tutt’altro che altruiste. Il piano ...
Leggi >