Nuovo libro rivela le operazioni globali di influenza di Pechino

Di Terri Wu

Già un mese prima delle elezioni di medio termine, diverse società di sicurezza informatica e analisi hanno lanciato l’allarme: il regime comunista cinese ha influenzato e sta cercando di influenzare gli elettori statunitensi per infiammare le lotte intestine e promuovere la Cina come esempio di superiorità della dittatura sulla democrazia.

Tra queste aziende, Mandiant, una società di sicurezza informatica recentemente acquisita da Google, ha affermato di aver monitorato una campagna online denominata «Dragonbridge» dal giugno 2019. L’anno scorso, Mandiant ha osservato il tentativo di Dragonbridge di mobilitare proteste di piazza negli Stati Uniti contro il sentimento anti-asiatico americano; le attività della campagna si sono estese a decine di piattaforme di social media in più di sette lingue.

Quest’anno, Mandiant ha assistito a operazioni più sfumate con una retorica intensificata che scoraggiava gli americani dal votare.

Ancora una volta, questi risultati hanno portato alla luce le operazioni di influenza mediatica globale del Partito Comunista Cinese (Pcc). Su questo argomento, il nuovo libro Beijing’s Global Media Offensive: China’s Uneven Campaign to Influence Asia and the World offre una visione completa con dettagli della storia e delle operazioni delle piattaforme media tradizionali e digitali.

Un caso di studio evidenziato nel libro è stato l’agenzia di stampa Xinhua, il mezzo di informazione ufficiale del Pcc: «[Xinhua, ndr] ha firmato accordi di condivisione dei contenuti con un’ampia gamma di pubblicazioni nei Paesi in via di sviluppo e sviluppati, e in alcuni Paesi è sempre più vista come una fonte di notizie non diversa da Ap o Reuters, eccetera», ha scritto per email a Epoch Times l’autore Joshua Kurlantzick, un membro anziano del Council on Foreign Relations americano.

Sebbene il contenuto di Xinhua sia utilizzato meno dai media statunitensi, China Watch – un inserto pubblicitario di articoli dal portavoce inglese del Pcc China Daily – è più comune. Nel suo libro, Kurlantzick ha affermato che China Daily ha pubblicato tali inserti in oltre 30 importanti organi di stampa di portata internazionale.

«Alcune testate giornalistiche statunitensi, come il Wall Street Journal, fanno un ottimo lavoro nel chiarire che si tratta fondamentalmente di pubblicità; altri no, e ‘China Watch‘ potrebbe sembrare ad alcuni lettori un vero articolo, anche se proviene dal China Daily».

Sebbene in passato il Pcc avesse controllato o influenzato i media locali in altri Paesi, insieme a campagne di disinformazione online in parte apprese dalla Russia, l’efficacia complessiva è stata un miscuglio, si legge nel libro di Kurlantzick.

Il sostegno del Pcc alla Russia durante la guerra in Ucraina, sebbene ultimamente un po’ debole, ha danneggiato la sua immagine globale, specialmente in Europa.

«Ha minato anche l’offensiva mediatica della Cina e, insieme ad altri fattori come la coercizione economica della Cina e la diplomazia aggressiva, sta portando a opinioni altamente negative sulla Cina in molti Stati».

Tuttavia, con Xi Jinping che si assicura il suo terzo mandato come segretario generale del Pcc fino al 2028, si prevede che l’esportazione della propaganda comunista cresca.

Durante una visita al People’s Liberation Army Daily nel dicembre 2015, Xi ha notoriamente affermato: «Ovunque siano i lettori, ovunque siano gli spettatori, è lì che gli articoli di propaganda devono estendere i loro tentacoli, ed è lì che il punto focale e il punto finale della propaganda e il lavoro di ideologia dovrebbe essere».

Il 25 ottobre, giorni dopo il 20° Congresso, il quotidiano del Partito People’s Daily ha pubblicato su Weibo, la piattaforma cinese simile a Twitter, i 40 principali «tormentoni» usati nei rapporti ufficiali del Partito; le versioni ufficiali in inglese accompagnavano gli originali cinesi.

Questo approccio consisteva nel fornire una versione ufficiale del gergo del Partito e modellare queste definizioni del Pcc in espressioni inglesi quando si esportava propaganda, ha detto a Voice of America Sang Pu, commentatore politico e presidente della Taiwan Hong Kong Association. Ha aggiunto che nel «nuovo viaggio», la versione inglese della prima frase della lista, ha omesso il tono bellicoso dell’originale cinese: una tattica tipica della propaganda del Pcc.

Kurlantzick ha detto a Epoch Times che far registrare i media statali cinesi come agenti stranieri negli Stati Uniti è stato uno strumento efficace, ma non avrebbe affrontato la condivisione di contenuti della propaganda o pubblicità a pagamento. Ha affermato che i programmi per «promuovere l’alfabetizzazione degli americani sulla comprensione delle fonti di qualità» e «la repressione del crescente uso della disinformazione online da parte della Cina» sono essenziali.

Le sue tre principali raccomandazioni per i Paesi democratici sono la formazione dell’alfabetizzazione digitale dei cittadini nel discernere la disinformazione online, esaminare gli investimenti stranieri nei settori dei media e dell’informazione allo stesso livello dei semiconduttori e di altre industrie sensibili e ricostruire il marchio globale della democrazia per diminuire l’attrattiva dei regimi autoritari.

 

Articolo in inglese: Beijing’s Global Media Influence Operations Illuminated in New Book

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Covid Cina, impennata delle assunzioni nelle pompe funebri

Covid Cina, impennata delle assunzioni nelle pompe funebri
Durante la grave epidemia di Covid-19, le pompe funebri in Cina hanno reclutato attivamente nuovi dipendenti e personale ...
Leggi >
 

È finita, la Cina non potrà più superare economicamente gli Stati Uniti

È finita, la Cina non potrà più superare economicamente gli Stati Uniti
La Cina, il Paese più popoloso del mondo, ha raggiunto un punto di svolta nella storia poiché ha ...
Leggi >
 

Praticanti del Falun Gong lanciano un messaggio alla parata di New York

Praticanti del Falun Gong lanciano un messaggio alla parata di New York
NEW YORK - La parata per il Capodanno lunare dei praticanti del Falun Gong organizzata il 21 gennaio ...
Leggi >
 

La produzione cinese diminuirà drasticamente

La produzione cinese diminuirà drasticamente
La Cina è da sempre considerata un importante Paese manifatturiero, che svolge un ruolo centrale nella divisione industriale ...
Leggi >