«Partner» o «rivale sistemico»: l’Ue al bivio nella sua politica cinese

Di Wang He

La politica dell’Ue nei confronti della Cina si trova a un bivio storico, e a volte oscilla da una parte all’altra e si contraddice, come rivelato dagli importanti e recenti eventi.

Il 25 marzo Biden ha partecipato al vertice dell’Ue – è la prima volta dal 2009 che un presidente degli Stati Uniti si è unito ai colloqui con i 27 leader dell’Ue – e ha chiesto una più stretta cooperazione Usa-Ue nei rapporti con il Partito Comunista Cinese (Pcc) e la Russia; ma la cancelliera tedesca Angela Merkel ha insistito sul fatto che l’Ue non avrebbe condiviso «nessuna identità» con Washington sulla questione del Pcc, e «questo è assolutamente chiaro», ha aggiunto.

Tuttavia, un po’ prima, il 22 marzo l’Ue aveva lanciato le sue prime sanzioni dal 4 giugno 1989 contro il regime del Pcc, coordinandosi con gli Stati Uniti e i suoi alleati. Il 24 marzo Blinken ha tenuto colloqui con il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen e il rappresentante capo della politica estera dell’Ue, Josep Borrell, e successivamente ha rilasciato una dichiarazione congiunta con Borrell, annunciando la ripresa del dialogo Usa-Europa sulla Cina.

Da una serie di eventi così contrastanti e in qualche modo drammatici, possiamo vedere che la politica dell’Ue nei confronti della Cina è a un bivio.

Da un lato, di fronte alla tentazione economica e al dirottamento del Pcc, l’Ue è caduta così profondamente nella trappola che ha avuto difficoltà a districarsi; d’altra parte, i valori opposti tra l’Ue e il Pcc, l’ambizione globale del Pcc e la diplomazia del «lupo guerriero», hanno fatto sentire chiaramente all’Ue la minaccia strategica e la coercizione tattica del Pcc, e si sono difesi istintivamente contro di essa.

In questo momento critico in cui la situazione internazionale sta subendo profondi cambiamenti e il panorama strategico internazionale viene rimescolato, l’Ue ha urgentemente bisogno di un quadro strategico sulla Cina che sia chiaro piuttosto che vago, lungimirante piuttosto che antiquato e internamente coerente piuttosto che contraddittorio.

Dopo la pubblicazione del primo documento politico sulla Cina, «Comunicazione della Commissione – Una politica a lungo termine per le relazioni Cina-Europa» nel 1995, l’Ue ne ha emessi altri sette, tra cui «Elementi per una nuova strategia dell’Ue sulla Cina» nel 1996, «Costruire un partenariato globale con la Cina» nel 1998, «La strategia dell’Ue verso la Cina: attuazione della comunicazione del 1998 e passi futuri per una politica dell’Ue più efficace» nel 2001, «Ue-Cina: la Commissione adotta una nuova strategia per un partenariato in fase di maturazione» nel 2003, «Ue-Cina: partner più stretti, responsabilità crescenti» nel 2006, «Elementi di una nuova strategia dell’Ue sulla Cina» nel 2016 e «Ue-Cina: una prospettiva strategica» nel 2019.

In questi documenti, l’Ue ha sempre visto il Pcc come un «partner», anche se «non è stato un partner facile»; ma lo è stato solo fino al 2019, quando l’Ue ha iniziato a vedere il regime comunista come un «rivale sistemico».

Tuttavia, questa è solo una delle sue tre visioni di come guarda il Pcc: gli altri due sono un «partner negoziale» e un «concorrente economico». È ancora riluttante a rinunciare alla sua politica e alle delusioni, nel vedere il Pcc come suo partner in futuro. Ma cos’è un «rivale sistemico» nelle sue visioni su più fronti? Nemmeno l’Ue ha dato una risposta chiara.

Le illusioni di lunga data dell’Ue sul Pcc possono derivare dagli sforzi decennali del Pcc, attraverso le organizzazioni del fronte unito ( pdf ) per influenzare l’Europa, che ha considerato un campo di battaglia chiave per la sua campagna globale.

Già negli anni 70, Mao Zedong propose la «Teoria dei tre mondi», sostenendo l’integrazione europea e l’Europa come pilastro indipendente tra le potenze mondiali. L’obiettivo era fondamentalmente quello di dividere il mondo occidentale trascinando via l’Europa politicamente, economicamente e tecnologicamente, come parte del grande schema del regime comunista e della spinta geostrategica attraverso i continenti.

Nell’era post-Mao, l’Ue è stata ulteriormente intrappolata dalla «riforma e apertura» del Pcc, mentre l’integrazione europea è arrivata a buon fine nel 1993, quando il Trattato di Maastricht è entrato in vigore e l’Ue è stata istituita. Di conseguenza, l’Ue ha notevolmente facilitato l’«ascesa del Pcc» sin da quando ha aperto i suoi mercati, capitali e tecnologia a Pechino.

Ad esempio, il commercio bilaterale tra la Cina e l’Ue, è balzato da 55,68 miliardi di dollari nel 1999 a 709 miliardi, o 586 miliardi di dollari, nel 2020, con la Cina che ha superato gli Stati Uniti come principale partner commerciale dell’Ue per la prima volta nel 2020. Il surplus commerciale a lungo termine con l’Europa ha raggiunto i 181 miliardi di euro (212 miliardi di dollari) nel 2020. E del commercio bilaterale tra Cina ed Europa, la Germania occupa una quota enorme, con un volume di scambi totale di 212 miliardi di euro (249 miliardi di dollari) nel 2020, facendo della Cina il più grande partner commerciale della Germania per il quinto anno consecutivo.

Prendiamo un altro esempio, secondo le statistiche del Ministero del Commercio del Pcc, il numero di imprese investite dall’Ue in Cina ha superato le 16 mila, con 47.224 progetti stabiliti e un investimento cumulativo di 131 miliardi di dollari entro la fine del 2018.

Gli stretti legami economici tra Cina ed Europa hanno reso l’Ue, e la Germania in particolare, abbastanza illusa dal Pcc. Un esempio emblematico è che nel 2020, quando gli Stati Uniti hanno iniziato a intensificare la guerra commerciale con Pechino, nonostante l’opposizione dell’amministrazione Trump e del team di Biden, la Merkel ha insistito per utilizzare la sua posizione di cancelliera della Germania e presidente del Consiglio dell’Ue, per reprimere l’opposizione nell’Ue a favore dell’accordo globale Cina-Ue sugli investimenti, e infine ha accettato il nebuloso impegno del Pcc a ‘salvaguardare i diritti umani’ e ha annunciato l’accordo.

In risposta, il Pcc ha invece premiato l’Ue e la Germania con tentazioni economiche e minacce lungo la strada. Nel dicembre 2019, l’ambasciatore cinese in Germania, Wu Ken, ha minacciato Berlino di ritorsione se avesse escluso Huawei come fornitore delle sue reti di telecomunicazioni 5G, e la Germania avrebbe anche affrontato gravi conseguenze nell’esportare le sue auto nella Cina continentale.

In altre parole, sebbene l’Ue avesse contribuito all’«ascesa del Pcc», il Pcc non ha attenuato la sua pressione ed è diventato una minaccia crescente per l’Ue: sul fronte economico e tecnologico, le sue sfide sono diventate sempre più gravi; sull’ordine internazionale basato su regole, il suo approccio totalitario è diventato sempre più distruttivo; sul fronte politico e diplomatico internazionale, la sua diplomazia del «lupo guerriero» si è rivelata una retorica sempre più assertiva. Strategicamente, il confronto tra il regime comunista e l’Europa è diventato evidente.

Di fronte a una realtà così cupa, alcune forze all’interno dell’Ue non sono ancora disposte ad affrontarla direttamente. La visione dominante dell’Ue sull’«ascesa del Pcc» rimane tale che il Pcc sia un partner, un concorrente e un rivale sistemico dell’Ue nelle questioni economiche, tecnologiche e globali.

Questo punto di vista si riflette nel rapporto di gennaio 2019 sulla Cina della Federation of German Industries, secondo cui la Germania e l’Europa dovrebbero abbandonare la politica del «commercio per il cambiamento» nei confronti della Cina ed evitare di provare a cambiare il Pcc. Dopo più di 40 anni di sviluppo, la Cina ha stabilito un «modello ibrido» politico, economico e sociale con le proprie caratteristiche, integrando elementi dell’economia statale e dell’economia di mercato, e il Pcc da un ‘seguace delle regole’ è diventato un ‘autore di regole’, nonché un rivale sistemico delle «economie di mercato aperto» della Germania e dell’Europa.

Il significato sottointeso sembra indicare che le società occidentali dovrebbero «coesistere pacificamente» con il Pcc. Negli anni 50, Krusciov sosteneva le «tre linee di pace» – «transizione pacifica», «competizione pacifica» e «coesistenza pacifica» – tra Stati Uniti e Unione Sovietica, o tra Paesi socialisti e capitalisti, le quali presto fallirono completamente.

È buffo che alcune forze all’interno dell’Ue ora sembrino riprendere la fantasia obsoleta di Krusciov. Questo è molto pericoloso.

Il 12 agosto 2020 in un discorso al Senato ceco, l’allora segretario di Stato degli Usa Mike Pompeo ha affermato che la minaccia «rappresentata dal Partito Comunista Cinese e dalle sue campagne di coercizione e controllo» è maggiore di quella dell’Unione Sovietica. «Quello che sta succedendo ora non è la Cold War 2.0. La sfida di resistere alla minaccia del Pcc, è per certi versi molto più difficile. Questo perché il Pcc è già invischiato nelle nostre economie, nella nostra politica, nelle nostre società in modi in cui l’Unione Sovietica non lo è mai stata».

In effetti, sono le illusioni dell’Ue sul Pcc che hanno dato al Pcc il potere di scoraggiare l’Ue. L’Ue ha davvero un vantaggio in termini di forza rispetto al regime comunista. Come fa notare Luke Patey, ricercatore senior presso l’Istituto Danese di Studi Internazionali, Pechino vuole opprimere i Paesi europei con minacce economiche, ma l’Europa non ha davvero bisogno del Pcc, tanto quanto pensa.

Ad esempio, «i funzionari dell’Ue spesso si vantano ogni giorno dei flussi di merci tra l’ente regionale e la Cina per un valore superiore a 1,5 miliardi di euro (1,6 miliardi di dollari). Ma gli Stati membri dell’Ue scambiano quasi 30 miliardi di euro (35 miliardi di dollari) al giorno in totale, con partner interni ed esterni», ha scritto Patey.

Un altro esempio è che nel 2020, l’Ue ha registrato un commercio estero totale di 3,6 trilioni di euro, una diminuzione anno su anno del 10,43 per cento, mentre il commercio intra-Ue totale è stato di 2,8 trilioni di euro, in calo del 7,37 per cento su base annua. Evidentemente, il commercio intra-Ue mostra una maggiore resilienza rispetto al commercio estero.

Pertanto, non ha senso affermare che l’Europa dipende economicamente dal Pcc; se si deve dire che tale dipendenza esiste, è reciproca, e la dipendenza del Pcc dall’Ue è di gran lunga maggiore della dipendenza dell’Ue dal Pcc.

Se nel breve periodo l’Ue è in grado di superare la tentazione economica del Pcc, non è così difficile per essa fare una politica strategicamente solida sulla Cina, e il bivio sarà attraversato in un solo passo. Tuttavia, rimanendo perplessa, con prolungate esitazioni e delusioni, l’Ue si troverà solo in guai più minacciosi e più profondi con il regime cinese lungo la strada.

 

Wang He ha una laurea magistrale in legge e storia, con un focus sul movimento comunista internazionale. Era un docente universitario e un dirigente di una grande azienda privata in Cina. È stato imprigionato in Cina due volte per le sue convinzioni. Wang ora vive in Nord America e dal 2017 pubblica commenti sull’attualità e sulla politica della Cina.

 

Le opinioni espresse in quest’articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle di Epoch Times.

Articolo in inglese: ‘Partner’ or ‘Systemic Rival’: EU Finds Itself at a Crossroads on Its China Policy



 
 
 

Propaganda su Twitter e Facebook: così Pechino contrasta le critiche internazionali sullo Xinjiang

Propaganda su Twitter e Facebook: così Pechino contrasta le critiche internazionali sullo Xinjiang
Il regime comunista cinese diffonde la sua propaganda e disinformazione sia su Twitter che su Facebook, al fine ...
Leggi >
 

Vaccino Covid-19, Pfizer: probabile terza dose entro un anno

Vaccino Covid-19, Pfizer: probabile terza dose entro un anno
Secondo la Pfizer le persone che hanno ricevuto il suo vaccino per Covid-19 potrebbero aver bisogno della terza ...
Leggi >
 

Attenzione alla politica di pacificazione con la Cina, che incombe negli Stati Uniti

Attenzione alla politica di pacificazione con la Cina, che incombe negli Stati Uniti
Da quando il Partito Comunista Cinese (Pcc) ha avviato la nuova guerra fredda Usa-Cina nella prima metà del ...
Leggi >
 

Porre fine alla tirannia delle Big Tech

Porre fine alla tirannia delle Big Tech
Il 5 aprile il giudice statunitense Clarence Thomas ha annunciato che presto la Corte Suprema dovrà porre fine ...
Leggi >