Pechino, ai residenti braccialetti elettronici per il monitoraggio del Covid-19

Di Alex Wu

Un braccialetto come i detenuti? Sembra quello che è stato richiesto ad alcuni cittadini cinesi al ritorno a Pechino da viaggi all’interno della Cina stessa. Il tutto allo scopo di monitorare la situazione del Covid-19.

Secondo la rivista cinese Caixin, una donna residente a Pechino che è tornata dal Guangdong il 13 luglio è stata informata dall’ufficio della comunità che le toccava mettersi in quarantena a casa per sette giorni. All’una di notte, un membro del personale della comunità è venuto a darle un braccialetto di monitoraggio elettronico e le ha chiesto di scaricare l’app «Wei Health» per caricare i dati raccolti dal braccialetto. Le è stato detto che doveva indossarlo durante il periodo di quarantena in modo che potessero monitorare la sua temperatura corporea.

Il manuale del prodotto descrive il braccialetto come un «dispositivo di rilevamento multi-segnale», con funzioni tra cui la misurazione della temperatura corporea e il monitoraggio della frequenza cardiaca e dell’esercizio. Il dispositivo deve essere indossato 24 ore al giorno.

Un membro del personale di un ufficio della comunità nel distretto di Chaoyang a Pechino ha riferito a Caixin che il braccialetto di monitoraggio del Covid-19 è una nuova misura di controllo ordinata dalle autorità pochi giorni prima e la sua funzione più utile è quella di individuare la posizione precisa di chi lo indossa.

Indignazione pubblica

Alcuni residenti di Pechino hanno confermato sui social media che era stato chiesto anche a loro di indossare i braccialetti per il monitoraggio del Covid-19, ma si sono lamentati del fatto che stavano già riferendo regolarmente la loro temperatura corporea alle autorità e avevano sostenuto vari test durante la quarantena. Il nuovo ordine delle autorità è stato quindi considerato eccessivo. Gli utenti dei social hanno anche criticato alcuni funzionari per aver utilizzato le misure di prevenzione del Covid-19 come opportunità per fare soldi.

I residenti della comunità di Tiantongyuan hanno affermato di non aver visto alcuna politica o regolamento ufficiale sull’indossare braccialetti di monitoraggio e si sono chiesti se violasse la privacy personale. Dopo molte lamentele, il personale della comunità alla fine si è ripreso i braccialetti.

Il personale dell’ufficio del sotto-distretto di Wangquan nel distretto di Shunyi ha spiegato alla stazione radio di Pechino che la città ha selezionato tre distretti per testare le misure del braccialetto di monitoraggio.

Il 14 luglio, il personale della Commissione sanitaria municipale di Pechino ha dichiarato di non aver mai emanato alcuna politica per richiedere l’uso di braccialetti di monitoraggio: «Potrebbero essere le misure di prevenzione delle epidemie delle comunità locali».

Sorveglianza di massa

Il commentatore di attualità Wang He ha riferito a Epoch Times il 15 luglio che tali ordini devono essere la politica delle autorità di Pechino e che, per come la vedeva, la commissione sanitaria non dice la verità. Pechino starebbe quindi conducendo un programma pilota, con i braccialetti di monitoraggio. Ma poiché la questione è troppo delicata e deve affrontare molte reazioni pubbliche, la commissione nega che una tale politica esista.

Lai Jianping, uno studioso di diritto internazionale, ha convenuto che il nuovo ordine è stato molto probabilmente pianificato e spinto dalle autorità di livello superiore del Partito Comunista Cinese (Pcc). Ha indicato che la società che produce i braccialetti di monitoraggio, la Beijing Microchip Perception Technology Co., appartiene alla Commissione municipale per la scienza e la tecnologia di Pechino e al governo del distretto di Haidian. E oltre ad espandere la sorveglianza governativa dei cittadini, «c’è un altro scopo, che è quello di cogliere questa opportunità per ottenere fondi governativi attraverso l’acquisto del dispositivo da parte del governo».

Wang ha affermato che questo dimostra che il settore economico della prevenzione del Covid-19 del Pcc è cresciuto e anche che «la pandemia di Covid-19 ha fornito al Pcc un’opportunità senza precedenti per far sì che il suo sistema di sorveglianza totalitaria digitale raggiunga un livello storico. È passato dalla vaccinazione e dai test dell’acido nucleico al braccialetto di monitoraggio per controllare completamente le persone. Può controllare chi vuole. Questo è un segnale molto spaventoso».

 

Articolo in inglese: Returning Beijing Residents Asked to Wear COVID-19 Monitoring Bracelets, Triggering Public Outrage

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Ecco perché l’Fbi sta indagando su Trump. Pubblicato il mandato di perquisizione

Ecco perché l’Fbi sta indagando su Trump. Pubblicato il mandato di perquisizione
Il mandato che ha autorizzato l'Fbi a perquisire la proprietà di Donald Trump all'inizio di questa settimana è ...
Leggi >
 

Ambasciatore cinese: Taiwan subirebbe una ‘rieducazione’ se Pechino la occupasse

Ambasciatore cinese: Taiwan subirebbe una ‘rieducazione’ se Pechino la occupasse
La Cina farà di tutto per conquistare Taiwan. E non solo: ovviamente, la popolazione dovrà essere rieducata. Lo ...
Leggi >
 

Trump rivela maggiori dettagli sul raid di Mar-a-Lago. Ecco cosa è successo

Trump rivela maggiori dettagli sul raid di Mar-a-Lago. Ecco cosa è successo
Mercoledi l'ex presidente Donald Trump ha rivelato maggiori dettagli sulle circostanze che circondano il raid dell'Fbi dell'8 agosto ...
Leggi >
 

Elezioni 2022, la patata bollente del Pnrr

Elezioni 2022, la patata bollente del Pnrr
Uno dei nodi più grandi da sciogliere in materia di elezioni, e quindi per chi sarà alla guida ...
Leggi >