Proteste a Wuhan, i residenti chiedono la revoca dei lockdown

Di Sofia Lam

A Wuhan i cittadini sono scesi in piazza affrontando la polizia e le guardie di sicurezza per protestare contro la chiusura delle loro comunità nella recente epidemia di Covid-19.

Wuhan, la capitale della provincia centrale cinese dell’Hubei, dove è scoppiata per la prima volta la pandemia di Covid-19, ha imposto ancora una volta dei lockdown regionali dopo il rilevamento di semplici casi asintomatici a fine agosto.

Panlongcheng, una zona di sviluppo economico alla periferia nord-occidentale di Wuhan, è stata chiusa il 26 agosto, secondo quanto ha affermato il comando di controllo della pandemia di Panlongcheng in un avviso del 27. Ai residenti è stato vietato di lasciare le loro case, tutti i locali pubblici sono stati chiusi ad eccezione dei supermercati e delle istituzioni mediche designati dal governo, e il trasporto pubblico è stato sospeso.

Panlongcheng ospita numerosi grandi complessi residenziali e produttori industriali e ha una popolazione di oltre 250 mila abitanti.

Sono passati più di dieci giorni, ma la regione è ancora in lockdown, senza informazioni da parte delle autorità su quando intendono revocare le restrizioni.

Un filmato ottenuto dall’edizione cinese di Epoch Times mostra i residenti in più complessi residenziali che si riuniscono per protestare, gridando: «Chiediamo la revoca del lockdown!» e «Vogliamo mangiare! Dobbiamo pagare i prestiti! Abbiamo la nostra famiglia da sfamare!» Le misure Zero-Covid del regime comunista sono state attivate in diverse città della Cina, tra cui Chongqing, Pechino, Tianjin e Shanghai.

L’edizione in lingua cinese di Epoch Times ha contattato varie fonti a Panlongcheng, che hanno confermato che le proteste sono scoppiate in molti complessi residenziali. Una delle fonti ha riferito che oltre duemila persone si sono radunate per protestare nei tre complessi residenziali di Jun, Jin e Yu di Caoshang.

«Vogliamo tornare al lavoro perché dobbiamo estinguere mutui e prestiti auto; dobbiamo provvedere ai nostri figli e prenderci cura dei nostri genitori», ha riferito Zhang Qing (pseudonimo), un residente locale, all’edizione in lingua cinese di Epoch Times il 4 settembre.

«La pandemia non ucciderà le persone, ma le difficoltà della vita lo faranno», ha aggiunto Zhang.

I residenti bloccati si preoccupano del loro lavoro

Con i lockdown a livello regionale, i dipendenti che vivono in regioni bloccate iniziano a temere di poter perdere il lavoro poiché in alcuni casi le loro aziende che hanno sede in regioni che non sono chiuse hanno continuato le normali operazioni.

Zhang è una di questi lavoratori. Non è in grado di sopportare gli alti prezzi del cibo mentre non riceve alcuna retribuzione durante il lockdown: «La mia azienda ha ripreso il normale funzionamento la scorsa notte, ma io sono ancora chiuso in casa. Non lavoro da più di dieci giorni ormai. Quale capo ti pagherà per non aver lavorato per così tanto tempo?» ha commentato, aggiungendo che è molto preoccupata che la sua compagnia possa semplicemente licenziarla.

Prezzi del cibo in aumento

Poiché i residenti bloccati non possono lasciare le loro case, hanno dovuto fare affidamento sui comitati della comunità di quartiere per l’accesso alle scorte di cibo, che dovrebbero fornire regolarmente ai residenti una razione dai principali supermercati.

Tuttavia, i comitati non hanno fornito cibo ai residenti negli ultimi dieci giorni, costringendo i residenti a cercare di sopravvivere con i beni di prima necessità che acquistano da piccoli venditori dotati di permessi speciali. Ma i loro prezzi sono davvero alti.

Il 4 settembre il signor Fu (pseudonimo), residente a Panlongcheng, ha dichiarato che i prezzi dei generi alimentari sono «più che raddoppiati» rispetto alla situazione normale. «I mercati del fresco sono chiusi e non possiamo lasciare la nostra casa. I venditori che possono entrare nel complesso applicano prezzi elevati per ciò che vendono».

Ha aggiunto che i prezzi elevati del cibo sono uno dei motivi per cui i residenti sono andati a protestare.

Zhang ha detto a Epoch Times che i cetrioli hanno un prezzo di 16 yuan (2,27 euro) al chilo, i fagioli a 30 yuan (4,27 euro) al chilo e i pomodori a 11 yuan (1,56 euro) al chilo.

Zhang spiega che i grandi fornitori di cibo come i supermercati non sono accessibili ai singoli residenti. «Si occupano solo di comitati comunitari e gestori di proprietà. Ma né i comitati comunitari né i gestori di proprietà ci hanno offerto alcun aiuto [per organizzare la vendita di cibo direttamente dai supermercati, ndr]».

Esistono un paio di piattaforme di acquisto di gruppo online aperte per lo shopping online: «Ma non abbiamo un permesso per uscire e le attività online non hanno un permesso per entrare, quindi non abbiamo modo di ottenere il cibo che acquistiamo online», ha detto Zhang.

I residenti hanno criticato i funzionari locali per non aver fatto di più per aiutare nella difficile situazione.

Grida per le restrizioni Zero-Covid

«Siamo bloccati perché c’è un caso positivo la cui storia di tracciamento ha a che fare con la nostra comunità», ha detto Fu, aggiungendo che, di conseguenza, la sua comunità è stata quindi designata come un’area «ad alto rischio».

Secondo il principale ente sanitario provinciale della provincia dell’Hubei, le recenti misure di lockdown in città sono state innescate da otto casi asintomatici rilevati il ​​24 agosto tramite la politica del regime di tamponi regolari obbligatori.

Secondo un rapporto su NetEase, un importante portale di notizie online cinese, la mattina del 25 agosto, quando i residenti si stavano preparando per andare al lavoro come al solito, alcune vie di uscita di Panlongcheng e delle stazioni della metropolitana del distretto sono state chiuse senza preavviso.

La residente Xia (pseudonimo) ha detto a Epoch Times che il requisito del test quotidiano a Panlongcheng e il lockdown, l’hanno resa ansiosa: «Effettuiamo test Pcr ogni giorno e ora siamo ancora chiusi nelle nostre case», ha affermato, criticando l’approccio alla sorveglianza di massa in corso per il Covid-19.

Il signor Fu non vede alcuna valida ragione nell’imporre misure di lockdown così rigorose poiché il virus Covid-19 si diffonde mediante casi asintomatici senza che le persone se ne accorgano. «Le cosiddette politiche dinamiche Zero-Covid fanno soffrire l’intera società», ha affermato, aggiungendo che le persone ne hanno abbastanza. «Alcune persone hanno gridato durante le proteste: “L’acqua che sostiene la barca è la stessa che la inghiotte!”», ha raccontato. Si tratta di un antico detto cinese che consiglia ai governanti di trattare bene la loro gente, poiché sono quelli che altrimenti li rovesceranno.

Le autorità di gestione di Panlongcheng hanno emesso un avviso il 4 settembre allentando le misure di isolamento. Ai residenti di alcune comunità è stato detto che avrebbero potuto lasciare le loro case, ma non i loro complessi residenziali. Ai residenti in comunità non ritenute ad alto rischio è stato detto che era possibile lasciare i loro composti dopo aver ottenuto un risultato negativo al tampone.

Epoch Times non ha ricevuto alcuna risposta di commento dal comitato sanitario municipale di Wuhan, dal comitato di gestione di Panlongcheng e dall’ufficio locale di controllo e prevenzione della pandemia.

 

Articolo in inglese: Protests Break Out in Wuhan, Residents Demand Lifting of Lockdowns

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan
Durante un incontro a Tokyo del 26 settembre, il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris e il primo ...
Leggi >
 

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso
L'autore dell'articolo, Roger Kimball, è redattore ed editor di The New Criterion ed editore di Encounter Books. Il ...
Leggi >
 

L’improvvisa inversione di rotta di Putin

L’improvvisa inversione di rotta di Putin
Il presidente russo Vladimir Putin ha definitivamente chiuso il dialogo con l’Occidente. La decisione è avvenuta a metà ...
Leggi >
 

La possibile vittoria dell’Ucraina

La possibile vittoria dell’Ucraina
La guerra ucraino-russa, che è stata una fonte inesauribile di sorprese da quando è stata lanciata impetuosamente dal ...
Leggi >