Ricercatori affermano di aver scoperto la causa dell’Alzheimer

Di Jack Phillips

Gli scienziati dell’Università della California-Riverside hanno recentemente scoperto la chiave per comprendere l’Alzheimer, che sembra aver a che fare con le proteine ​​«tau» che probabilmente causano grovigli neurofibrillari, che si trovano nel cervello dei malati di Alzheimer. In precedenza, i ricercatori hanno suggerito che le placche amiloidi, che sono un accumulo di peptidi amiloidi, potevano essere la causa.

Sia le placche amiloidi che i grovigli neurofibrillari sono indicatori critici che i medici valutano quando cercano di diagnosticare l’Alzheimer.

«Circa il 20 percento delle persone ha le placche, ma nessun segno di demenza», ha affermato il professore di chimica dell’Ucr Ryan Julian in una nota. «Questo fa sembrare che le placche stesse non siano la causa».

I ricercatori si sono concentrati sulle diverse strutture che una singola molecola può produrre, note come isomeri. «Un isomero è la stessa molecola con un diverso orientamento tridimensionale rispetto all’originale. Un esempio comune sarebbero le mani. Le mani sono isomeri l’una dell’altra, immagini speculari ma non copie esatte», ha detto Julian.

Il team ha scansionato proteine ​​in campioni di cervello che sono stati donati al loro laboratorio e in cervelli dove c’era un accumulo della proteina tau ma nessuna diagnosi di Alzheimer. Hanno scoperto che la tau «normale» aveva una forma diversa lì rispetto al caso degli individui che avevano placche o grovigli e a cui è stato diagnosticato il morbo di Alzheimer. Le proteine ​​sono anche sopravvissute più a lungo di quanto ritenuto normale, hanno detto i ricercatori. Se una proteina rimane troppo a lungo, in genere più di 48 ore, alcuni amminoacidi nelle proteine ​​si convertono nell’isomero «dell’altra mano». «Se provi a mettere un guanto destro sulla mano sinistra, non funziona molto bene», ha detto Julian. «È un problema simile in biologia; le molecole non funzionano come dovrebbero dopo un po’ di tempo perché un guanto per mancini può effettivamente trasformarsi in un guanto per destrorsi che non si adatta».

Hanno sottolineato che il corpo umano ha un processo chiamato autofagia, che elimina le proteine ​​usate o difettose dalle cellule. Quando le persone invecchiano, l’autofagia può rallentare, anche se non è chiaro il motivo, ha detto Julian. E questo è anche quello che il suo team sta cercando di capire: «Se un rallentamento dell’autofagia è la causa sottostante, le cose che la aumentano dovrebbero avere l’effetto benefico e opposto».

 

Articolo in inglese: Scientists Claim They May Have Discovered the Cause of Alzheimer’s

NEWSLETTER
Epoch Times Italia 2021
 
 
 

6 gennaio a Washington, un retaggio di domande inquietanti

6 gennaio a Washington, un retaggio di domande inquietanti
Il bastone d'acciaio temprato ha emesso il suono più inquietante possibile, rimbalzando sul cranio di Victoria White. Variava ...
Leggi >
 

Alti e bassi dell’economia cinese. Il regime tenta di reagire, ma il 2022 sarà molto duro per il Pcc

Alti e bassi dell’economia cinese. Il regime tenta di reagire, ma il 2022 sarà molto duro per il Pcc
Il regime cinese ha speso miliardi di dollari nel tentativo di raggiungere i produttori di chip più avanzati ...
Leggi >
 

Olimpiadi invernali a Pechino e spionaggio di regime. Governi europei: niente cellulari agli atleti

Olimpiadi invernali a Pechino e spionaggio di regime. Governi europei: niente cellulari agli atleti
Diversi Paesi europei si stanno adoperando per proteggere i propri atleti durante le prossime Olimpiadi invernali di Pechino. ...
Leggi >
 

Ashli ​​Babbitt, la sostenitrice di Trump morta al Campidoglio, non era una rivoltosa

Ashli ​​Babbitt, la sostenitrice di Trump morta al Campidoglio, non era una rivoltosa
La sostenitrice di Trump andava su e giù, agitando le mani, frustrata, verso degli agenti immobili: «Chiama aiuto!» Pochi istanti ...
Leggi >