Ringraziamo i nostri sostenitori dopo la censura da parte di Twitter negli Usa

Di Redazione

In quanto sito d’informazione indipendente dedito a riportare la verità, Epoch Times è stato sottoposto a una forte censura da parte delle Big Tech.

Nell’ultimo caso del genere, il 28 luglio Twitter ha censurato tutti i contenuti di Epoch Times americano bloccando il sito web e descrivendolo come «non sicuro», incoraggiando quindi gli utenti a non procedere.

Le azioni di Twitter, proprio come quelle di altri giganti della tecnologia come Facebook e YouTube, hanno mirato in modo specifico alla portata delle nostre notizie e contenuti video indipendenti.

Twitter non ha risposto a molteplici richieste di commento e appello, né la società ha spiegato cosa l’abbia portata a censurare i nostri contenuti o cosa abbia causato la revoca del blocco due giorni dopo, a seguito di una protesta pubblica.

La mossa del gigante dei social media è arrivata meno di una settimana dopo che Epoch Times ha pubblicato il nuovo documentario The Real Story of January 6 e lo stesso giorno un’intervista con la sopravvissuta al traffico sessuale Eliza Bleu, nel programma American Thought Leaders.

Sebbene non sia chiaro il motivo per cui Twitter ci abbia preso di mira, ciò che è certo è che Epoch Times è diverso dalla maggior parte degli altri siti d’informazione di grande portata, in quanto abbiamo il coraggio di seguire la pista dei fatti, indipendentemente da dove porti.

Nel nostro documentario del 6 gennaio, i nostri analisti danno uno sguardo diretto e neutrale agli eventi di quel giorno e presentano nuovi testimoni e prove che sfidano le narrazioni prevalenti. Il documentario fornisce ampie prove dell’uso eccessivo della forza da parte della polizia, che ha infranto il protocollo e le sue politiche e solleva interrogativi sulla mancanza di sicurezza quel giorno. Finora, il documentario ha ricevuto più di mezzo milione di visualizzazioni sulla nostra piattaforma EpochTv.

Negli ultimi anni, ci sono state altre storie importanti su cui Epoch Times – a causa della nostra indipendenza e adesione ai principi tradizionali dell’informazione – si è differenziato dalle principali testate giornalistiche, dimostrando chi aveva ragione.

Ad esempio, Epoch Times ha riportato accuratamente gli eventi relativi alle accuse secondo cui l’allora candidato e in seguito presidente Donald Trump, fosse colluso con la Russia. Fin dal primo giorno, Epoch Times ha riportato i fatti e nei nostri articoli abbiamo evidenziato i problemi significativi con l’indagine dell’Fbi sulla campagna di Trump, che includeva una condotta problematica che coinvolgeva la sorveglianza.

Mentre certi giornali hanno vinto dei Pulitzer per i loro articoli che indicavano una collusione tra il presidente e la Russia, Epoch Times ha, in effetti, avuto ragione nel riferire che le accuse non erano supportate da fatti, come confermato dalle indagini del consigliere speciale Robert Mueller e dell’ispettore del Dipartimento di Giustizia generale, così come dall’indagine in corso sulle origini delle indagini dell’Fbi da parte del consigliere speciale John Durham.

Epoch Times è stato anche tra i primi a riferire sulla possibilità che il nuovo coronavirus potesse essere trapelato dall’Istituto di Virologia di Wuhan in Cina. Il nostro documentario di aprile 2020 sull’argomento è stato censurato da Facebook. Tuttavia, oggi, una fuga di laboratorio è considerata la spiegazione più probabile della diffusione del virus, sia dalle organizzazioni dei media che da molti funzionari governativi.

Il pericolo di consentire a piattaforme come Twitter di assumere il ruolo di arbitro della verità è che, in molti casi, si sbagliano. L’esempio più evidente è stata la soppressione del New York Post da parte di Twitter, per la sua segnalazione del caso del laptop appartenente a Hunter Biden, il figlio dell’allora candidato alla presidenza Joe Biden.

Questo comportamento di censura, che è antitetico alle protezioni che Big Tech riceve ai sensi della Sezione 230 negli Stati Uniti, ha anche sollevato preoccupazioni per le piattaforme di social media che censurano i contenuti per conto del governo. Più di recente, un giudice federale ha ordinato al governo di collaborare in una causa in cui il governo stesso è accusato di sforzi dietro le quinte per prendere di mira la diffusione di informazioni su storie relative al Covid-19, comprese le sue possibili origini e trattamenti alternativi, che non si adattavano alla narrazione del governo stesso.

«Il governo non può affidare la propria censura alla Big Tech», ha affermato il procuratore generale del Missouri Eric Schmitt.

Protesta pubblica

La protesta pubblica contro la censura di Twitter su Epoch Times è stata rapida, con tre senatori statunitensi che hanno pubblicamente messo in dubbio la piattaforma – che negli ultimi anni si è ripetutamente trovata in acque bollenti per atti di censura – per il fatto che prendesse di mira la testata giornalistica.

Il senatore Marco Rubio (R-Fla.) ha chiesto a Twitter di «dare spiegazioni su questo oltraggioso atto di censura».

Nel frattempo, il senatore Rick Scott (R-Fla.) ha chiesto: «Dov’è il rispetto per la libertà di parola e di stampa, Twitter?». «Ricordiamo tutti la tua censura parziale del [New York Post, ndr] e come è finita per te».

Il senatore Ron Johnson (R-Wis.) ha descritto l’azione di Twitter come «allarmante»: «Twitter sta censurando [Epoch Times, ndr] con il pretesto di un informazione ‘non sicura’. Ricordi cosa è successo l’ultima volta che i media aziendali e le big tech hanno cercato di censurare la mia indagine sulla corruzione di Hunter Biden?. La verità prevale sempre».

Kevin Roberts, presidente della Heritage Foundation, ha descritto l’azione di Twitter come «un oltraggioso atto di censura».

Il professore di Stanford, Jay Bhattacharya, ha reagito alla soppressione di Twitter, scrivendo: «È perfettamente sicuro fare clic sul sito [Epoch Times, ndr] nel tweet della citazione. Per qualche ragione, Twitter ha deciso che oggi era un buon giorno per sopprimere l’accesso a Epoch Times».

La sopravvissuta al traffico sessuale Bleu, che è stata tra le prime a notare la censura di Twitter a causa del blocco della sua intervista con il programma di EpochTv «American Thought Leaders», ha pubblicato un video (diventato virale) che condanna le azioni della piattaforma.

La censura ha anche creato scalpore tra gli utenti di Twitter, con molti che hanno condannato le azioni della piattaforma.

Epoch Times vuole ringraziare tutti coloro che si sono espressi contro questo ultimo caso di censura.

Continueremo a scrivere nell’unico modo che conosciamo, cioè in un modo radicato nel nostro slogan Verità e Tradizione, senza favori o paure. La lotta per la verità è quella che non ha sponde ed è antica quanto i secoli. Crediamo che solo con individui coraggiosi che vanno lontano e si sforzano di registrare la verità di ciò che accade, il mondo potrà avere un quadro accurato degli eventi e della storia.

 

Articolo in inglese: Condemning Twitter’s Censorship and Thanking Our Supporters

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan
Durante un incontro a Tokyo del 26 settembre, il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris e il primo ...
Leggi >
 

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso
L'autore dell'articolo, Roger Kimball, è redattore ed editor di The New Criterion ed editore di Encounter Books. Il ...
Leggi >
 

L’improvvisa inversione di rotta di Putin

L’improvvisa inversione di rotta di Putin
Il presidente russo Vladimir Putin ha definitivamente chiuso il dialogo con l’Occidente. La decisione è avvenuta a metà ...
Leggi >
 

La possibile vittoria dell’Ucraina

La possibile vittoria dell’Ucraina
La guerra ucraino-russa, che è stata una fonte inesauribile di sorprese da quando è stata lanciata impetuosamente dal ...
Leggi >