Chi è Rishi Sunak, il nuovo primo ministro del Regno Unito

Di Andrea Davies

Dopo Rishi Sunak con re Carlo III a Buckingham Palace, il Regno Unito ha ora il suo terzo primo ministro in poco più di tre mesi e le celebrazioni sono poche.

Un sondaggio pubblicato negli ultimi giorni dell’amministrazione Truss aveva dato ai laboristi un ampio vantaggio di 36 punti, il più alto mai registrato per qualsiasi partito del Regno Unito. Il Partito Conservatore ha quindi due anni prima delle prossime elezioni generali per cercare di risolvere i molteplici problemi della nazione, o dovrà affrontare la cancellazione elettorale.

Deporre un primo ministro dopo soli 44 giorni non è una pratica normale in una democrazia stabile e matura, ma questo è stato il destino del predecessore di Sunak, Liz Truss. Per trovare un sostituto, il Partito Conservatore, normalmente raffinato e affezionato alle giuste procedure, ha strappato il suo libro di regole ed è stato costretto a emettere nuovi diktat improvvisamente.

Dopo la brusca dipartita di Boris Johnson il 7 luglio, è seguito un processo di leadership di 60 giorni: due settimane più lungo della durata dell’intero incarico da premier della Truss.

Questa volta, ai membri del Parlamento è stato concesso un solo fine settimana per selezionare i candidati, che dovevano ottenere 100 voti dai loro colleghi per qualificarsi. Solo Sunak è riuscito a farlo e lunedì 24 ottobre è stato dichiarato il nuovo leader del Partito conservatore e primo ministro del Regno Unito, solo quattro giorni dopo le dimissioni di Truss.

Il rapido processo ha irritato i membri del partito Tory poiché è stato loro negato il tradizionale diritto di votare su chi sarebbe stato il loro leader, ma del resto c’era un solo candidato, cosa che l’ha resa una corsa molto antidemocratica.

La deposizione della Truss ha rivelato che non importa cosa intenda fare il primo ministro del giorno; se il partito vuole qualcos’altro, vince il partito.

Margaret Thatcher l’ha appreso a sue spese nel 1990. All’epoca l’establishment conservatore voleva legami finanziari più stretti con l’Europa, cosa a cui lei si opponeva. Nonostante avesse vinto tre elezioni di fila con maggioranze forti, le hanno comunque mostrato la porta.

La Truss è stata al potere per meno di due mesi, ma chiaramente non stava nemmeno lei seguendo il loro copione, quindi ora se n’è andata. Ciò che il Partito conservatore vuole veramente in un leader è un apparatchik politico che eseguirà i suoi ordini dello Stato profondo; quindi è questo quello che vedono ora in Rishi Sunak?

Primo ministro indù e uomo più ricco della Gran Bretagna

I genitori indiani di Sunak emigrarono dall’Africa nel Regno Unito negli anni ’60. Ha studiato in scuole private e all’Università di Oxford prima di lavorare alla Goldman Sachs. Ha conseguito un Mba presso la Stanford University nel 2006 con una borsa di studio Fulbright, dove ha incontrato la sua futura moglie, Akshata Murthy, figlia del miliardario Nr Narayana Murthy.

Dopo aver prestato servizio come partner in due società di hedge fund, si è dedicato alla politica ed è stato eletto deputato nel più sicuro di tutti i seggi conservatori a Richmond nel 2015. È cresciuto rapidamente nel partito ed è diventato Ministro delle Finanze sotto Boris Johnson dal 2020 al 2022, gli anni del lockdown.

I due hanno lavorato a stretto contatto sui lockdown e sui programmi di vaccinazione, oltre ad affrontare il presunto riscaldamento globale causato dall’uomo, con Sunak che chiedeva «progressi decisivi nella transizione verso lo zero netto».

Eppure nel 2022 si è rivoltato contro Johnson e le sue dimissioni hanno accelerato altre 61 partenze dal governo.

Sorprendentemente, anche se prevedibilmente, Johnson si è presentato come candidato alla leadership durante il fine settimana. Per molti dei suoi colleghi parlamentari, portava troppi ricordi dello scandalo di Partygate per essere preso sul serio. Avrebbe mandato il partito in una «spirale di morte» se fosse stato eletto.

Il Times di Londra ha riportato una dichiarazione del parlamentare Dominic Raab, che ha sostenuto Sunak: «Saremmo tornati punto e a capo con il Partygate. Dobbiamo far andare avanti il ​​Paese, il governo».

Non ha aggiunto che anche Sunak è stato multato per aver infranto le leggi sull’esclusione sociale dopo aver partecipato a un raduno a Downing Street.

Un altro scandalo per la famiglia Sunak è l’accusa che sua moglie abbia rivendicato lo status di assenza di domicilio, mentre era ministro delle Finanze, per evitare di pagare alcune tasse nel Regno Unito.

Perché il partito della Truss ha smesso di fidarsi di lei?

Con le stridenti opinioni anti-Putin della Truss e l’impegno ad alimentare la disastrosa guerra in Ucraina, che ha dimostrato mentre prestava servizio come ministro degli Esteri del Regno Unito, deve essere sembrata la candidata alla leadership ideale.

Ma quando era al potere ha perseguito una politica fiscale bassa, era favorevole alla Brexit e voleva reprimere l’immigrazione illegale. Voleva anche affrontare la crisi energetica rivolgendosi ancora una volta ai combustibili fossili, in particolare al fracking. Tutti questi sono un anatema per i conservatori di sinistra e verdi solo di nome che ora guidano il partito.

Quando il suo ministro delle finanze, Kwasi Kwarteng, ha annunciato nel suo mini-bilancio che avrebbe ridotto l’aliquota fiscale massima dal 45% al ​​40% sui redditi di oltre 150.000 sterline ($ 172.000) all’anno, insieme ad altre riduzioni del welfare e della tassa sulla proprietà, stava tentando di tornare nel precedente territorio dei Tory, che prevedeva bassa tassazione e alta crescita.

Kwasi aveva riferito ai giornalisti: «Le tasse elevate riducono gli incentivi al lavoro e ostacolano l’impresa». Ma i mercati hanno reagito negativamente, chiedendosi come si potessero pagare i tagli. Lo stesso ha fatto il suo partito, ed è stato rimosso.

Ma non c’era davvero nulla di bassa tassazione nell’aliquota massima del 40 per cento, poiché era solo un ritorno ai livelli riscossi sotto l’arcisocialista Tony Blair, il cui governo del New Labour mantenne l’aliquota al 40 per cento, dopo averla ereditata dall’ultimo governo.

Quando la Thatcher salì al potere nel 1979, i suoi predecessori socialisti lo avevano aumentato all’83% e le ci volle tutto il suo tempo in carica per ridurre il tasso a meno della metà.

Ma nel 2010, Gordon Brown del Labour aveva introdotto un tasso più alto del 50%.

Questo valore è stato ridotto al 45% nel 2013 dopo che il primo ministro conservatore David Cameron aveva riscoperto la regola conservatrice secondo cui aliquote fiscali più elevate non producono necessariamente entrate più elevate. Probabilmente per ragioni politiche è rimasto con il 45 per cento come compromesso, ed è stata quella stessa paura del contraccolpo degli elettori che probabilmente è costata a Kwarteng il suo posto di lavoro.

Certamente la Truss non è stata aiutata dall’intervento diplomaticamente insolito del presidente Joe Biden, e cinque giorni dopo si è dimessa.

Il presidente degli Stati Uniti può aggiungere questo alla sua lunga lista di imprudenti interventi stranieri, anche se in quanto socialista irlandese nel cuore, potrebbe considerare un successo aiutare a far cadere un governo conservatore.

Se la Truss fosse rimasta al fianco del suo uomo Kwarteng e della loro politica comune, avrebbe mantenuto un certo rispetto, e forse anche il posto di lavoro. Invece, lo ha gettato sotto il tram, ha fatto un’inversione a U completa sul loro piano di ripresa economica e le hanno imposto un nuovo «Secondo Lord del Tesoro».

Jeremy Hunt è venuto alla luce per essere il sostituto del ministro delle finanze incaricato di eliminare i tagli alle tasse di Truss, lasciandola umiliata come primo ministro fantoccio, e ormai sapeva che il suo poco tempo era scaduto.

Sunak può salvare i conservatori, per non parlare del Paese?

Riguardo al suo predecessore, Sunak ha detto nel suo primo discorso alla nazione dopo aver accettato l’invito del re a formare un governo: «Ammiravo la sua irrequietezza nel creare cambiamento. Ma alcuni errori sono stati fatti. Non supportati da cattive intenzioni o cattive premesse. Tutto il contrario, in effetti. Ma errori, comunque. E io sono stato eletto leader del mio partito, e il vostro primo ministro, in parte, per sistemarli».

Compensare un così grande vantaggio laburista in due anni è un compito arduo, ma questa sarà la sua prima priorità. Pertanto, è improbabile che cerchi cambiamenti politici a lungo termine su energia ed economia, ma piuttosto soluzioni di benessere a breve termine.

Sebbene i conservatori detengano un’impressionante maggioranza di 80 seggi, questo è stato davvero un risultato illusorio perché Johnson ha spazzato via i voti sulla Brexit che sarebbero andati alla riforma del Regno Unito di Nigel Farage se non avesse disinteressatamente ritirato il suo partito alle ultime elezioni per garantire che la Brexit sarebbe finalmente passata in Parlamento.

Queste condizioni speciali non si applicheranno la prossima volta poiché la Brexit è stata approvata, anche se i Tory potrebbero sostenere che un voto a favore dei laburisti vedrebbe la Gran Bretagna quasi di nuovo nell’Ue. Lo scenario da incubo per loro sarebbe se Farage decidesse di tornare nell’arena politica e riprendersi quei voti Brexit per il partito riformista.

Sunak ha davanti a sé mesi difficili.

 

Andrew Davies è un produttore e scrittore di video con sede nel Regno Unito. Il suo video pluripremiato sugli abusi sessuali su minori ha aiutato l’organizzazione di beneficenza per bambini Barnardos a cambiare la legge del Regno Unito, mentre il suo documentario «Batons, Bows and Bruises: A History of the Royal Philharmonic Orchestra», è andato in onda per sei anni su Sky Arts Channel.

Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle di Epoch Times.

Articolo in inglese: Rishi Sunak, il nuovo Primo Ministro del Regno Unito e dell’Irlanda del Nord

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione
Jiang Zemin, ex leader del Partito Comunista Cinese (Pcc), è morto di malattia a Shanghai il 30 novembre ...
Leggi >
 

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante
L’autore dell’articolo, Stu Cvrk, si è ritirato come capitano dopo aver prestato servizio per 30 anni nella Marina ...
Leggi >
 

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»
Elon Musk sostiene che invece di inasprire ulteriormente le politiche monetarie, la Federal Reserve dovrebbe «immediatamente» abbassare i tassi ...
Leggi >
 

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)
Brutale e sanguinario dittatore e capo del Partito Comunista Cinese dal 1993 al 2003, è morto per cause ...
Leggi >