Rivolte Usa, campagna Trump: media hanno ignorato violenze fino al nullaosta di Biden

Per mesi la stampa ha completamente ignorato la violenza nelle strade degli Stati Uniti, fino a quando il candidato del Partito Democratico non ne ha finalmente parlato. L’accusa, grave ma chiara, è stata mossa dal portavoce della campagna elettorale di Donald Trump.

Durante un’apparizione su MediaBuzz di Fox News, il vice porta voce della Casa Bianca Hogan Gidley, riferendosi ai disordini visti a Portland, sulla scia della morte di George Floyd – che da maggio ha provocato rivolte, incendi dolosi, atti di vandalismo e sentimenti di odio contro la polizia – ha sostenuto che la stampa ha ignorato «le morti, la distruzione, il saccheggio e le rivolte» per 90 giorni.

Le osservazioni di Gidley sono pervenute in risposta a una domanda del conduttore Howard Kurtz sulle recenti accuse mosse dalla portavoce della Casa Bianca Kayleigh McEnany, secondo cui i media e i democratici starebbero «aiutando e favorendo la violenza» nelle città degli Stati Uniti.

Per Gidley, «quando il presidente Trump si era offerto di inviare risorse federali in molte città in questo Paese, governatori e sindaci delle aree controllate dai democratici, si sono rifiutati, lasciando che tutto accadesse. Nondimeno, i media complici di ciò, hanno ignorato il tutto per 90 giorni. E poi all’improvviso, pochi giorni fa, Joe Biden dice qualcosa sulla violenza nelle nostre strade, ed è incredibile come all’improvviso i media si siano convertiti a Gesù sull’argomento».

Nella sua dichiarazione rilasciata domenica, Biden ha condannato le violenze a Portland, un giorno dopo che il manifestante di destra Aaron Danielson è stato ucciso in strada.

«La violenza mortale che abbiamo visto durante la notte a Portland è inaccettabile», ha twittato Biden. «Vedere queste cose girare per le strade di una grande città americana è inaccettabile. Condanno la violenza di ogni genere da parte di chiunque, sia di sinistra che di destra. E sfido Donald Trump a fare lo stesso».

Il 26 agosto, il candidato presidenziale democratico ha anche condannato la violenza provocata dall’uccisione di Jacob Blake la scorsa settimana da parte della polizia, mentre tentava di arrestarlo per aver violato un ordine restrittivo presentato da un’ex ragazza che lo aveva accusato di violenza sessuale.

Biden ha recentemente subito diverse pressioni affinché denunciasse l’ondata di violenza a livello nazionale originata dalla morte di Floyd. Il presidente Donald Trump ha affermato che se Biden fosse eletto, porterebbe all’anarchia di massa, alla violenza e all’ulteriore smantellamento dei dipartimenti di polizia.

Trump ha anche affermato che città gestite dai democratici come Portland, Oregon e Chicago, hanno assistito a un aumento della criminalità sulla scia delle rivolte innescate dalla morte di Floyd.

Il 25 agosto il conduttore della Cnn Don Lemon aveva dichiarato: «I democratici devono affrontare le rivolte, altrimenti perderanno a novembre. Penso che i democratici stiano ignorando questo problema e sperano che se ne vada da solo, ma non andrà via così».

Rispondendo alle dichiarazioni di Biden che condannano la violenza a Portland, il rappresentante repubblicano Dan Creshaw, domenica su Twitter ha dichiarato che è «troppo poco e troppo tardi. I militanti di sinistra hanno fatto la guerra nelle città americane per MESI e ora stai commentando solo perché i sondaggi ti hanno detto di farlo».

Trump ha apertamente condannato la violenza incitata nelle città degli Stati Uniti sin dall’inizio e ha ripetutamente accusato i media e i democratici di aver tentato di ritrarre i rivoltosi come manifestanti pacifici.

Il presidente Trump su Twitter, il mese scorso aveva scritto: «Stiamo cercando di aiutare Portland, non di danneggiarla. La loro leadership ha perso per mesi il controllo degli anarchici e degli agitatori. Mancano in azione. Dobbiamo proteggere la proprietà federale e IL NOSTRO POPOLO. Questi non erano solo manifestanti, questi sono il vero problema!».

Articolo in inglese: Trump Campaign Accuses Media of Ignoring Violence, Riots Before Biden Statement

 
 
 

Referendum sul taglio dei parlamentari, le ragioni del Sì e quelle del No

Referendum sul taglio dei parlamentari, le ragioni del Sì e quelle del No
Il 20 e il 21 settembre gli italiani sono chiamati alle urne per approvare o rifiutare la riforma ...
Leggi >
 

Pace in Medioriente, due accordi firmati con la mediazione di Trump

Pace in Medioriente, due accordi firmati con la mediazione di Trump
Il 15 settembre è stata una «storica giornata per la pace», ha dichiarato Donald Trump, protagonista della firma ...
Leggi >
 

Twitter cambia i suoi regolamenti in vista delle elezioni americane

Twitter cambia i suoi regolamenti in vista delle elezioni americane
Twitter ha comunicato agli utenti che rimuoverà i post ritenuti falsi o fuorvianti. Questa settimana, in un post, ...
Leggi >
 

I migliaia di desaparecidos della ‘giustizia semplificata’ del Pcc

I migliaia di desaparecidos della ‘giustizia semplificata’ del Pcc
Quest'anno il regime comunista cinese ha fatto sparire almeno una ventina di persone al giorno. Secondo un'indagine pubblicata ...
Leggi >