Se la Cina invade, Taiwan dovrebbe distruggere gli impianti di semiconduttori

Di Frank Fang

Secondo un recente articolo pubblicato dall’Us Army War College, nel caso la Cina invadesse Taiwan, l’isola farebbe bene a distruggere i propri impianti avanzati di semiconduttori.

«In pratica, questa strategia significa garantire alla Cina che un’invasione di Taiwan produrrebbe una grave crisi economica sulla terraferma, e non il vantaggio tecnologico che alcuni hanno suggerito si sarebbe verificato come risultato dell’assorbimento da parte della Rpc [Repubblica Popolare Cinese, ndr] della solida industria tecnologica di Taiwan», affermano gli autori del paper (pdf ).

La chiave è rendere Taiwan «indesiderabile», afferma la rivista, con costi economici che «persistono per anni» anche dopo che il regime di Pechino ha preso il controllo dell’isola.

Il documento, intitolato «Broken Nest: Deterring China from Invading Taiwan», è stato pubblicato nell’ultimo numero del 2021 della rivista trimestrale Parameters, un periodico ufficiale dell’esercito americano. Gli autori sono Jared McKinney, presidente del Dipartimento di studi di strategia e sicurezza presso la eSchool of Graduate Professional Military Education presso la Air University, e Peter Harris, professore associato di scienze politiche presso la Colorado State University.

La strategia è incentrata sull’attuale forte dipendenza della Cina dall’importazione di semiconduttori, che sono piccoli dispositivi che alimentano qualsiasi cosa, da computer, smartphone e veicoli elettrici, ai missili. Secondo i media statali cinesi, Pechino ha importato chip per un valore di oltre 350 miliardi di dollari nel 2020.

Nel 2020, solo il 5,9% dei semiconduttori (8,3 miliardi di dollari) utilizzati in Cina sono stati prodotti a livello nazionale, secondo un rapporto della società di ricerche di mercato dei semiconduttori Ic Insights con sede negli Stati Uniti. Ma nell’ottobre dello scorso anno, Ic Insights ha avvertito che il regime cinese crede di poter risolvere il suo problema di non essere in grado di produrre semiconduttori all’avanguardia, attraverso la «riunificazione con Taiwan».

La Cina rivendica Taiwan come parte del suo territorio, anche se l’isola autonoma è di fatto un Paese indipendente con i propri funzionari democraticamente eletti, il proprio esercito e la propria valuta.

Attualmente, Taiwan Semiconductor Manufacturing Corp. (Tsmc) – il più grande produttore di chip a contratto del mondo – e Samsung in Corea del Sud, sono le uniche aziende al mondo in grado di produrre i chip a cinque nanometri più avanzati. Tsmc dovrebbe anche produrre i chip a tre nanometri di prossima generazione nella seconda metà di quest’anno.

Man mano che le dimensioni dei chip diventano più piccole, offrono maggiori prestazioni per watt, il che significa che funzionano a una velocità maggiore consumando meno energia.

Il documento raccomanda che di fronte a un’invasione cinese, Taiwan «distrugga le strutture appartenenti a» Tsmc, dato che il produttore di chip taiwanese è il fornitore più importante della Cina. L’aspetto impegnativo della strategia sarebbe quello di rendere «credibile» la strategia della terra bruciata per il regime cinese. «Se la Cina sospetta che Taipei non passerà ai fatti dopo una tale minaccia, la deterrenza fallirà», spiegano.

Gli autori raccomandano alle autorità taiwanesi di istituire un «meccanismo automatico» per distruggere gli impianti di Tsmc, da «attivare una volta confermata un’invasione [da parte di Pechino, ndr]».

Senza i chip taiwanesi, l’economia cinese subirebbe un duro colpo e Pechino non sarebbe in grado di mantenere una crescita economica sostenuta, cosa che danneggerebbe quello che rimane della legittimità percepita del Partito Comunista Cinese per governare la Cina continentale. «Lo scopo qui deve essere quello di convincere i leader cinesi che invadono Taiwan a scapito degli obiettivi nazionali fondamentali: crescita economica, tranquillità interna, confini sicuri e forse anche il mantenimento della legittimità del regime», aggiungono gli autori.

Gli autori hanno offerto molte altre raccomandazioni che potrebbero scoraggiare ulteriormente la Cina dall’invasione di Taiwan. Queste includono gli Stati Uniti che minacciano di condurre una campagna di sanzioni globali contro qualsiasi esportazione di chip in Cina, o che danno il via libera agli alleati statunitensi come Giappone, Corea del Sud e Australia per sviluppare le proprie armi nucleari, se l’invasione avrà luogo. «Se le sanzioni per l’invasione di Taiwan possono essere rese abbastanza severe e credibili, Pechino potrebbe ancora essere dissuasa dal scegliere una tale linea di condotta», afferma il documento.

Gli autori citano anche un analista cinese con legami con la marina cinese che avrebbe riferito loro che l’obiettivo di Pechino per un’invasione di Taiwan di successo era di 14 ore e Pechino ha stimato che ci sarebbero volute 24 ore prima che gli Stati Uniti e il Giappone rispondessero. «Se questo scenario è vicino all’accuratezza, il governo cinese potrebbe essere incline a tentare il fatto compiuto non appena sarà sicuro delle sue capacità relative», scrivono gli autori.

Nell’ottobre dello scorso anno, il ministro della Difesa di Taiwan ha avvertito che il regime cinese sarà in grado di organizzare un’invasione su vasta scala dell’isola entro il 2025: «Se Taiwan cadesse in mano alla Cina, una democrazia di successo si estinguerebbe e la posizione geopolitica di Pechino nell’Asia orientale aumenterebbe a spese degli Stati Uniti e dei loro alleati».

 

Articolo in inglese: Taiwan Should Destroy Island’s Semiconductor Plants If China Invades, Paper Says

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

6 gennaio a Washington, un retaggio di domande inquietanti

6 gennaio a Washington, un retaggio di domande inquietanti
Il bastone d'acciaio temprato ha emesso il suono più inquietante possibile, rimbalzando sul cranio di Victoria White. Variava ...
Leggi >
 

Alti e bassi dell’economia cinese. Il regime tenta di reagire, ma il 2022 sarà molto duro per il Pcc

Alti e bassi dell’economia cinese. Il regime tenta di reagire, ma il 2022 sarà molto duro per il Pcc
Il regime cinese ha speso miliardi di dollari nel tentativo di raggiungere i produttori di chip più avanzati ...
Leggi >
 

Olimpiadi invernali a Pechino e spionaggio di regime. Governi europei: niente cellulari agli atleti

Olimpiadi invernali a Pechino e spionaggio di regime. Governi europei: niente cellulari agli atleti
Diversi Paesi europei si stanno adoperando per proteggere i propri atleti durante le prossime Olimpiadi invernali di Pechino. ...
Leggi >
 

Ashli ​​Babbitt, la sostenitrice di Trump morta al Campidoglio, non era una rivoltosa

Ashli ​​Babbitt, la sostenitrice di Trump morta al Campidoglio, non era una rivoltosa
La sostenitrice di Trump andava su e giù, agitando le mani, frustrata, verso degli agenti immobili: «Chiama aiuto!» Pochi istanti ...
Leggi >