Senzatetto, ma morto con dignità

Di Salena Zito

CUMBERLAND, Maryland – Se non fosse stato per la gentilezza degli estranei, Henry McCain sarebbe morto nel modo in cui ha condotto gran parte della sua vita da adulto: freddo, solo e senza una coperta per coprirsi i piedi di notte.

Invece, McCain ha lasciato questo mondo non come un vagabondo senza nome, ma con dignità, senso di appartenenza e un ultimo sorso della sua amata Coca-Cola ghiacciata.

La mattina della morte di McCain, il pastore David Ziler e sua moglie, Andrea Ziler, sono entrati nella stanza dell’ospizio che avevano creato nel rifugio per i senzatetto che gestiscono, hanno dato a McCain i suoi farmaci, lo hanno ripulito e hanno messo a sedere il suo corpo indebolito sul letto.

Ziler ricorda: «Henry ha guardato mia moglie e mi ha chiesto se poteva avere una Coca-Cola ghiacciata, così lei gli ha preso una cannuccia e gliel’ha infilata in bocca, e lui ha detto: ‘Basta così’».

McCain poi si è girato e si addormentato.

«Quindici minuti dopo siamo tornati e lui se n’era andato. Fino al suo ultimo respiro, voleva la Coca Cola ghiacciata». Andrea Ziler, un’infermiera, ha raccontato che la Coca-Cola era una delle tante strane scelte alimentari che aveva richiesto nei giorni calanti della sua vita, poiché il cancro al fegato progrediva rapidamente nel suo corpo.

I soldi per il cibo e per la sua bara, il servizio funebre e la lapide sono stati trovati ​​perché il pastore Ziler ha pubblicato una richiesta di raccolta fondi per McCain sulla pagina Facebook della Union Rescue Mission, un paio di settimane prima.

In pochi minuti, l’obiettivo della raccolta fondi è stato raggiunto e persino superato. McCain non avrebbe mai ottenuto tutto ciò se non fosse entrato nella missione di soccorso dell’Unione lo scorso anno.

L’altro desiderio di McCain, prima di morire, era che il suo corpo non fosse inviato all’obitorio statale per essere cremato e seppellito con gli altri senzatetto senza nome. «Aveva anche chiesto espressamente di mettere una coperta extra intorno ai suoi piedi nella bara, perché i suoi piedi erano sempre freddi», racconta Ziler.

Spesso i senzatetto muoiono – essendo stati a lungo separati dalle loro famiglie – senza che nessuno ne dico o conosca il nome. A volte, le loro vite finiscono in violenza e lesioni, a volte dalle loro stesse mani. In posti come il Maryland, dove le temperature a volte scendono molto rapidamente, possono morire per ipotermia.

La popolazione dei senzatetto nello Stato è stimata in oltre 50 mila persone, con morti più che raddoppiate dal 2007 al 2017, da 72 a 196.

I senzatetto diventano tali per una serie di motivi che spaziano dalla povertà, alle violenze, agli improvvisi capovolgimenti della sorte, alla tossicodipendenza, ai problemi di salute mentale. La maggior parte dei senzatetto si ritrova a non rientrare, o ad allontanarsi dai sistemi progettati per aiutarli e sostenerli.

«Per quanto strano possa sembrare, spesso non c’è una causa specifica che porta a essere senzatetto, piuttosto una serie di situazioni che li ha messi sulla strada sbagliata nella vita», ha spiegato Andrea Ziler.

McCain si è trovato dalla parte sbagliata della legge quando ha tentato di rapinare una casa nel cuore della notte. È stato accusato di numerosi reati tra cui la minaccia con un’arma: la sua vittima designata gli ha tolto il coltello. Si è dichiarato colpevole di due delle accuse e alla fine è stato rilasciato.

McCain non ha mai detto agli Ziler, o a nessuno del personale che si prendeva amorevolmente cura di lui, perché la sua vita andasse di traverso. La sua famiglia, con cui aveva perso ogni contatto, lo ha ritrovato tramite il post di raccolta fondi su Facebook. I membri della famiglia hanno detto agli Ziler che lui era sempre stato il benvenuto a casa e che non c’è mai stato un incidente che lo abbia separato dai suoi nipoti; si era semplicemente allontanato.

David Ziler ha detto che la buona notizia era che la sua famiglia ha potuto fargli visita e sedersi con lui prima che morisse.

L’anno scorso, il rifugio per senzatetto ha fornito quasi 80 mila pasti ai bisognosi. Attualmente ospita 55 persone, e offre un luogo per ripararsi dal freddo a un’altra ventina di senzatetto. La Union Rescue Mission è un’organizzazione basata sulla fede che non riceve denaro dal governo ma si sostiene con piccole donazioni per ospitare e servire i senzatetto.

Ziler ha raccontato: «Quando abbiamo detto a Henry che poteva stare tranquillo perché i soldi erano stati raccolti, si è commosso e poi ha ringraziato. Era un uomo di poche parole ed emozioni, quindi è stato incredibilmente significativo».

Il pastore Ziler ha chiesto a McCain di andare alla Adams Funeral Home, a mezzo miglio di distanza dalla missione, per organizzare il proprio funerale. McCain ha detto al direttore del servizio funebre che voleva solo due cose: quella coperta sui suoi piedi e che venisse suonata la canzone ‘The Keeper of the Stars’, un inno alla fede e agli amici che ha trovato alla fine della sua vita. «Dopo aver preso i suoi accordi, Henry ha chiesto allo staff se pensavamo che le persone che hanno pagato per il suo funerale si sarebbero arrabbiate se avesse continuato a pregare per un miracolo. Gli abbiamo assicurato che nessuno si sarebbe arrabbiato se avessimo dovuto aspettare qualche anno per un funerale».

Due settimane fa, lo staff e Andrea Ziler hanno richiesto al pastore Ziler di far entrare McCain nell’ospizio e farlo rimanere nella missione dell’Unione fino alla sua morte. Il pastore ha respinto la richiesta, ma infine, Andrea e lo staff hanno avuto la meglio. «Ha praticamente coordinato le sue cure mediche per tutto il tempo, assicurandosi che gli appuntamenti dei suoi medici, assicurandosi che prendesse gli appuntamenti dei suoi medici e che il personale lo portasse lì. Non pensavo fossimo attrezzati per gestire questa situazione, ma il personale ha offerto volontariamente le proprie ore e la propria paga per l’assistenza 24 ore su 24 di cui aveva bisogno».

«Ha passato la vita da solo; Non volevo che morisse da solo», ha affermato semplicemente Andrea.

Henry ha trascorso le sue ultime due settimane tra visite con la sua famiglia, i nuovi amici e il personale, cantando canzoni, scherzando, mangiando cibo ridicolo e vivendo in completa pace.

Spesso parliamo delle virtù di una vita guidata da uno scopo. Potremmo non sapere mai quanto fosse oscura la vita di Henry McCain, o se vedeva uno scopo. Tuttavia, c’è una forte argomentazione per sostenere che il suo viaggio ha toccato le vite di tutti coloro che lo hanno incontrato, in particolare quelli della missione di soccorso dell’Unione. E c’è una forte argomentazione per sostenere che il suo scopo non era quello di essere un vagabondo, come le persone potrebbero aver immaginato quando lo incrociavano per le strade, ma piuttosto un uomo che ha dato uno scopo più grande e ha plasmato la vita di coloro che lo hanno incontrato.

 

Salena Zito ha avuto una lunga carriera di successo come giornalista politica nazionale. Dal 1992, ha intervistato ogni presidente e vicepresidente degli Stati Uniti, nonché i massimi leader a Washington, DC, inclusi i segretari di Stato, i portavoce della Camera e i generali del comando centrale degli Stati Uniti. La sua passione, però, è quella di intervistare migliaia di persone in tutto il Paese. Raggiunge gli Everyman e Everywoman attraverso l’arte perduta del giornalismo in scarpe di pelle, dopo aver viaggiato lungo le strade secondarie di 49 Stati.

Le opinioni espresse in quest’articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle di Epoch Times.

 

Articolo in inglese: Homeless but Dying With Dignity

 
 
 

Segretario di Stato Usa: Taiwan deve partecipare all’Assemblea mondiale della Sanità

Segretario di Stato Usa: Taiwan deve partecipare all’Assemblea mondiale della Sanità
Taiwan nell'Assemblea Mondiale della Sanità? Secondo il segretario di Stato americano Antony Blinken, l'Oms deve invitare anche Taiwan ...
Leggi >
 

Il voltagabbanesimo ed i suoi profeti, dal M5s al rapper Fedez

Il voltagabbanesimo ed i suoi profeti, dal M5s al rapper Fedez
L’autore dell’articolo, Gigi Morello, è nato a a Torino e ha vissuto diversi anni negli Usa. Musicista, didatta e ...
Leggi >
 

Cittadino cinese scopre un sistema di spionaggio nella sua Smart Tv | China in Focus

Cittadino cinese scopre un sistema di spionaggio nella sua Smart Tv | China in Focus
Recentemente, un utente della Cina continentale di nome 'v64500' ha scritto sul forum online 'V2EX' che il suo ...
Leggi >
 

I dati smontano il mito del «razzismo» negli omicidi della polizia

I dati smontano il mito del «razzismo» negli omicidi della polizia
Il presidente Joe Biden ha affermato che la condanna di Derek Chauvin ha aperto gli occhi al mondo ...
Leggi >