Shanghai, i residenti non credono alle autorità: la riapertura è «lontana»

Di Dorothy Li

Il 17 maggio le autorità di Shanghai hanno affermato di aver raggiunto zero infezioni al di fuori delle zone di quarantena per tre giorni consecutivi, segnando un traguardo tanto atteso per una città che è stata chiusa per oltre sette settimane. Tuttavia la maggior parte dei residenti è ancora confinata nelle proprie case.

Zhao Dandan, vicedirettore della Commissione della Salute di Shanghai, ha dichiarato in una conferenza stampa del 17 maggio che tutti i 16 distretti di Shanghai hanno raggiunto la «dinamica sociale Zero-Covid» per tre giorni consecutivi. «Dinamica sociale Zero-Covid» significa che le infezioni sono state segnalate solo in strutture di quarantena centralizzate o comunità residenziali sotto lockdown.

Al 18 maggio, circa 790 mila persone si trovavano ancora in aree sigillate (secondo i funzionari locali), dove sono soggette alla forma più rigorosa di lockdown. I funzionari non hanno detto quante persone fossero invece nei centri di isolamento.

Shanghai ha registrato 815 casi in un periodo di 24 ore dal 17 maggio al 18 maggio, secondo quanto affermato da Zhao in una conferenza stampa. Ma il conteggio ufficiale è stato contestato da residenti ed esperti, che ricordano la tendenza del regime cinese a minimizzare e nascondere le informazioni sui focolai in tutto il Paese.

L’hub commerciale di 25 milioni di abitanti ha pubblicato una tabella di marcia per uscire gradualmente dal lockdown, che dura da oltre sette settimane, secondo la quale si prevede di riaprire dall’inizio di giugno. Non sorprende però che il piano sia stato accolto con scetticismo dai residenti, che hanno visto le loro speranze deluse più e più volte. Per esempio, il lockdown iniziale doveva durare solo otto giorni quando è stato introdotto a fine marzo. Sono passati due mesi.

Le autorità hanno perso credibilità, secondo un residente di cognome Wang che è ancora bloccato nella sua casa. La comunità residenziale di Wang è stata sottoposta a un cosiddetto «periodo di quiete» dal 15 maggio e non ha ricevuto alcuna spiegazione ufficiale. Durante il periodo di dieci giorni nessuno può uscire di casa e le consegne sono sospese.

Alcuni dicono di aver ricevuto dei pass per uscire dai loro complessi residenziali. Il pass consente a una sola persona per famiglia di uscire per poche ore alla volta, secondo quanto spiegato da un residente locale a Epoch Times il 17 maggio.

Il pass è valido per tre ore, ha riferito un altro residente nel distretto di Fengxian, di nome Chen. Tuttavia, c’è bisogno di fare la fila per una o due ore per entrare in un supermercato, e se non si torna in tempo, si perde il pass.

Chen spiega che, anche se le persone hanno un pass, possono avventurarsi solo nelle vicinanze di casa. Non è infatti ancora in grado di visitare sua figlia che vive nel distretto di Pudong, a circa 45 minuti di auto da casa sua.

«La riapertura o la ripresa completa del lavoro è ancora molto lontana», ha affermato un terzo residente, che è stato rinchiuso in una comunità residenziale nel distretto di Minxing per 60 giorni.

Sulla popolare piattaforma di microblogging Weibo, i media ufficiali del Partito Comunista Cinese hanno pubblicato alcune foto che mostravano bar per la colazione, ristoranti e parrucchieri che aprivano, scatenando la rabbia dei residenti isolati di Shanghai.

Un utente di social media ha descritto il post come «una sciocchezza»: «Siamo stati chiusi in casa per due mesi. […] Questa storia è pensata per chiunque altro che non sia di Shanghai». Ma entro la mattina del 17 maggio, il post è stato cancellato.

Fuga da Shanghai

Molti lavoratori migranti in città desiderano disperatamente tornare nelle loro città e paesi di origine dopo aver sopportato il lungo lockdown.

I post sui social media hanno mostrato lunghe file di persone, per lo più lavoratori migranti, fuori da una delle principali stazioni ferroviarie della città, che cercano di tornare a casa dopo aver ottenuto il permesso di uscire. Alcuni sono stati fotografati mentre trasportavano valigie su biciclette noleggiate o facevano trekking a piedi da angoli lontani della città.

Un fattorino di nome Liu ha detto che è «incredibilmente difficile» ottenere un biglietto del treno per tornare alla sua città natale, e di aver sentito che un lavoratore ha pagato 500 yuan in più (circa 71 euro) per ottenere un biglietto da uno scalper: «È una benedizione poter ottenere un biglietto». I lavoratori che tornano a casa devono ancora sottoporsi alla quarantena al loro ritorno, ha spiegato Liu a Epoch Times.

Sun Wei (alias), che lavora nei social media ed è stato privato di uno stipendio per oltre due mesi a causa del lockdown, ha finalmente ottenuto il permesso da una comunità di quartiere e ha lasciato la città il 17 maggio: «Se avessi continuato a rimanere a Shanghai, sarei morto di fame», ha riferito a Epoch Times da un hotel di quarantena nella sua città natale, la città di Fuyang nella provincia dell’Anhui, a circa sette ore di auto da Shanghai.

La quarantena centralizzata di una settimana gli è costata circa 900 yuan (127 euro) prima che gli fosse permesso di essere isolata a casa per altri sette giorni.

I lockdown draconiani hanno inflitto dolore a milioni di residenti in città e devastato l’economia del Paese. Gli scenari cinesi di aprile sono stati deprimenti: le vendite al dettaglio e la produzione industriale sono scese al livello peggiore dall’inizio della pandemia e il tasso di disoccupazione del Paese ha raggiunto il massimo in due anni. I dati diffusi dall’Ufficio Nazionale delle Statistiche sono stati peggiori di quanto gli economisti si aspettassero.

Michael Hart, presidente della Camera di Commercio americana in Cina ha dichiarato il 17 maggio che la politica Zero-Covid del regime ostacolerà gli investimenti esteri per gli anni a venire poiché i limiti di viaggio interrompono i progetti. Le grandi aziende stanno anche esplorando alternative per le loro catene di approvvigionamento. «Sfortunatamente, il lockdown per il Covid di quest’anno e le restrizioni degli ultimi due anni significheranno che tra tre, quattro, cinque anni, molto probabilmente vedremo un calo degli investimenti».

 

Articolo in inglese: Sealed-in Shanghai Residents Say Reopening Is ‘Far Away’ as Authorities Claim ‘Zero-COVID’ Status Reached

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Cina, nuove restrizioni sui bonfici bancari e crisi immobiliare. Sempre più cinesi fuggono all’estero

Cina, nuove restrizioni sui bonfici bancari e crisi immobiliare. Sempre più cinesi fuggono all’estero
Le principali banche statali cinesi stanno imponendo nuovi stringenti limiti sui bonifici bancari, consentendo ai propri clienti di ...
Leggi >
 

Il vero obbiettivo dell’Agenda Onu 2030: più potere alle organizzazioni internazionali

Il vero obbiettivo dell’Agenda Onu 2030: più potere alle organizzazioni internazionali
Il World Economic Forum (Wef) ha recentemente concluso il suo consueto incontro annuale in Svizzera, dove miliardari e ...
Leggi >
 

Usa, la Corte Suprema ribalta la storica sentenza sull’aborto Roe vs Wade

Usa, la Corte Suprema ribalta la storica sentenza sull’aborto Roe vs Wade
Il 24 giugno 2022 la Corte Suprema statunitense ha ribaltato la storica Roe vs Wade, la sentenza che ...
Leggi >
 

Speciale: Il regime cinese alla conquista dell’Africa con la Nuova Via della Seta

Speciale: Il regime cinese alla conquista dell’Africa con la Nuova Via della Seta
Pechino ha investito miliardi di dollari in infrastrutture in Africa, ma con intenzioni tutt’altro che altruiste. Il piano ...
Leggi >