Shanghai, «moriranno più persone dal lockdown che dal Covid-19»

Di Alex Wu

La politica «Covid Zero» del regime comunista cinese e le rigide misure di controllo della pandemia hanno causato numerose tragedie e denunce di massa. Shanghai è chiusa da più di due settimane e sui social media sono stati spesso segnalati disastri umanitari.

Negli ultimi giorni è circolato online un video in cui il massimo esperto di epidemie di Shanghai, Zhang Wenhong, sottolinea che il numero di persone morte a causa del lockdown supererà di gran lunga il numero di quelle per Covid-19, se il lockdown continua: «Se gli ospedali non riprenderanno i servizi, il bilancio delle vittime di altre malattie sarà molto più alto di quello delle vittime del Covid-19», ha affermato nel video pubblicato il 13 aprile, che è piaciuto a molti netizen.

«Per quanto tempo l’intera città può essere messa in pausa e possiamo permettercelo? – ha chiesto Zhang – Nessuno ha qualcosa da mangiare o da bere, non c’è posto dove comprare verdura, e se sei malato non puoi andare in ospedale a vedere un dottore. Molte più persone moriranno a causa di ciò, rispetto a quanto causato dal Covid-19. Inoltre, se gli ospedali non riprendono i servizi, i malati di cancro non potranno sottoporsi a chemioterapia e chirurgia, le persone affette da altre malattie non potranno essere curate e i pazienti feriti non potranno essere curati. In questo caso, credo che i pazienti che muoiono per altre malattie siano molto più del Covid-19. Quindi penso che sia ragionevole riprendere il lavoro e tutti dovrebbero tornare alla vita normale il prima possibile».

Zhang era il capo del team di esperti di prevenzione della pandemia di Shanghai. La sua ultima apparizione pubblica in quella posizione è stata in una conferenza stampa il 25 marzo, dove ha suggerito una «prevenzione mirata» e si è detto contrario al lockdown. Shanghai ha inizialmente seguito questa politica, che è simile alla strategia di «coesistere con il virus» che i Paesi occidentali stanno ora praticando. Tuttavia, Shanghai ha poi implementato un lockdown totale il 28 marzo e Zhang è stato criticato dai media ufficiali che supportano la politica e le misure «Covid Zero». Quando Zhang è riapparso in pubblico il 9 aprile, è stato indicato solo come un «esperto del team di trattamento medico per la prevenzione e il controllo della pandemia di Shanghai».

I punti e i suggerimenti di Zhang nel video sono condivisi da esperti medici cinesi e attivisti per i diritti.

L’avvocato di Shanghai Peng Yonghe ha dichiarato a Epoch Times il 15 aprile che la questione centrale menzionata da Zhang nel video è garantire servizi medici accessibili in modo che i pazienti possano ricevere cure efficaci per malattie diverse dal Covid-19 durante il periodo di controllo della pandemia: «Se ignori la vita, la tua politica non può proteggere la vita. [Se, ndr] le persone malate non possono essere curate o lasciate morire, allora la tua politica deve essere modificata».

La dura politica «Covid Zero» del regime cinese ha provocato varie reazioni.

Il 12 aprile, Ji Xiaolong, residente a Shanghai Pudong e attivista per i diritti umani, ha scritto sui social media un post intitolato: «La politica di prevenzione della pandemia dovrebbe essere determinata da un gruppo di esperti medici: una lettera aperta a tutti i cittadini di Shanghai», in cui sostiene che sia un gruppo di esperti eletto dai cittadini a decidere la politica di prevenzione e controllo della pandemia, al posto dei funzionari comunisti. Ji ha riferito a Epoch Times che ci sono più di 40 ospedali di alto livello a Shanghai, e tutti sono stati valutati da dipartimenti autorevoli e sono considerati affidabili dalle persone. Tutto il personale medico di ogni ospedale dovrebbe eleggere anonimamente un medico esperto in un processo monitorato dal pubblico e istituire congiuntamente un gruppo di esperti, secondo Ji: «I pareri sulla prevenzione della pandemia formulati congiuntamente da questi esperti del gruppo hanno la fiducia dei cittadini. Non crediamo nel governo e non crediamo nel comando e nel dispiegamento personale del leader. Crediamo negli esperti».

Tra l’altro, gli esperti medici di Shanghai hanno espresso opinioni simili a quelle di Zhang.

Zhu Weiping, direttore del Center for Disease Control and Prevention nella Nuova Area Pudong di Shanghai, ha affermato in una registrazione di una conversazione con i cittadini che i pazienti asintomatici Covid e i pazienti con sintomi lievi stanno meglio isolati a casa e non dovrebbero mai andare in un rifugio di quarantena. Ha aggiunto che anche i professionisti stanno «impazzendo» durante il lockdown e che nessuno ascolta quello che dicono, perché «ora questa malattia è stata trasformata in una questione politica».

L’11 aprile Xu Huiliang, un medico in pensione di 75 anni a Shanghai, ha pubblicato una lettera aperta usando il suo vero nome, in cui formula una serie di suggerimenti per il governo municipale di Shanghai per il controllo della pandemia, incluso garantire l’accesso aperto del sistema sanitario d’emergenza durante la prevenzione e il controllo della pandemia per evitare e ridurre le vittime e i disastri umanitari causati dalle misure di controllo. Ha anche raccomandato che le persone risultate positive al Covid-19 possano isolarsi nelle loro case.

Miao Xiaohui, vicepresidente in pensione dell’Ospedale Changzheng, affiliato alla Seconda Università Medica Militare di Shanghai, ha pubblicato sui social media che, secondo i dati ufficiali, solo una delle 170.000 persone contagiate dal Covid-19 è morta finora; tuttavia, le notizie sui decessi causati dal lockdown sono in aumento. Si è quindi chiesto se le autorità non debbano adeguare la strategia di prevenzione della pandemia il prima possibile.

Il 14 aprile, durante la conferenza stampa sulla prevenzione e il controllo della pandemia di Shanghai, è stato affermato che attualmente ci sono solo 9 pazienti Covid-19 in condizioni gravi, 8 dei quali sono anziani di età superiore ai 70 anni con malattie di base.

I dati rilasciati dalla Cina durante la pandemia sono ritenuti molto inaffidabili, poiché la pressione politica costringe le autorità a sottostimare i decessi e i casi.

 

Articolo in inglese: ‘More People Will Be Killed by Lockdown Than by COVID-19’: Shanghai’s Top Pandemic Expert

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione
Jiang Zemin, ex leader del Partito Comunista Cinese (Pcc), è morto di malattia a Shanghai il 30 novembre ...
Leggi >
 

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante
L’autore dell’articolo, Stu Cvrk, si è ritirato come capitano dopo aver prestato servizio per 30 anni nella Marina ...
Leggi >
 

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»
Elon Musk sostiene che invece di inasprire ulteriormente le politiche monetarie, la Federal Reserve dovrebbe «immediatamente» abbassare i tassi ...
Leggi >
 

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)
Brutale e sanguinario dittatore e capo del Partito Comunista Cinese dal 1993 al 2003, è morto per cause ...
Leggi >