Sogni: l’effetto della pandemia Covid sul sonno e la salute mentale

Di Lily Kelly

Una ricerca del Turner Institute for Brain and Mental Health della Monash University in Australia ha dimostrato che la pandemia di Covid-19 ha sconvolto le abitudini del sonno e i sogni delle persone in tutto il mondo.

I risultati sono emersi da un sondaggio globale sulla salute mentale e il sonno, condotto durante la pandemia su oltre 2000 partecipanti. Il 45% di loro ha affermato di aver sperimentato cambiamenti nei propri sogni. I risultati hanno anche mostrato che i partecipanti, che sono stati monitorati per 12 mesi, hanno avuto sogni più negativi, con molti che hanno sperimentato incubi o sogni di scenari minacciosi come disastri e guerre.

Melinda Jackson, co-autrice dello studio, docente senior e psicologa del sonno presso il Turner, ha riferito al Lens che molte persone hanno descritto un volume maggiore di sogni nelle prime fasi della pandemia.

«Questi sogni sono stati descritti in alta definizione, più vividi e colorati del normale, con una maggiore chiarezza visiva, ma spesso prendevano una svolta strana o bizzarra».

La Jackson ha anche affermato che i sogni dei partecipanti durante le prime fasi della pandemia erano più negativi: molti sperimentavano più incubi e sognavano scenari minacciosi come disastri e guerre.

«Non riesco a ricordare molto ora, ma i sogni sono stati inquietanti, colorati e in alcuni casi spaventosi: morte su larga scala, generalmente per guerra. A volte mi svegliano», ha raccontato un partecipante.

Come la pandemia ha influenzato il sonno

La Jackson crede che una possibile ragione per i cambiamenti sia la teoria della simulazione delle minacce, che sostiene che le persone sperimentano sogni più vividi e brutti durante i periodi di stress, che hanno lo scopo di prepararli alla loro attuale realtà minacciosa.

«Sono stati osservati aumenti di sogni vividi e incubi dopo guerre, disastri naturali e attacchi terroristici come l’11 settembre», ha spiegato la Jackson.

Anche il livello degli ormoni dello stress sperimentato da una persona ha un ruolo considerevole nell’interruzione dei normali schemi di sonno: «Il nostro cervello è in realtà molto attivo durante il sonno con movimenti oculari rapidi, la fase del sonno in cui sperimentiamo sogni più bizzarri e vividi», ha affermato la coautrice dello studio Hailey Meaklim, psicologa e dottoranda presso il Turner.

«Le nostre regioni visuo-spaziali del cervello diventano superattive, insieme alle nostre emozioni e ai centri della memoria. Tutto questo può essere intensificato nei periodi di stress e otteniamo un aumento di sogni e incubi vividi».

Un altro motivo per l’esperienza di sogno alterata potrebbe essere i cambiamenti nei modelli di sonno sorti durante la pandemia: «Abbiamo visto cambiamenti nei modelli sonno-veglia in tutto il mondo, con molte persone in grado di dormire più a lungo a causa del lockdown o dei requisiti del lavoro da casa», spiega la Jackson.

«Sperimentiamo più sonno Rem verso la fine della notte, che può essere ridotto se le persone impostano una sveglia per alzarsi presto per andare al lavoro».

«Questa estensione naturale del sonno che abbiamo visto durante la pandemia potrebbe aver portato a un maggiore ricordo dei sogni, semplicemente perché dormivano più a lungo e avevano più sonno Rem».

Il sonno Rem è lo stato di sonno in cui il cervello è più attivo, il che sembra renderlo più vulnerabile alla frammentazione, per le persone che soffrono di ipereccitabilità cronica.

I sogni pandemici e il tema della sopravvivenza

«C’era un vero ‘tema di sopravvivenza’ nei sogni durante la pandemia», ha affermato la Meaklim.

«C’erano molti sogni sulla morte e persone che si preoccupavano per la sicurezza della loro famiglia e dei loro amici. È stato un periodo spaventoso e incerto per le persone, e questi sentimenti ansiosi sono continuati nei sogni delle persone».

Un partecipante allo studio ha affermato di aver sperimentato incubi sul fatto che i propri cari si ammalassero o morissero. Un altro ha sognato le mascherine: il realizzarle o l’averle finite.

Tuttavia, non tutti i partecipanti hanno sperimentato sogni specifici per la pandemia. Meaklim ha affermato che sebbene alcuni sognassero di contrarre il virus o precauzioni protettive come mascherine e distanziamento sociale, i contenuti specifici del Covid costituiva solo un «piccolo sottotema» dei sogni dei partecipanti.

Dopo aver suddiviso i partecipanti in tre gruppi (coloro che hanno sviluppato insonnia durante la pandemia, coloro che avevano avuto difficoltà a dormire prima della pandemia e coloro che dormivano bene), lo studio ha rilevato che coloro che avevano più difficoltà a dormire avevano maggiori probabilità di sperimentare un cambiamento nel sogno durante la pandemia e che i loro sogni avevano un tono negativo.

Il gruppo che ha sviluppato insonnia durante la pandemia ha riportato le maggiori percentuali di cambiamenti nei sogni, con il 55% dei partecipanti che ha sperimentato strani sogni. Il resto (coloro che soffrivano di insonnia già precedentemente) ha riportato una percentuale inferiore. Tuttavia, questi ultimi hanno superato il gruppo di partecipanti che non aveva difficoltà a dormire né prima né durante la pandemia, dei quali solo il 36% ha riportato cambiamenti nel sonno.

Inoltre, quando i ricercatori hanno utilizzato il conteggio delle parole dell’analisi linguistica per confrontare le risposte dei diversi gruppi, hanno scoperto che coloro che avevano sviluppato insonnia durante la pandemia sperimentavano sogni più ansiosi e legati alla morte.

«Nel complesso, le persone con insonnia, quando finalmente dormivano, facevano sogni più negativi e spaventosi rispetto alle persone che dormivano bene», spiega Meaklim.

Insonnia e memoria

Meaklim ha affermato che il team ha diverse teorie sul motivo per cui le persone con insonnia hanno sperimentato più cambiamenti nei sogni rispetto a quelle che hanno dormito bene.

«Una è che se le persone si svegliano subito dopo un sogno, è più probabile che lo ricordino».

Pertanto, gli insonni trovano i sogni più facili da ricordare poiché si svegliano frequentemente durante il sonno. Inoltre, esiste un’ipotesi secondo cui le persone con insonnia hanno un sonno Rem più instabile, e si svegliano durante il periodo del sonno in cui il sogno è al culmine.

Tuttavia, l’insonnia non aiuta la tua memoria al di fuori dei sogni.

«Il sonno è un processo importante per la formazione e il consolidamento della memoria ed è noto che la perdita di sonno compromette la funzione della memoria del giorno successivo», ha affermato la Jackson in una e-mail a Epoch Times, indicando che l’insonnia era stata collegata a una memoria dichiarativa compromessa, in merito al ricordare eventi e oggetti.

«Pertanto, è possibile che i disturbi della memoria segnalati durante la pandemia possano essere correlati all’aumento dell’insonnia sperimentato da molte persone in tutto il mondo dal 2020».

Effetto dell’insonnia e degli incubi sulla salute mentale

La Jackson ha affermato che l’insonnia cronica può portare a vari problemi di salute, sia mentali che fisici. Una persona che soffre di insonnia cronica è a maggior rischio di sviluppare condizioni come malattie cardiovascolari, obesità e diabete. Sono anche più inclini a incidenti ed errori sia sul lavoro che su strada.

In termini di salute mentale, la Jackson ha affermato che la difficoltà a dormire è un fattore di rischio per «l’insorgenza e il mantenimento» di condizioni mentali come depressione e ansia.

«Studi longitudinali hanno dimostrato che l’insonnia conferisce un rischio 4 volte maggiore di sviluppare la depressione anni dopo, anche se non hai avuto un episodio depressivo in passato».
«Pertanto, è davvero importante affrontare i problemi del sonno nella fase iniziale per prevenire l’emergere di potenziali problemi di salute mentale».

«Abbiamo visto che i cambiamenti nei sogni erano associati nel tempo a sintomi di salute mentale peggiori e questo effetto era più pronunciato negli individui con insonnia».

Fortunatamente, i partecipanti hanno riportato una diminuzione di sogni e incubi così vividi circa tre mesi dopo l’inizio dello studio, ed è stata osservata un’altra diminuzione tra i sei e i 12 mesi di follow-up: la maggior parte delle persone ha riscontrato miglioramenti nei propri sogni e meno difficoltà ad addormentarsi, dopo che l’ansia e lo stress iniziali creati dalla pandemia sono passati.

Curare l’insonnia e gli incubi

La Jackson ha osservato che per coloro che hanno avuto difficoltà con l’insonnia e i brutti sogni durante la pandemia, ora ci sono trattamenti promettenti per entrambi i problemi.

«Quindi esortiamo le persone a cercare aiuto se stanno ancora faticando con il sonno».

«Il trattamento più efficace per l’insonnia basato sull’evidenza è la terapia cognitivo comportamentale per l’insonnia (Cbt-I), che è efficace nel ridurre i sintomi nella stessa misura dei farmaci e ha effetti più duraturi». Di solito, uno psicologo che è specificamente addestrato nei disturbi del sonno amministra il trattamento Cbt-I.

Il Cbt-I esplora la relazione tra il modo in cui una persona pensa, il suo comportamento e il modo in cui dorme; uno psicologo addestrato nella terapia Cbt-I aiuta i pazienti a identificare pensieri, sentimenti e comportamenti che causano l’insonnia.

«Non molte persone sono consapevoli di questa terapia e non vengono curate perché non vogliono prendere una pillola per dormire», spiega la Jackson. «Suggeriamo di parlare con il tuo medico di famiglia di queste opzioni di trattamento comportamentale».

I ricercatori sperano che i risultati di questo studio possano aiutare a fornire un migliore recupero della salute mentale dopo la pandemia e ravvivare lo sviluppo di nuovi trattamenti per l’insonnia e problemi di salute mentale.

 

Articolo in inglese: COVID Dreams: The Pandemic’s Effect On Sleep and Mental Health

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan
Durante un incontro a Tokyo del 26 settembre, il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris e il primo ...
Leggi >
 

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso
L'autore dell'articolo, Roger Kimball, è redattore ed editor di The New Criterion ed editore di Encounter Books. Il ...
Leggi >
 

L’improvvisa inversione di rotta di Putin

L’improvvisa inversione di rotta di Putin
Il presidente russo Vladimir Putin ha definitivamente chiuso il dialogo con l’Occidente. La decisione è avvenuta a metà ...
Leggi >
 

La possibile vittoria dell’Ucraina

La possibile vittoria dell’Ucraina
La guerra ucraino-russa, che è stata una fonte inesauribile di sorprese da quando è stata lanciata impetuosamente dal ...
Leggi >