Studio: le persone guarite dal Covid-19 difficilmente trarranno beneficio dal vaccino

Di Zachary Stieber

Secondo un nuovo studio (non ancora soggetto a peer review), le persone che sono state precedentemente infettate dal virus che causa il Covid-19 sono protette contro la reinfezione e quindi non hanno bisogno di essere vaccinate.

«La nostra conclusione è che se sei stato precedentemente infettato, sei protetto per via della precedente infezione e non hai bisogno del vaccino», ha spiegato a Epoch Times il dottor Nabin Shrestha, del Dipartimento di malattie infettive della Cleveland Clinic.

Shrestha e i colleghi della clinica hanno studiato i dati sui dipendenti, separandoli in quattro gruppi: precedentemente infetti e non vaccinati, precedentemente infetti e anche vaccinati, non precedentemente infetti e non vaccinati e non precedentemente infetti ma vaccinati.

Hanno scoperto che i vaccini erano fortemente efficaci nel prevenire l’infezione dal virus del Pcc (Partito Comunista Cinese), ma che l’infezione precedente ha anch’essa conferito un’immunità naturale: «Tra le persone che erano state precedentemente infettate, indipendentemente dal fatto che abbiano ricevuto il vaccino o meno, non c’erano davvero casi di Covid», sottolinea Shrestha.

Dei 52.238 dipendenti studiati, 2.579 erano stati precedentemente infettati. Circa la metà di quelli è rimasta non vaccinata. Dei 49.659 dipendenti che non hanno avuto un’infezione precedente, il 41 percento non ha ricevuto un vaccino.

Utilizzando un modello dei rischi proporzionali (regressione di Cox) e correggendolo in base alla fase della pandemia, la vaccinazione è stata collegata a un rischio di infezione significativamente più basso tra coloro che non erano stati precedentemente infettati, ma non è emersa alcuna differenza rispetto al tasso di infezione per chi aveva già avuto la malattia.

In conclusione, gli autori hanno scritto: «È improbabile che gli individui che hanno subito l’infezione da Sars-CoV-2 traggano beneficio dalla vaccinazione Covid-19 e i vaccini possono essere tranquillamente assegnati in modo prioritario a coloro che non sono stati infettati prima».

Un uomo si avvicina a un sito di test Covid-19 a Miami Beach, in Florida, il 17 novembre 2020. (Chandan Khanna/Afp via Immagini di tendenza)

Lo studio non è sottoposto a revisione paritaria. Secondo Shrestha, è stato presentato a molte riviste, che lo hanno rifiutato «perché pensano che non sia una priorità per loro». Ma si aggiunge al crescente corpo di ricerca che da tempo sostiene l’immunità naturale tra coloro che hanno contratto la malattia.

Una ricerca pubblicata il mese scorso ha indicato che le persone che si sono riprese da uno stato di Covid-19 lieve, hanno una protezione anticorpale di lunga durata. Ciò si è basato su una ricerca che ha raggiunto un risultato simile. Ricerche precedenti hanno anche indicato che le persone malate di Covid-19 mostravano risposte delle cellule T specifiche per il virus. L’Organizzazione Mondiale della Sanità, il 10 maggio in una nota scientifica aggiornata, aveva affermato che la maggior parte delle persone infettate dal virus del Pcc e che poi si riprendono, sviluppano una «forte risposta immunitaria protettiva» che rimane «forte e protettiva contro la reinfezione per almeno 6- 8 mesi».

Sulla base di quanto scoperto dai ricercatori della Cleveland Clinic, la protezione naturale dalle infezioni dura almeno un anno.

I Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) americani attualmente raccomandano che praticamente tutti ricevano un vaccino Covid-19. In un ultimo aggiornamento a marzo, l’agenzia riconosce che gli studi indicano che le persone che guariscono dalla malattia sono protette dalla reinfezione. Le prove «suggeriscono che il rischio di reinfezione da Sars-CoV-2 è basso nei mesi successivi all’infezione iniziale, ma può aumentare con il tempo a causa della diminuzione dell’immunità», ha affermato l’agenzia.

Il Cdc ha rifiutato di rispondere al nuovo studio: «Non commentiamo documenti non autorizzati dal Cdc. Valutiamo continuamente la scienza alla base della nostra linea guida e, se deve essere cambiata, la baseremo sulle nostre ricerche e studi», ha scritto un portavoce a Epoch Times per mail.

Shrestha, l’autore principale dello studio, ritiene che raccomandare la vaccinazione per le persone precedentemente infette sia fuorviante: «Personalmente ritengo che i vaccini siano sorprendentemente efficaci, ma dobbiamo usarli con saggezza. Non dovremmo davvero pensare a questo come a un problema degli Stati Uniti; è un problema globale. Avrebbe più senso utilizzare il vaccino in qualsiasi parte del mondo dove sarebbe efficace nel tenere sotto controllo la pandemia».

 

Articolo in inglese: Study: People Who Have Recovered From COVID-19 Unlikely to Benefit From Vaccine



 
 
 

Un movimento studentesco contro il Green Pass. L’intervista

Un movimento studentesco contro il Green Pass. L’intervista
Epoch Times Italia ha intervistato Filippo Dellepiane, studente 19enne di Filosofia a Firenze e coordinatore di 'Studenti contro ...
Leggi >
 

Cina, il Pcc indottrina gli studenti con ‘il pensiero di Xi Jinping’

Cina, il Pcc indottrina gli studenti con ‘il pensiero di Xi Jinping’
Il leader cinese Xi Jinping vuole infondere 'lealtà' a tutti i cittadini cinesi, a cominciare dagli studenti delle ...
Leggi >
 

Nuovi documenti sui finanziamenti americani al laboratorio di Wuhan | Facts Matter Italia

Nuovi documenti sui finanziamenti americani al laboratorio di Wuhan | Facts Matter Italia
Grazie alla richiesta del Freedom of Information Act sono state pubblicate oltre 900 pagine di documenti che rivelano ...
Leggi >
 

Talebani: no slogan e proteste salvo previa approvazione

Talebani: no slogan e proteste salvo previa approvazione
L'8 settembre i talebani hanno annunciato il divieto di tutti gli slogan, manifestazioni e proteste che non hanno ...
Leggi >