Testimonianza: ‘Non mi sentivo uomo e volevo diventare donna. Poi mi sono pentito’

Di Brad Jones

Un uomo del Texas che si è dichiarato transgender ed ha ottenuto protesi mammarie, per poi rimuoverle, si è unito a un numero crescente di altri «detransitori».

La loro missione consiste nel condividere le loro esperienze e demistificare alcune delle credenze popolari sul transgenderismo e sull’«affermazione del genere come cura».

Quando Abel Garcia aveva 19 anni, era convinto che con diversi interventi chirurgici e iniezioni di estrogeni avrebbe potuto diventare una donna, un qualcosa che ora crede sia impossibile.

«Mi è stata venduta una bugia», ha detto Garcia (ora 25 anni), a Epoch Times. «La bugia è stata venduta così bene, mediante medici, altri professionisti medici, aziende farmaceutiche, chirurghi e tutti, che ci ho creduto».

Incolpa parte del suo errore sulla sua stessa «dissonanza cognitiva»: «Ero così immerso nella tana del coniglio che non ero disposto ad accettare la possibilità di sbagliarmi».

Confusione di genere

Figlio di genitori messicani che vivevano e lavoravano illegalmente negli Stati Uniti, da bambino Garcia si è trasferito con la sua famiglia di città in città tra la regione della Central Valley della California e la California meridionale.

Abel Garcia da bambino. (Per gentile concessione di Abel Garcia)

Garcia è stato il primo membro della sua famiglia a nascere sul suolo statunitense, nello Utah, e sebbene sia stato accettato dalla sua famiglia e i suoi genitori alla fine siano diventati cittadini statunitensi, ha sempre sentito una sensazione di disagio e non appartenenza: «Non ho mai pensato di essere abbastanza bravo per qualcosa. I miei genitori erano qui negli Stati Uniti illegalmente, quindi lavoravano sempre. Sono stato cresciuto dai miei nonni. Non avevo un modello maschile nella mia famiglia. Ero anche un ragazzo molto timido, piuttosto timido, molto introverso, ed ero anche un pensatore eccessivo. Quindi tutto questo messo insieme mi ha fatto interrogare un po’ su me stesso, solo perché crescendo non ero il ragazzo più mascolino e non avevo davvero mio padre presente. Lavorava sempre».

Lo stile di vita transitorio dei lavoratori migranti ha reso difficile per Garcia fare amicizie: «Quando mio padre trovava un nuovo lavoro, dovevamo trasferirci in un’altra città. A scuola, ero per lo più un solitario».

Quando aveva circa 13 anni, Garcia ha appreso del transgenderismo sui social media: «Non mi ero reso conto di cosa fosse il transgenderismo fino, direi, alla fine della scuola media, fino al primo anno del liceo».

 

Abel Garcia al liceo. (Per gentile concessione di Abel Garcia)

«Stavo navigando su YouTube e sono spuntati alcuni video sul transgenderismo. Questi video hanno risuonato con me in quel momento e hanno piantato il seme nella mia mente».

Ha quindi cominciato a chiedersi se dovesse essere un maschio o una femmina.

Durante la sua adolescenza, Garcia è rimasto principalmente chiuso. Non amava lo sport e passava gran parte del suo tempo a giocare ai videogiochi: «Non sono mai uscito con nessuno. Non sono mai stato attratto dagli uomini. Prima della transizione, non ero mai stato veramente interessato a nessuno. Non mi importava davvero del sesso o degli appuntamenti con nessuno».

Identificarsi come Trans

Nel 2015, Garcia ha confidato a sua madre di sentirsi confuso riguardo al suo genere, di pensare di essere transgender e di avere intenzione di ottenere una consulenza professionale. Tuttavia piangeva e temeva che si sarebbe pentito della sua decisione.

Quando il padre di Garcia ha scoperto che suo figlio era confuso riguardo al suo sesso, ha escogitato un rimedio: «Quando ho fatto coming out con mia madre nel maggio del 2016, mio ​​padre mi ha portato da una prostituta in Messico contro la mia volontà. Mio padre credeva che fosse un modo per curarmi».

Ma il piano inappropriato di suo padre è fallito: «Volevo capire perché provavo questi sentimenti, questi pensieri, ma quello che ha fatto mio padre è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Questo è stato un catalizzatore, perché prima erano solo pensieri. Erano solo idee. Ero così traumatizzato dal fatto di essere stato costretto a dormire con una donna che non conoscevo, per la quale non provavo attrazione, nessun legame, che non volevo essere un uomo, soprattutto perché l’uomo che lo ha fatto per me era mio padre».

È rimasto turbato dalle parole del padre: «Abbi cura di lui. È la sua prima volta».

Abel Garcia poco prima di iniziare a prendere gli ormoni. (Per gentile concessione di Abel Garcia)

Col tempo, Garcia si è reso conto che, più che voler essere donna, lui non voleva essere uomo.

La transizione

Quando Garcia ha cercato una consulenza, è rimasto sbalordito dalla rapidità con cui il suo terapeuta lo abbia considerato transgender, nonostante i suoi sentimenti contrastanti. «La terapeuta ha lavorato in un centro Lgbt e, al mio primo appuntamento con lei, mi ha affermato come donna transgender e ha detto che aveva la lettera per la mia transizione. Quindi, siccome mi ha affermato subito, le ho detto che volevo aspettare un po’. Le ho anche chiesto perché mi avesse affermato così rapidamente. Ha detto che, poiché ero “chiaramente transgender”, non voleva “mantenermi in dubbio”».

È andato da diversi terapeuti dopo la sua prima esperienza, ma solo uno ha suggerito che avrebbe potuto fare il test per la sindrome di Asperger, che ora è considerata parte del più ampio disturbo dello spettro autistico.

Sebbene non sia mai stato testato, Garcia sospetta di «essere in qualche punto dello spettro».

Nel 2016, Garcia ha deciso di cambiare sesso, prima prendendo pillole di estrogeni e poi a iniezioni.

Ha deciso di non passare socialmente dall’altra parte fino a dopo aver assunto abbastanza estrogeni che lo facessero sembrare più femminile. «Non volevo apparire e vestirmi come una donna […] pur apparendo ancora come un uomo, quindi ho aspettato un po’».

Nel maggio 2018 ha subito un «intervento chirurgico alle parti alte» per protesi mammarie, che sono state posizionate sotto il muscolo del petto, e i suoi capezzoli sono stati riposizionati per farli sembrare più femminili. «Avevo un’assicurazione sanitaria che copriva tutto».

Abel Garcia nella cerimonia di diploma di scuola superiore di un amico dopo essersi ripreso da un intervento chirurgico di protesi mammaria. (Per gentile concessione di Abel Garcia)

Prima di iniziare il college, Garcia ha cambiato legalmente il suo nome da Abel ad April, ha aggiornato la sua carta d’identità e i documenti per riflettere la sua nuova identità di donna e ha iniziato a usare pronomi femminili.

Indossava abiti e trucco da donna e faceva di tutto per sembrare una donna. Ma, ha detto, «Sono sempre stato un uomo. All’epoca ero solo un uomo molto femminile, al punto che apparivo in qualche modo come una donna».

Al college, ha studiato giustizia penale e si è iscritto all’accademia di polizia dopo la sua transizione. Gli è stato chiesto da un capo della polizia locale di far parte di un comitato come collegamento con la comunità Lgbt.

Sebbene Garcia fosse entusiasta dell’offerta, che ha accettato, è stato rifiutato dalla stessa comunità che un tempo lo aveva abbracciato. La comunità Lgbt lo ha definito «cisgender» (cioè di genere naturale, eterosessuale) nonostante la sua parziale transizione di genere.

Il calvario è stato traumatizzante per Garcia. Non ha superato l’esame dell’Accademia di polizia, ha abbandonato il college nel 2018 e da allora ha lavorato come guardia di sicurezza.

La Detransizione

Sebbene abbia cercato di accettare la sua nuova identità di donna, la novità è svanita rapidamente.

Circa tre mesi dopo l’intervento, Garcia si è reso conto di aver commesso un errore. Non si sentiva una donna. Non si sentiva affatto diverso: «Dopo la fine della fase della ‘luna di miele’, ho capito che era solo cosmetico e che qualunque cosa avrei fatto, non sarei mai diventato una vera donna. Diventerei solo una finta donna, la caricatura di una donna. Sarei diventato solo un uomo molta chirurgia plastica se avessi continuato su quella strada».

Nonostante un terapeuta lo abbia scoraggiato dalla detransizione, Garcia ha smesso di assumere estrogeni e nel 2020 ha rimosso le protesi mammarie.

La sua decisione di invertire la transizione si basava anche sulla consapevolezza di aver fatto un danno irreversibile al suo corpo. Anche se non ha subito un «intervento chirurgico alle parti basse», considera comunque devastanti gli effetti della sua parziale transizione. «Ho già subito abbastanza danni. Non so se sia dovuto al tucking, agli ormoni o a una combinazione di entrambi, ma i miei genitali si sono atrofizzati, il che significa solo che sono molto piccoli».

Abel Garcia (R) fa visita a Elijah Schaffer per un’intervista nello show di BlazeTv «Slightly Offens*ve» nel gennaio 2020 sulla sua transizione e sul desiderio di una detransizione. (Per gentile concessione di Abel Garcia)

Garcia ha raccontato che soffre anche di forti dolori ai testicoli e di problemi di gocciolamento dopo la minzione.

Ha paura che possa essere sterile e che non sarà mai in grado di generare figli, ma non ha mai testato il suo numero di spermatozoi: «Sono molto spaventato da quel test, perché so che gli ormoni, dopo un certo punto, ti sterilizzano e ho passato molto tempo a fare tucking e indossare abiti molto attillati», ha detto.

Nell’ultimo anno e mezzo, Garcia ha detto che il suo corpo a volte trema in modo incontrollabile, principalmente sul lato sinistro, e teme di aver sviluppato qualche altra grave condizione come la sclerosi multipla. «Non so se fosse dovuto a un intervento chirurgico, o se fosse solo un effetto degli ormoni aggiunti, ma il mio corpo ha iniziato a tremare da solo».

Abel Garcia nel suo ultimo giorno in California prima di trasferirsi in Texas. (Per gentile concessione di Abel Garcia)

Critiche

Sebbene non sia stato preso di mira dagli attivisti per i diritti dei trans quanto altri detransitori, sui social media, ha assistito agli attacchi online di persone come Chloe Cole e Cat Cattinson: «Hanno trascinato Chloe nel fango», ha detto Garcia, riferendosi alla giovane donna di 18 anni che ora si rammarica di aver subito una doppia mastectomia all’età di 15 anni.

Garcia ha preso contatti con molti altri detransitori come sistema di supporto e segue quanti più detransitori online possibile per «tenerli d’occhio per assicurarsi che stiano bene».

Diversi genitori e alcuni detransitori lo hanno contattato dopo che ha pubblicato un breve video su Twitter, dove parlava della decisione di riabbracciare la sua mascolinità. «Sono spaventati e nervosi. Non sanno cosa fare».

Secondo Garcia, gli amici e i parenti preoccupati per una persona cara in transizione, potrebbero non avere altra scelta che aspettare, se la persona amata è profondamente coinvolta nell’ideologia transgender.

Riabbracciare la sua mascolinità non è stato facile, e ci è riuscito principalmente sulla base della sua «autoriflessione» e di alcuni consigli.

Garcia si è chiesto perché sempre più bambini e giovani adulti siano coinvolti in interventi di transizione di genere.

Abel Garcia a Denton, in Texas, in una foto recente. (Per gentile concessione di Abel Garcia)

«Non sono arrabbiato. Direi che sono deluso. Anche se abbiamo avuto persone che si sono fatte avanti e hanno detto che questo le ha danneggiate, l’idea viene comunque promossa, specialmente da questa amministrazione».

Garcia critica l’amministrazione Biden per aver promosso l’agenda dell’«affermazione del genere». Incolpa anche medici e aziende farmaceutiche per aver venduto il transgenderismo a scopo di lucro: «Credo che ci siano tutti dentro. Presumo che alcuni di loro credano di stare effettivamente aiutando […] perché l’intera ideologia originariamente è iniziata con l’essere gentili con queste persone».

La compassione per le persone confuse sul loro genere è stata portata troppo oltre dalla società, al punto che insegnanti e professionisti sanitari non sono autorizzati a mettere in discussione l’identità di genere scelta da un bambino.

Sebbene ci siano alcuni medici disposti a parlare apertamente, soprattutto sulla transizione di genere dei minori, «sono molto spaventati». Garcia ha esortato i professionisti medici a esaminare più a fondo le cause alla radice della disforia di genere invece di «tentare di castrare chimicamente e chirurgicamente» ragazzi e giovani uomini.

«Dobbiamo capire qual è il problema di fondo. C’era qualcosa che non andava in me. Non voglio sembrare scortese, ma c’è qualcosa che non va in tutti noi che volevamo passare all’altro sesso».

Garcia ha detto che non vuole esagerare il problema, ma vuole smascherare la «bugia» secondo cui si possa effettivamente diventare del sesso opposto e sfatare l’idea che gli interventi chirurgici possano portare felicità: «Ci sono alcuni bambini che sono onestamente confusi. Direi che era il mio caso. Ma ci sono anche alcuni che sono autistici e sono stati portati fuori strada».

Altri sono stati maltrattati o hanno subito qualche tipo di trauma nella loro vita, mentre altri sono semplicemente omosessuali. «Dovremmo ovviamente dare alle persone l’aiuto reale di cui hanno bisogno, invece di affermare questa illusione che hanno e che stanno alimentando in loro».

Abel Garcia a Denton, in Texas, in una foto recente. (Per gentile concessione di Abel Garcia)

Speranza nella felicità

Garcia, che ha vissuto gran parte della sua vita in California, fatta eccezione per un periodo di tre anni in Messico con sua madre, si è recentemente trasferito in Texas per iniziare la sua nuova vita come l’uomo che è sempre stato.

La sua missione di diffondere ciò che crede sia la verità sul transgenderismo ha sollevato il suo spirito, ma sta ancora cercando conforto e redenzione: «Credo in Dio. Mi è sempre stato detto che sono stato perdonato per i miei peccati o per quello che ho fatto, ma personalmente non sento di aver fatto abbastanza per accettare il perdono. Sono disposto a ricevere quel perdono una volta che sento di aver fatto abbastanza lavoro. E ho appena iniziato».

Sebbene non sia mai stato un grande bevitore, Garcia ha detto di aver bevuto eccessivamente tra la sua transizione e la detransizione: «Quando ho dovuto affrontare la realtà, sono diventato un alcolizzato pesante. Quindi cerco solo di non bere troppo. Ho iniziato a bere dopo aver capito di aver commesso un errore».

Da allora Garcia ha ridotto l’alcol e ora beve solo con moderazione, principalmente in occasione di eventi sociali.

«Ho accettato il fatto di aver mutilato il mio corpo e che se avessi continuato oltre, sarei stato solo un uomo molto mutilato con così tanti interventi di chirurgia estetica e che non sarei mai diventata una donna. Stavo solo diventando una caricatura di ciò che credevo fosse una donna. Sono stato ingannato. Terapisti, medici e persino attivisti trans mi hanno mentito».

Anche se la sua vita non è stata facile, ha ancora speranza per il futuro: «Spero di poter trovare un po’ di felicità. Alla fine voglio uscire e avere una moglie e, se posso, mi piacerebbe avere un paio di figli. Sono solo preoccupato per gli appuntamenti perché, ovviamente con il mio passato, non so come andrà a finire con le altre persone, e se esco con una donna, come lo prenderanno».

Garcia è uno dei sei detransitioner che saranno presenti in un prossimo documentario intitolato Affirmation Generation: The Lies of Transgender Medicine, che sarà presentato in anteprima a metà novembre. Il trailer è stato rilasciato il 6 settembre.

 

Articolo in inglese: Detransitioner Suffers Irreversible Harm, Fears Sterility

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione
Jiang Zemin, ex leader del Partito Comunista Cinese (Pcc), è morto di malattia a Shanghai il 30 novembre ...
Leggi >
 

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante
L’autore dell’articolo, Stu Cvrk, si è ritirato come capitano dopo aver prestato servizio per 30 anni nella Marina ...
Leggi >
 

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»
Elon Musk sostiene che invece di inasprire ulteriormente le politiche monetarie, la Federal Reserve dovrebbe «immediatamente» abbassare i tassi ...
Leggi >
 

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)
Brutale e sanguinario dittatore e capo del Partito Comunista Cinese dal 1993 al 2003, è morto per cause ...
Leggi >