Trump: la vittoria alla Camera è solo l’inizio della battaglia

Di Frank Fang

Nella sua prima importante apparizione dopo le elezioni di metà mandato, l’ex presidente Donald Trump ha annunciato la candidatura alla presidenza. Ha inoltre assicurato che il successo repubblicano nella riconquista della Camera è solo «l’inizio della battaglia» per gli Stati Uniti.

«Rompere la presa dei democratici radicali sul Congresso questo mese è stato fondamentale, è una grande cosa. Ma abbiamo sempre saputo che il 2022 non era la fine, ma solo l’inizio della battaglia per salvare il nostro Paese. Ora, dobbiamo condurre la lotta direttamente al [presidente, ndr] Joe Biden e alla sua amministrazione radicale e incompetente».

Le dichiarazioni di Trump sono arrivate il 19 novembre alla riunione della coalizione ebraica repubblicana a Las Vegas tramite collegamento video: «Dobbiamo respingere con forza ogni superamento e denunciare ogni singolo fallimento, dei quali ce ne sono così tanti, e poi dobbiamo riprenderci la Casa Bianca nel 2024, è imperativo».

Dopo aver lasciato intendere per mesi che si sarebbe candidato alla presidenza nel 2024, l’ex presidente ha annunciato ufficialmente la sua terza campagna per la Casa Bianca il 15 novembre.

Dopo aver annunciato la sua candidatura alla Casa Bianca, Trump ha rivelato il suo «programma di grandezza nazionale» che include diverse nuove proposte politiche come la fine di tutti gli obblighi vaccinali contro il Covid-19, il taglio dei finanziamenti federali alle scuole che insegnano la teoria critica della razza, di ispirazione marxista, e l’insistenza per richiedere i documenti d’identità agli elettori, nonché il voto in un unico giorno e l’utilizzo di sole schede cartacee.

«Con la vittoria [del 2024, ndr], porremo fine all’incubo dell’inflazione di Joe Biden e ricostruiremo rapidamente la più grande economia nella storia del mondo», ha continuato Trump. «Lanceremo una campagna a tutto campo per portare la produzione fuori dalla Cina e farla tornare in America, dove è giusto che sia. Metteremo in sicurezza il nostro confine meridionale e fermeremo l’immigrazione clandestina una volta per tutte».

L’America «diventerà indipendente dal punto di vista energetico come lo eravamo solo due anni fa. Ripristineremo la forza e la posizione dell’America sulla scena mondiale».

Alla domanda su come potrebbe rendere il Partito Repubblicano più attraente per gli elettori suburbani, Trump ha affermato che molti dei candidati da lui approvati hanno vinto. «A metà mandato, come probabilmente avrete sentito, avevo 222 vittorie e 16 sconfitte, la stampa non vuole menzionarlo, e il Partito Repubblicano ha ottenuto cinque milioni di voti in più rispetto ai Democratici».

Secondo Ballotpedia, 16 candidati al Senato sostenuti da Trump hanno vinto alle elezioni di medio termine mentre 6 hanno perso. Il repubblicano Herschel Walker, anch’egli sostenuto da Trump, è passato al ballottaggio nella corsa al Senato della Georgia.

«Il Partito Repubblicano è un partito molto più grande e più potente di quanto non fosse prima che ci arrivassi», ha aggiunto Trump.

Secondo un nuovo sondaggio Harvard Caps-Harris Poll (pdf), condotto per due giorni fino al 17 novembre, il 46% ha dichiarato che avrebbe sostenuto Trump per le primarie presidenziali repubblicane del 2024, seguito dal governatore della Florida DeSantis con il 28% e l’ex vicepresidente Mike Pence con il sette percento.

In un ipotetico scontro nel 2024, il sondaggio ha anche rilevato che il 44% sosterrebbe Trump, rispetto al 42% che ha dichiarato che voterebbe per Biden.

Israele

Se eletto nel 2024, Trump ha anche promesso che gli Stati Uniti «staranno ancora una volta con Israele», e ha criticato Biden per aver «tradito Israele e la comunità ebraica»: «L’alleanza non è forte adesso, nemmeno un po’ forte. Sotto la mia amministrazione, abbiamo combattuto per Israele e la comunità ebraica come nessun presidente nella storia. Tutti nella stanza sanno che ero orgoglioso di essere il più grande amico che Israele abbia mai avuto alla Casa Bianca».

Trump ha parlato dei suoi diversi successi quando era presidente, incluso lo spostamento dell’ambasciata americana in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme nel 2018: «Ho anche riconosciuto la sovranità israeliana sulle alture del Golan, qualcosa che la maggior parte delle persone non mi ha nemmeno chiesto di fare perché ritenevano che fosse impossibile. Per 52 anni ci stavano lavorando; io l’ho fatto in un giorno».

L’ex presidente ha riconosciuto ufficialmente le alture del Golan come parte di Israele nel marzo 2019.

«Ho ritirato gli Stati Uniti dal corrotto e ipocrita Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, che aveva permesso al mondo (per il mondo intendo i più orribili violatori dei diritti umani) di attaccare gli Stati Uniti e di attaccare Israele».

L’amministrazione Trump si era ritirata dal consiglio delle 47 nazioni nel giugno 2018, ma l’amministrazione Biden vi è rientrata l’anno scorso. Attualmente, alcuni dei peggiori violatori dei diritti umani del mondo siedono nel consiglio con sede a Ginevra, tra cui Cuba, Cina, Somalia, Sudan e Venezuela.

«Mi sono ritirato dall’accordo unilaterale sul nucleare iraniano più duro di sempre e ho imposto le sanzioni al regime iraniano. […] Lavorando con i nostri alleati israeliani, abbiamo distrutto il califfato territoriale territoriale dell’Isis, il 100% di esso».

Trump ha anche pubblicizzato i risultati della sua amministrazione nella nomina di un inviato speciale per «combattere il flagello dell’antisemitismo in tutto il mondo» e per aver fatto da mediatore negli Accordi di Abramo, che hanno normalizzato le relazioni diplomatiche tra Israele e diversi Stati arabi, in particolare gli Emirati Arabi Uniti e il Bahrain: «Con gli storici accordi di Abramo, abbiamo creato la pace in Medio Oriente, qualcosa che nessuno pensava fosse possibile dire, figuriamoci farlo», ha detto Trump. «Tragicamente, Joe Biden ha tradito Israele e la comunità ebraica e ha sprecato il nostro straordinario successo».

«Fin dall’inizio, [Biden, ndr] ha svenduto la sicurezza di Israele e ha iniziato a implorare di rientrare nell’accordo sul nucleare iraniano a condizioni ancora peggiori di prima. Prima è stato un disastro, ma questi sarebbero termini ancora peggiori».

A metà ottobre, il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha in realtà affermato che l’amministrazione Biden non è concentrata sull’ottenimento di un accordo nucleare con Teheran.

«Quando vinceremo nel 2024, l’era delle pugnalate alle spalle e del tradimento finirà e gli Stati Uniti staranno ancora una volta con Israele, proprio come hanno fatto nella mia amministrazione», ha detto Trump.

«Due anni fa eravamo una grande nazione. E presto, con l’aiuto della Republican Jewish Coalition e dei patrioti di tutta questa terra, saremo di nuovo una grande nazione».

 

Articolo in inglese: Trump Says GOP House Win Is Just the Start of the Battle

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione
Jiang Zemin, ex leader del Partito Comunista Cinese (Pcc), è morto di malattia a Shanghai il 30 novembre ...
Leggi >
 

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante
L’autore dell’articolo, Stu Cvrk, si è ritirato come capitano dopo aver prestato servizio per 30 anni nella Marina ...
Leggi >
 

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»
Elon Musk sostiene che invece di inasprire ulteriormente le politiche monetarie, la Federal Reserve dovrebbe «immediatamente» abbassare i tassi ...
Leggi >
 

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)
Brutale e sanguinario dittatore e capo del Partito Comunista Cinese dal 1993 al 2003, è morto per cause ...
Leggi >