Trump: il mondo deve chiedere al Pcc di risarcire i danni causati dalla pandemia

Di Ivan Pentchoukov

Il 5 giugno l’ex presidente americano Donald Trump ha invitato gli Stati Uniti e il resto del mondo a chiedere al Partito Comunista Cinese (Pcc) di risarcire i danni provocati dalla pandemia, e ha esortato l’amministrazione Biden ad aumentare i dazi sui beni cinesi fino al 100 per cento.

Durante la convention annuale del Partito Repubblicano della Carolina del Nord, nella città di Greenville, l’ex presidente ha dichiarato: «È giunto il momento per l’America e il mondo di chiedere al Partito Comunista Cinese di pagare per i danni provocati e per le sue responsabilità. Dovremmo tutti dichiarare all’unisono che la Cina deve pagare. Devono pagare. Gli Stati Uniti dovrebbero immediatamente adottare misure per introdurre gradualmente dei dazi fissi del 100 per cento su tutte le merci prodotte in Cina».

Di certo, il Pcc ha contribuito alla pandemia di Covid-19 non informando le autorità sanitarie globali dell’epidemia in corso a Wuhan, in Cina. Nel gennaio del 2020, il regime aveva bloccato ogni spostamento dalla megalopoli al resto della Cina, mentre consentiva invece ai voli internazionali di atterrare e decollare dagli aeroporti della città. Anche per questo il virus che causa il Covid-19 è noto come virus del Pcc.

Dal canto suo, Trump ha dichiarato: «L’anno scorso la Cina ha inflitto circa 16 mila miliardi di dollari di danni economici agli Stati Uniti con un virus che chiamo China Virus, perché voglio essere preciso, che ha causato la morte di centinaia di migliaia di nostri concittadini».

Trump ha anche sottolineato che lo scoppio della pandemia ha cambiato l’accordo commerciale che stava negoziando con la Cina. All’epoca, la sua amministrazione ha imposto nuovi dazi sui beni cinesi e il Pcc ha risposto con i propri. Il governo Biden ha mantenuto in vigore i dazi e Trump ha fatto notare che «miliardi e miliardi di dollari stanno entrando» nelle casse dello Stato come risultato. «Questa è la prima volta dopo tanto tempo che menziono l’accordo commerciale. È stato davvero molto vantaggioso. Ma è così piccolo rispetto alla devastazione che è stata causata. Dovremmo reinvestire il 100 per cento di tutto il denaro che raccogliamo dai dazi per aiutare a riportare posti di lavoro e fabbriche dalla Cina e altri luoghi in America e nel grande Stato della Carolina del Nord, a cui appartengono».

Pur annullando molte delle politiche di Trump, l’amministrazione Biden ha in buona parte mantenuto i dazi e le altre misure imposte dal suo predecessore.

Il discorso di Greenville ha segnato la seconda importante apparizione pubblica di Trump da quando ha lasciato la Casa Bianca a gennaio. L’ex presidente si è impegnato a rimanere attivo in politica, accennando alla possibilità di un’altra corsa presidenziale nel 2024.

 

Articolo in inglese: Trump Says US, World Should Demand Pandemic Reparations From CCP



 
 
 

Soppressione e restrizioni mentre il Pcc si prepara al 100° anniversario

Soppressione e restrizioni mentre il Pcc si prepara al 100° anniversario
In vista dell'anniversario dei 100 anni della fondazione del Partito comunista cinese (Pcc) del 1° luglio, Pechino ha ...
Leggi >
 

Il vertice Biden-Putin fa disperare la Cina

Il vertice Biden-Putin fa disperare la Cina
Qualunque sia il segnale lanciato dal vertice Usa-Russia, il Partito Comunista di Pechino non lo sta prendendo alla ...
Leggi >
 

Le terribili cause dietro la «politica dei tre bambini» del regime comunista cinese

Le terribili cause dietro la «politica dei tre bambini» del regime comunista cinese
Il Partito Comunista Cinese (Pcc) ha condotto il suo settimo censimento della popolazione nazionale, utilizzando le ore 00:00 ...
Leggi >
 

Il Green Pass Ue esclude i vaccini cinesi, e Pechino se la prende con la Francia

Il Green Pass Ue esclude i vaccini cinesi, e Pechino se la prende con la Francia
Il primo luglio l'Unione Europea avvierà il suo programma del Certificato Digitale dell'Ue per il Covid approvato dal ...
Leggi >