Trump rivela maggiori dettagli sul raid di Mar-a-Lago. Ecco cosa è successo

Di Gary Bai

Mercoledi l’ex presidente Donald Trump ha rivelato maggiori dettagli sulle circostanze che circondano il raid dell’Fbi dell’8 agosto nella sua casa di Mar-a-Lago.

«All’inizio di giugno, il Dipartimento di Giustizia e l’Fbi hanno chiesto ai miei rappresentanti legali di mettere una serratura in più sulla porta che conduce al luogo in cui erano conservate le scatole a Mar-a-Lago. Abbiamo accettato», ha spiegato Trump in un post su Truth Social il 10 agosto, in un apparente riferimento alle scatole che potrebbero essere state utilizzate per conservare i documenti presidenziali a Mar-a-Lago. «A loro è stata mostrata l’area protetta e le scatole stesse».

«Poi lunedì, senza preavviso o avviso, un esercito di agenti ha fatto irruzione a Mar-a-Lago, si è recato nella stessa area di deposito e ha squarciato la serratura che avevano chiesto di installare. Un attacco a sorpresa, politica, e intanto il nostro Paese sta andando in malora!».

Le dichiarazioni dell’ex presidente di mercoledì, se vere, sollevano ulteriori domande sulla giustificazione e l’adeguatezza della perquisizione, che secondo quanto riferito, è stata effettuata in relazione a un’indagine del Dipartimento di Giustizia (Doj) sul fatto che Trump abbia portato con sé dei documenti presidenziali dopo aver lasciato l’incarico. Il Dipartimento di Giustizia e l’Fbi si sono rifiutati di commentare la questione e il mandato di perquisizione stesso è attualmente non pubblico.

«Niente era stato nascosto e nulla era stato loro tenuto segreto, il che rende tutto ciò ancora più ridicolo», ha dichiarando martedì a Epoch Times l’avvocato di Trump, Christina Bobb. confermando che gli agenti federali stavano cercando documenti presidenziali a Mar-a-Lago durante il raid. «Donald Trump non ha commesso un crimine».

Collaborazione con gli Archivi Nazionali

Secondo la National Archives and Records Administration (Nara), nell’ultimo anno i rappresentanti di Trump avevano collaborato al trasferimento dei documenti presidenziali, inclusa la consegna di 15 scatole.

Il Presidential Records Act del 1978 stabilisce che un’amministrazione deve trasferire all’archivista statunitense (capo degli archivi nazionali) alcuni documenti riservati relativi ai doveri del presidente entro la fine del mandato del presidente, ma in realtà pochi ex presidenti lo hanno fatto in un breve periodo di tempo, e nessuno è stato perseguito di conseguenza.

I repubblicani al Congresso e gli alleati di Trump, per questo motivo, si sono chiesti se alla base del raid ci sia una motivazione politica.

«Da parte del Nara, il prendere di mira la gestione dei documenti ufficiali da parte del presidente Trump in particolare, è in netto contrasto con il modo in cui Nara ha trattato violazioni molto più evidenti commesse da politici e funzionari che non sono repubblicani», hanno scritto in una lettera indirizzata all’archivista statunitense Debra Wall, pubblicata per la prima volta da Politico. «L’apparente utilizzo del governo federale contro i rivali politici, da parte del presidente Biden, non può andare incontrollato, e se il Nara sta lavorando per promuovere questi sforzi, sarà solo l’ultima delle agenzie che hanno perso la loro credibilità agli occhi del popolo americano sotto l’amministrazione Biden», hanno scritto i legislatori repubblicani.

 

Articolo in inglese: Trump Reveals More Details on Mar-a-Lago Raid

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan

Harris e Kishida promettono «fermo impegno» contro l’aggressione del Pcc a Taiwan
Durante un incontro a Tokyo del 26 settembre, il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris e il primo ...
Leggi >
 

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso

Editoriale dall’estero: Giorgia Meloni e la dote del buonsenso
L'autore dell'articolo, Roger Kimball, è redattore ed editor di The New Criterion ed editore di Encounter Books. Il ...
Leggi >
 

L’improvvisa inversione di rotta di Putin

L’improvvisa inversione di rotta di Putin
Il presidente russo Vladimir Putin ha definitivamente chiuso il dialogo con l’Occidente. La decisione è avvenuta a metà ...
Leggi >
 

La possibile vittoria dell’Ucraina

La possibile vittoria dell’Ucraina
La guerra ucraino-russa, che è stata una fonte inesauribile di sorprese da quando è stata lanciata impetuosamente dal ...
Leggi >