Un manuale sulle buone maniere del 1880 per il perfetto gentiluomo

Di staff di Epoch Times

Quello che segue è un estratto da «Our Deportment», un codice di buone maniere, condotta e abbigliamento dell’alta società di John H. Young Am, pubblicato nel 1881. Lo offriamo nella speranza di promuovere una condotta da gentleman tra gli uomini – giovani e meno giovani – nel mondo di oggi, a volte squilibrato e indisciplinato.

 

 

Le nostre maniere

Una persona maleducata, sebbene ben intenzionata, è evitata da tutti. Le buone maniere, infatti, sono principi morali minori; e spesso si presume che una persona maleducata sia una persona cattiva. Il modo in cui una persona dice o fa una cosa, fornisce un indice del suo carattere migliore, rispetto a quello che fa o dice, perché è dall’espressione accidentale data ai suoi pensieri e sentimenti, dai suoi sguardi, toni e gesti, piuttosto che dalle sue parole e dalle sue azioni, che preferiamo giudicarlo, perché i primi sono involontari. Il modo in cui viene concesso un favore o una gentilezza fatta, spesso ci colpisce più dell’atto stesso. L’atto potrebbe essere stato spinto dalla vanità, dall’orgoglio o da qualche motivo o interesse egoistico; il calore o la freddezza con cui la persona che l’ha fatto ti parla, o ti stringe la mano, è meno probabile ti inganni. Il modo di fare qualsiasi cosa, come è stato giustamente detto, è ciò che imprime la sua vita e il suo carattere su qualsiasi azione. Un favore può essere eseguito con tanta riluttanza da impedire qualsiasi sentirsi in obbligo, oppure può essere rifiutato con tanta cortesia da risvegliare sentimenti più gentili di quando fosse stato concesso senza grazia.

Il vero gentiluomo

La cortesia è benevolenza nelle piccole cose. Un vero gentiluomo deve tener conto dei diritti e dei sentimenti degli altri, anche nelle questioni più banali. Rispetta l’individualità degli altri, proprio come desidera che gli altri rispettino la sua. In società è tranquillo, disinvolto, discreto, non si dà arie, né accenna con parole o modi che si ritenga migliore, o più saggio, o più ricco di chiunque altro intorno a lui. Non si vanta mai dei suoi successi, né cerca complimenti fingendo di sottovalutare ciò che ha fatto. Si distingue, soprattutto, per la sua profonda intuizione e simpatia, la sua rapida percezione e pronta attenzione a quelle cose piccole e apparentemente insignificanti che possono causare piacere o dolore agli altri. Nell’esprimere le sue opinioni non dogmatizza; ascolta pazientemente e rispettosamente gli altri uomini e, se costretto a dissentire dalle loro opinioni, riconosce la sua fallibilità e afferma le proprie opinioni in modo tale da ottenere il rispetto di tutti coloro che lo ascoltano. La franchezza e la cordialità caratterizzano tutti i suoi rapporti con i suoi simili e, per quanto alto sia il suo rango, l’uomo più umile si sente subito a suo agio in sua presenza.

La vera signora

Calvert dice: «La signorilità è un’emanazione dal cuore sottilizzata dalla cultura»; dava come due requisiti per il più alto elevamento, le qualità trasmesse e la cultura del buon addestramento. Continua: «Del tipo più elevato di signorilità si può sempre dire ciò che la Steele ha detto di Lady Elizabeth Hastings, “che la libertà inalterata e l’innocenza consapevole le hanno dato la presenza delle grazie in tutte le sue azioni”. Al suo massimo, la signorilità implica una spiritualità resa manifesta nella grazia poetica. Dalla signora esala un sottile magnetismo. Inconsciamente si circonda di un’atmosfera di forza imperturbabile, che, a coloro che vi entrano, dà fiducia e sollievo. Sotto la sua influenza i diffidenti diventano padroni di sé, gli sfacciati vengono frenati, gli sconsiderati vengono ammoniti; anche i rozzi sono costretti a essere educati e i raffinati sono perfezionati; tutto scritto, inconsapevolmente, dalla dignità flessibile, dalla gentilezza imponente, dalla completa femminilità del suo aspetto, parola e comportamento. Un’influenza è questa, puramente spirituale. Ogni influenza legittima, ogni influenza duratura è spirituale; un regno della luce sull’oscurità, del diritto sulla brutalità. Gli unici veri guadagni mai realizzati sono i guadagni spirituali: un’ulteriore sottomissione del grossolano all’incorporeo, del corpo all’anima, dell’animale all’umano. Gli atti più belli e caratteristici di una donna implicano un’ascensione spirituale, un’ala fuori di sé. Nel suo essere e nel suo portamento, la pazienza, la generosità, la benignità sono le grazie che danno forma alle virtù della verità».

Ecco la prova della vera signorilità. Quando i giovani si trovano in compagnia di chi non li fa sentire a proprio agio, sappiano che non sono in compagnia di vere signore e veri gentiluomini, ma di pretendenti; che uomini e donne ben educati possono sentirsi a casa solo nella società dei beneducati.

L’importanza delle ‘sciocchezze’

Alcune persone sono solite svalutare queste qualità gentili e ritenerle come sciocchezze; ma le sciocchezze, va ricordato, costituiscono l’aggregato della vita umana. Si ricordano spesso le piccole inciviltà, le lievi maleducazioni e le trascuratezze di cui gli uomini si sono macchiati, senza pensiero, o per mancanza di previdenza o di simpatia, mentre spesso si dimenticano i grandi atti compiuti dalle stesse persone. Non esiste società in cui i sorrisi, gli sguardi piacevoli e gli spiriti animali non siano accolti e ritenuti più importanti delle battute di spirito o delle raffinatezze di comprensione. Le piccole cortesie, che costituiscono il piccolo cambiamento della vita, possono apparire separatamente di scarsa importanza, ma, come i centesimi messi da parte, che ammontano a così grandi fortune in una vita, devono la loro importanza alla ripetizione e all’accumulazione.

Il valore dei modi piacevoli

L’uomo che ha successo in qualsiasi vocazione nella vita è quasi invariabilmente colui che ha mostrato la volontà di piacere e di essere piaciuto, che ha risposto di cuore alle offerte e richieste degli altri, attraverso la natura e l’abitudine, mentre il suo rivale ha fiutato, accigliato e snobbato ogni mano amica. «I modi affascinanti del duca di Marlborough», si dice, «spesso cambiavano un nemico in un amico, e vedersi negare un favore da lui era più piacevole che riceverne uno da un altro. Sono state queste grazie personali a renderlo ricco e grande. Il suo discorso era così squisitamente affascinante da sciogliere feroci gelosie e animosità, placare i sospetti e ingannare la più sottile diplomazia delle sue arti. Il suo sorriso affascinante e la sua lingua vincente, allo stesso modo della sua spada affilata, hanno influenzato i destini degli imperi». I modi gentili di Charles James Fox lo preservarono dall’antipatia personale, anche quando aveva scommesso il suo ultimo scellino, e politicamente era l’uomo più impopolare d’Inghilterra.

 

Modi e aspetto personale

Dei modi affascinanti non solo esaltano la bellezza personale, ma nascondono anche la bruttezza e rendono gradevole la semplicità. All’inizio un aspetto sgradevole non è necessariamente un ostacolo per il suo portatore, tale da non poter essere superato: poiché chi non sa quanto spesso un atteggiamento felice neutralizzi gli effetti negativi degli aspetti ostili? Il fascino dei modi demagoghi di Wilkes trionfò sulla deformità sia fisica che morale, rendendo gradevole anche la sua bruttezza; e si vantava con Lord Townsend, uno degli uomini più belli della Gran Bretagna, che «con mezz’ora di anticipo avrebbe superato sua signoria negli affetti di qualsiasi donna del regno». Il francese più brutto, forse, che sia mai vissuto è stato Mirabeau; tuttavia tale era la stregoneria dei suoi modi, che la cintura di nessun allegro Lotario era appesa con un numero maggiore di cuori femminili sanguinanti di questo «tuono del tribuno», il cui aspetto era così orribile da essere paragonato a una tigre bucata con il vaiolo.

Fortune acquisite con modi piacevoli

Le buone maniere hanno fatto la fortuna degli uomini in tutte le professioni e in ogni ceto sociale – di avvocati, medici, ecclesiastici, mercanti, impiegati e meccanici, e gli esempi di questo sono così numerosi che possono essere ricordati da quasi ogni persona. Il politico che ha il vantaggio di modi cortesi, aggraziati e simpatici si trova facilmente vincitore nella corsa con candidati rivali, perché ogni elettore con cui parla diventa subito suo amico. La civiltà è per un uomo ciò che la bellezza è per una donna. Crea un’impressione istantanea a suo favore, mentre la scontrosità o la grossolanità suscitano un altrettanto rapido pregiudizio contro di lui. È un ornamento, vale più come mezzo per ottenere il favore, più che dei migliori vestiti e gioielli mai indossati. Lord Chesterfield diceva che l’arte di compiacere è, in verità, l’arte di elevarsi, di distinguersi, di fare figura e fortuna nel mondo. Alcuni anni fa un venditore di merci secche in un negozio londinese si era guadagnato una tale fama di cortesia e di inesauribile pazienza, che si diceva fosse impossibile provocare in lui una qualsiasi espressione di irritabilità, o il più piccolo sintomo di contrarietà. Una signora di rango apprendendo della sua meravigliosa serenità, si decise a metterlo alla prova con tutti i fastidi con cui una veterana frequentatrice di negozi sa come stuzzicare un negoziante. Fallì nel suo tentativo di irritarlo o infastidirlo, e quindi lo avviò in affari. Salì all’eminenza nel commercio e la molla principale della sua carriera successiva, come della sua precedente carriera, fu la cortesia. Centinaia di uomini, come questo venditore, devono il loro inizio nella vita interamente al loro modo di fare e ai modi piacevoli.

Coltivazione delle buone maniere

La coltivazione di maniere piacevoli e affabili dovrebbe essere una parte importante dell’educazione di ogni persona di qualunque professione o condizione sociale. Molte persone pensano che se hanno solo la sostanza, la forma conta poco. Ma le maniere sono un composto di spirito e forma: lo spirito ha agito nella forma. La prima legge delle buone maniere, che incarna tutto il resto, è: «Ama il prossimo tuo come te stesso». La vera cortesia non è altro che l’applicazione di questa regola d’oro a tutta la nostra condotta sociale, o, come è stata felicemente definita, «vera gentilezza, gentilmente espressa». Si può incontrare nella capanna dell’arabo, nel cortile del turco, nel tugurio del liberto e nella capanna dell’irlandese. Anche gli uomini cristiani a volte falliscono nella cortesia, ritenendola un segno di debolezza o trascurandola per mera sconsideratezza. Tuttavia, quando troviamo questo aggiunto alle altre virtù del cristiano, si noterà che la sua influenza positiva sugli altri è stata potentemente accresciuta, poiché è stato per questo che ha ottenuto l’accesso al cuore degli altri. Un vecchio scrittore inglese disse con riverenza del nostro Salvatore: «Era il primo vero gentiluomo che sia mai vissuto». L’influenza di molti bravi uomini sarebbe più che raddoppiata se riuscissero ad essere meno rigidi e più elastici. Della gentilezza nella società è stato giustamente detto, «è come la silenziosa influenza della luce che dà colore a tutta la natura; è molto più potente della rumorosità o della forza, e molto più fruttuoso. Si fa strada silenziosa e persistente come il più piccolo narciso in primavera, che solleva la zolla e la spinge da parte con la semplice persistenza della crescita».

Cortesia

La cortesia è gentilezza di maniere. Questa è la fonte della gentilezza di cuore, della nobiltà e del coraggio. Ma in alcune persone troviamo abbondanza di coraggio, nobiltà e gentilezza di cuore, senza gentilezza delle maniere, e possiamo solo pensare e parlare di loro come non solo maleducati, ma anche rozzi e burberi. Un tale uomo era il dottor Johnson, la cui maleducazione gli assicurò il soprannome di Ursa Major, e di cui Goldsmith osservò sinceramente: «Nessun uomo al mondo ha un cuore più tenero; non ha niente dell’orso su di lui se non la sua pelle». Per acquistare quella disinvoltura e grazia di modi che possiede e che contraddistingue ogni persona beneducata, bisogna pensare agli altri piuttosto che a se stesso, e sforzarsi di compiacerli anche a proprio disagio. «Fai agli altri ciò che vorresti che gli altri facessero a te» – la regola d’oro della vita – è anche la legge della cortesia, e tale cortesia implica sacrificio di sé, molte lotte e conflitti. È un’arte e un tatto, piuttosto che un istinto e un’ispirazione. Un eminente teologo ha detto: «Un portamento quotidiano nobile e attraente viene dalla bontà, dalla sincerità, dalla raffinatezza. E queste sono coltivate negli anni, non nei momenti. Il principio che governa la nostra vita è il sicuro maestro di postura. Sir Philip Sidney era il modello per tutta l’Inghilterra di un perfetto gentiluomo; e poi fu l’eroe che, sul campo di Zutphen, allontanò la coppa d’acqua fredda dalle proprie labbra febbricitanti e secche, e la porse al soldato morente al suo fianco. Un cristiano per le stesse condizioni del suo credo e per gli obblighi della sua fede è, necessariamente, nella mente e nell’anima – e quindi nelle parole e nelle azioni – un gentiluomo, ma un uomo può essere educato senza essere un cristiano.

 

Tutte le immagini utilizzate sono di pubblico dominio.

 

Lo staff di Epoch Times racconta storie di speranza che celebrano la gentilezza, le tradizioni e il trionfo dello spirito umano, offrendo preziose informazioni sulla vita, la cultura, la famiglia, la comunità e la natura.

Articolo in inglese: ‘Where Are All the Men?’ This Vintage Manual on Manners From the 1880s Can Make a Gentleman Out of You

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Covid Cina, impennata delle assunzioni nelle pompe funebri

Covid Cina, impennata delle assunzioni nelle pompe funebri
Durante la grave epidemia di Covid-19, le pompe funebri in Cina hanno reclutato attivamente nuovi dipendenti e personale ...
Leggi >
 

È finita, la Cina non potrà più superare economicamente gli Stati Uniti

È finita, la Cina non potrà più superare economicamente gli Stati Uniti
La Cina, il Paese più popoloso del mondo, ha raggiunto un punto di svolta nella storia poiché ha ...
Leggi >
 

Praticanti del Falun Gong lanciano un messaggio alla parata di New York

Praticanti del Falun Gong lanciano un messaggio alla parata di New York
NEW YORK - La parata per il Capodanno lunare dei praticanti del Falun Gong organizzata il 21 gennaio ...
Leggi >
 

La produzione cinese diminuirà drasticamente

La produzione cinese diminuirà drasticamente
La Cina è da sempre considerata un importante Paese manifatturiero, che svolge un ruolo centrale nella divisione industriale ...
Leggi >