Usa, +40% ordini di robot da parte delle aziende: mancano i lavoratori

Di Katabella Roberts

Gli ordini di robot sono aumentati del 40% nel primo trimestre del 2022 in America, tra l’aumento dell’inflazione e la carenza di manodopera. Questo è quanto evidenzia il nuovo rapporto dell’Association for Advancing Automation (A3).

Secondo il rapporto, citato per la prima volta dal Wall Street Journal, gli ordini di robot da lavoro in Nord America sono aumentati del 40% nei primi tre mesi dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2021.

Le aziende nordamericane hanno acquistato il maggior numero di robot di sempre in un solo trimestre nel primo trimestre del 2022, secondo Robotics 24/7 che cita il rapporto A3.

Gli ordini di robot nel settore della plastica e della gomma sono aumentati del 29% anno su anno, mentre sono aumentati del 23% anno su anno nel settore dei semiconduttori, dell’elettronica e della fotonica e sono aumentati del 21% anno su anno nel settore alimentare e in quello dei beni da consumo.

Gli ordini di robot sono aumentati del 14% anche nel settore delle scienze della vita, nel settore farmaceutico e nella biomedicina, mentre tutti gli altri settori hanno registrato una crescita degli ordini di robot del 56% anno su anno.

In tutto il Nord America, sono stati venduti 11 mila 595 robot per un valore di 646 milioni di dollari nel periodo di tre mesi da gennaio a marzo, rispetto alle 9.998 unità per un valore di 466 milioni di dollari nello stesso periodo dell’anno precedente.

L’aumento della domanda ha coinciso con un numero record di lavoratori americani che hanno lasciato il lavoro a marzo e un massimo storico di 11,5 milioni di offerte di lavoro.

Il 3 maggio il Dipartimento del lavoro ha dichiarato nel suo sondaggio mensile sulle offerte di lavoro e sul fatturato del lavoro (Jolts), che le offerte di lavoro, che sono una misura della domanda di lavoro, sono aumentate di 205 mila unità.

Nel frattempo, il numero di dimissioni è salito al record di 4,5 milioni.

Il Dipartimento del lavoro ha scoperto che le opportunità di lavoro stavano aumentando nel commercio al dettaglio e nella produzione di beni durevoli, e le aziende faticavano ad assumere abbastanza lavoratori per soddisfare la domanda.

Tuttavia, il rapporto A3 suggerisce che le aziende abbiano deciso di rivolgersi invece ai robot, per colmare le lacune tra la forte domanda dei consumatori e la scarsa offerta di manodopera, in quanto la pandemia di Covid-19 ha ribaltato le dinamiche del mercato del lavoro: «Aziende di tutte le dimensioni, e sempre più piccole e medie imprese, stanno implementando robotica e l’automazione perché è più fattibile che mai», ha detto a Fox Business Alex Shikany, vicepresidente per i membri e la business intelligence di A3. «Esistono una varietà di modelli di finanziamento, nuovi hardware e software ed esperienze più user-friendly per i clienti. La tendenza principale di cui stiamo sentendo parlare rispetto al lavoro nell’automazione in questo momento è che le aziende non riescono a trovare persone. Molti dei nostri membri stanno assumendo in questo momento, ma non possono ricoprire le posizioni a causa della mancanza di candidati qualificati».

E sembra che la tendenza sia destinata a continuare, con il Future of Jobs Report 2020, commissionato dal World Economic Forum, che rileva che le aziende si aspettano di ristrutturare la propria forza lavoro in risposta alle nuove tecnologie.

In particolare, il rapporto ha rilevato che il 43% delle aziende intervistate intende ridurre la propria forza lavoro a favore di una maggiore integrazione tecnologica e prevede «un aumento significativo del numero di aziende che intendono impiegare robot non umanoidi e intelligenza artificiale, con entrambe le tecnologie che stanno lentamente diventando un pilastro del lavoro in tutti i settori»; inoltre, «entro il 2025, il tempo dedicato alle attività lavorative attuali da parte di esseri umani e di macchine sarà equivalente».

Si stima che circa 85 milioni di posti di lavoro potrebbero venire persi entro i prossimi tre anni a causa del cambiamento nella divisione del lavoro tra uomo e macchina, secondo il rapporto. Tuttavia, potrebbero emergere 97 milioni di nuovi ruoli «più adatti alla nuova divisione del lavoro tra esseri umani, macchine e algoritmi nei 15 settori e nelle 26 economie oggetto del rapporto».

 

Articolo in inglese:obot Orders Increase 40 Percent in 1st Quarter Amid Mass Quits, Labor Shortages: Report

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

Cina, nuove restrizioni sui bonfici bancari e crisi immobiliare. Sempre più cinesi fuggono all’estero

Cina, nuove restrizioni sui bonfici bancari e crisi immobiliare. Sempre più cinesi fuggono all’estero
Le principali banche statali cinesi stanno imponendo nuovi stringenti limiti sui bonifici bancari, consentendo ai propri clienti di ...
Leggi >
 

Il vero obbiettivo dell’Agenda Onu 2030: più potere alle organizzazioni internazionali

Il vero obbiettivo dell’Agenda Onu 2030: più potere alle organizzazioni internazionali
Il World Economic Forum (Wef) ha recentemente concluso il suo consueto incontro annuale in Svizzera, dove miliardari e ...
Leggi >
 

Usa, la Corte Suprema ribalta la storica sentenza sull’aborto Roe vs Wade

Usa, la Corte Suprema ribalta la storica sentenza sull’aborto Roe vs Wade
Il 24 giugno 2022 la Corte Suprema statunitense ha ribaltato la storica Roe vs Wade, la sentenza che ...
Leggi >
 

Speciale: Il regime cinese alla conquista dell’Africa con la Nuova Via della Seta

Speciale: Il regime cinese alla conquista dell’Africa con la Nuova Via della Seta
Pechino ha investito miliardi di dollari in infrastrutture in Africa, ma con intenzioni tutt’altro che altruiste. Il piano ...
Leggi >