Usa, Corte Suprema eliminerà preferenze razziali nell’entrata all’università

Di Betsy McCaughey

Le cause contro l’Università di Harvard e l’Università della Carolina del Nord stanno smascherando la selezione razziale cruda e disumanizzante che avviene negli uffici di ammissione delle università d’élite.

Il modulo di domanda per l’iscrizione alle università chiede ai giovani di selezionare una casella a scelta tra «(1) asiatico, (2) nativo hawaiano o isolano del Pacifico, (3) ispanico, (4) bianco, (5) afroamericano o (6) nativo Americano». Gli ispanici bianchi con antenati spagnoli sono raggruppati con gli immigrati centroamericani. Il figlio nero di un medico o diplomatico formato ad Harvard spunta la stessa casella di un candidato nero che vive in un rifugio per senzatetto. E la categoria asiatica, se ci si pensa, copre assurdamente il 60 per cento della popolazione mondiale, dalla Cina al Giappone all’India.

Secondo i dati presentati alla corte, i candidati che si contrassegnano come ispanici o afroamericani possono passare il test con punteggi e voti molto inferiori a quelli necessari in media ai bianchi o agli asiatici.

Queste ampie categorie sono appropriate per selezionare gli animali dello zoo – rettili qui, mammiferi laggiù – ma non è un modo per riconoscere l’umanità e il merito individuale dei candidati al college.

Il 31 ottobre, i giudici della Corte Suprema hanno interrogato gli avvocati di Harvard e dell’Unc. Le domande poste sembrano indicare che è probabile che il tribunale bandisca l’impiego delle questioni razziali per determinare chi venga accettato.

Le università potrebbero ancora prendere in considerazione ciò che i candidati scrivono nei loro saggi o dicono nei colloqui personali in merito all’aver superato difficoltà legate a discriminazioni razziali. Patrick Strawbridge, un avvocato di Students for Fair Admissions (Sffa), che ha intentato le cause, ha spiegato che ciò a cui Sffa si oppone è la considerazione della «razza in sé».

L’avvocato di Harvard Seth Waxman ha affermato che sebbene l’etnia sia a volte il fattore determinante per decidere chi entri ad Harvard, altre volte essere «un suonatore di oboe in un anno in cui l’Harvard-Radcliffe Orchestra ha bisogno di un suonatore di oboe» darà una marcia in più a uno studente. Il giudice Roberts ha risposto immediatamente: «Non abbiamo combattuto una guerra civile sui giocatori di oboe».

La sinistra sostiene che mettere fuori legge le preferenze razziali sarà l’ennesimo allontanamento dai precedenti giuridici. Non è vero. Il precedente è Grutter v. Bollinger, una sentenza del 2003 che ha in effetti confermato l’uso della razza presso la University of Michigan Law School. Ma il giudice Sandra Day O’Connor, che ha scritto l’opinione di Grutter, ha previsto che le preferenze razziali sarebbero state temporanee e non più necessarie in 25 anni.

Il giudice Amy Coney Barrett ha chiesto ripetutamente agli avvocati di Harvard e dell’Unc: «Quando finirà questa cosa?» ma non ha ottenuto risposta. Non hanno alcuna intenzione di porre fine alle preferenze razziali volontariamente.

Il procuratore generale degli Stati Uniti Elizabeth Prelogar, in rappresentanza dell’amministrazione Biden, ha avvertito che il ribaltamento delle preferenze razziali provocherebbe «onde d’urto» in ogni settore della società. In realtà è una buona notizia, soprattutto per i dipendenti del mondo aziendale a cui viene spesso detto: «Abbiamo già troppi bianchi».

Circa 70 grandi aziende, tra cui Apple e Google, hanno presentato interventi a sostegno di Harvard e dell’Unc. Un gruppo commerciale che rappresenta i dipartimenti delle risorse umane (Hr) in 600 aziende ha anche presentato una breve dichiarazione a sostegno delle preferenze razziali, citando un rapporto di McKinsey & Company secondo cui il business case per «diversità, equità e inclusione» (Dei) è più forte che mai.

Nessuna azienda ha indicato di sostenere l’idea che l’etnia non debba contare nelle ammissioni. Il divario tra il mondo aziendale e ciò che il pubblico americano vuole è sbalorditivo. I dipartimenti delle risorse umane di Corporate America stanno spingendo la Dei, ma la maggior parte degli americani, secondo Pew Research, vuole che le persone siano giudicate in base ai loro meriti individuali.

Un avvocato di Students for Fair Admissions (Sffa) ha risposto che «il merito e il tuo valore come persona» non sono «correlati al colore della tua pelle». Amen.

Un altro avvocato della Sffa ha riassunto il caso: le classificazioni razziali «causano risentimento trattando le persone in modo diverso in base a qualcosa che non possono cambiare».

Il presidente Joe Biden ha promesso di unire la nazione, ma il suo favoritismo razziale ha fatto il contrario. Una sentenza della Corte che elimina le preferenze razziali aiuterà realmente a riunire la nazione.

I brutti fatti rivelati sulle ammissioni all’Unc e ad Harvard confermano ciò che Roberts ha detto molto tempo fa: «È un affare sordido, questo dividerci per razza».

 

Betsy McCaughey, Ph.D., è una commentatrice politica, esperta costituzionale, editorialista e autrice di numerosi libri, tra cui «The Obama Health Law: What It Says and How to Overturn It» e «The Next Pandemic». È anche un’ex luogotenente governatore di New York.

Le opinioni espresse in questo articolo sono dell’autore e non riflettono necessariamente quelle di Epoch Times

Articolo in inglese: Supreme Court Poised to Strike Down Racial Preferences

NEWSLETTER
*Epoch Times Italia*
 
 
 

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione

L’eredità di Jiang Zemin, solo crimini e corruzione
Jiang Zemin, ex leader del Partito Comunista Cinese (Pcc), è morto di malattia a Shanghai il 30 novembre ...
Leggi >
 

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante

Il silenzio di Biden sulle proteste in Cina è assordante
L’autore dell’articolo, Stu Cvrk, si è ritirato come capitano dopo aver prestato servizio per 30 anni nella Marina ...
Leggi >
 

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»

Musk: tagliare i tassi «immediatamente» per evitare recessione «grave»
Elon Musk sostiene che invece di inasprire ulteriormente le politiche monetarie, la Federal Reserve dovrebbe «immediatamente» abbassare i tassi ...
Leggi >
 

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)

Muore Jiang Zemin, il dittatore cinese colpevole del più colossale genocidio della Storia (Video)
Brutale e sanguinario dittatore e capo del Partito Comunista Cinese dal 1993 al 2003, è morto per cause ...
Leggi >