Usa, migliaia di miliardi di finanziamenti dalle banche contro il cambiamento climatico

Di Petr Svab

Le migliaia di miliardi in finanziamenti promessi dalle banche per i progetti sul cambiamento climatico, rappresentano una scommessa senza precedenti che potrebbe portare al più grande salvataggio di governo mai visto. L’avvertimento giunge da diversi esperti di politica ambientale e investimenti.

Molte delle più grandi banche del mondo si sono recentemente impegnate a dirigere miliardi di investimenti in progetti intesi a combattere il cambiamento climatico e a raggiungere lo «sviluppo sostenibile»: Bank of America ha promesso 445 miliardi entro il 2030; Goldman Sachs e Morgan Stanley hanno promesso ciascuna 750 miliardi entro il 2030; CitiGroup ha promesso mille miliardi entro il 2030; e Jpmorgan Chase ne ha promessi 2.500, di miliardi in 10 anni. E anche decine di altre grandi banche hanno aderito alla Net-Zero Banking Alliance sostenuta dalle Nazioni Unite, promettendo non solo di ridurre le emissioni di carbonio dalle proprie operazioni, ma anche di spingere i propri clienti a fare lo stesso.

Sarebbe diverso se queste istituzioni finanziarie parlassero dei propri soldi, ma non è così. Si suppone che la maggior parte del denaro provenga da investitori, grandi o piccoli, i cui soldi le banche reindirizzerebbero alle società che soddisfano la legge sul clima.

Jamie Dimon, Presidente e Ceo di Jp Morgan Chase & Co., a New York il 25 settembre 2019 (Kena Betancur / Afp / Afp tramite Getty Images)

Inoltre, un esame degli impegni presi rivela anche che le società sembrano operare in base a una definizione di lotta al cambiamento climatico piuttosto ampia. Includerebbe infatti – oltre alle imprese che si occupano della produzione eolica e solare, della creazione di edifici più efficienti dal punto di vista energetico e della ricerca sulle fonti energetiche «pulite» – anche cause come lo sviluppo di alloggi a prezzi accessibili, l’uguaglianza di genere e la diversità razziale.

Tutti questi sforzi darebbero accesso al denaro per gli investimenti, ma potrebbero non essere disponibili per tutti. Coloro che non vogliono aderire al progetto sarebbero discriminati, anche attraverso «politiche di esclusione» e «disinvestimento», secondo le linee guida della Net-Zero Banking Alliance.

Le banche dipingono le iniziative come motivate da un colpo di coscienza sugli effetti del cambiamento climatico. Molti scienziati, infatti, prevedono che, a meno che le emissioni di carbonio non vengano drasticamente ridotte, il pianeta vedrà disastri naturali più gravi, come inondazioni e siccità. Altri scienziati mettono in dubbio tali previsioni climatiche catastrofiche, definendole poco realistiche.

Ma non è solo la bontà dei cuori aziendali a spingere gli impegni, riferiscono diversi esperti a Epoch Times: le banche stanno agendo con la consapevolezza che i progetti climatici saranno sostenuti dai governi.

Secondo quanto riferito, l’amministrazione Biden sta prendendo in considerazione un conto di spesa da 3 mila miliardi di dollari che ponga l’accento su progetti climatici ampiamente definiti.

«Sembra proprio la cosa politicamente importante da fare per le banche», sottolinea Nicolas Loris, economista di politica ambientale presso la Conservative Heritage Foundation.

Assecondare il piano Biden consente alle banche di «essere potenzialmente protette e anche di raccogliere alcune delle opportunità di far sì che i contribuenti compensino parte del rischio».

Playing along with the Biden plan allows the banks to “potentially be protected and also reap some of the opportunities to have taxpayers offset some of the risk,” he said.

George Santos, un veterano banchiere di investimenti che in precedenza ha lavorato presso Citi Bank e Goldman Sachs, è stato più schietto: «Sono i benefattori n. 1. Non è l’ambiente. Tutta questa roba sul clima è perpetuata e spinta in avanti da società multimiliardarie che guadagnano miliardi di dollari grazie a questi cosiddetti programmi. Se questo va storto, c’è solo una soluzione per questo, che è un salvataggio del governo federale».

Per Loris questo è davvero un rischio. «La quantità di denaro di cui parliamo […] specialmente sotto forma di sovvenzioni da parte del governo a determinate decisioni di investimento, certamente estende il rischio ai contribuenti in un modo che non abbiamo mai visto prima».

Il presidente Joe Biden ha recentemente fatto commenti che sembrano gettare le basi per quell’eventualità. «Il settore privato non può affrontare queste sfide da solo», ha detto al suo recente vertice virtuale sul clima. «I governi devono farsi avanti come guide. Abbiamo un ruolo da svolgere nell’assicurarci che i rischi climatici materiali per i sistemi finanziari siano misurati, resi pubblici e mitigati. Se Wall Street sta pompando miliardi di dollari nelle imprese, potrebbe essere ribaltato quando arriverà la prossima tempesta. E sappiamo che ci saranno altre tempeste.

«Wall Street ha reso chiaro quale sia il rischio che sta correndo. I dollari investiti sono spesso i sudati risparmi dei nostri lavoratori, le pensioni. Non possiamo prendere provvedimenti per proteggere i nostri lavoratori se non ci facciamo avanti. Dobbiamo essere in grado di passare da un accordo al ribasso a uno al rialzo e rafforzare la resilienza del nostro sistema finanziario».

L’inviato per il clima di Biden, John Kerry, ha sottolineato le dimensioni titaniche dell’impresa: «Richiederà la mobilitazione della finanza a un livello assolutamente senza precedenti, e che i governi contribuiscano a facilitare la transizione zero emissioni in tutto il mondo».

Una donna cammina davanti a una filiale della Citibank nel distretto finanziario di New York l’8 febbraio 2021. (Kena Betancur / Afp tramite Getty Images)

Secondo gli esperti, il coinvolgimento del governo nell’economia a tal punto, costituisce una presa di potere: «Una volta che il governo inizia a farsi coinvolgere in questo tipo di attività, è certamente difficile ritirarsi», specifica Loris.

Come aveva avvertito il famoso economista Friedrich Hayek nel suo libro del 1943, The Road to Serfdom, il controllo dell’economia da parte del governo, per quanto ben intenzionato, porta inevitabilmente alla tirannia politica: «È un effetto domino che porterà a un libero mercato controllato dal governo entro la fine del 2040, se continuerà su questa strada», afferma Santos.

E anche se il governo restasse a vigilare e comandare, questo non significa necessariamente che continuerebbe a finanziare a sufficienza.

Torri di trasmissione ad alta tensione a Houston, Texas, il 21 febbraio 2021 (Justin Sullivan / Getty Images)

Secondo Santos, Biden ora sta descrivendo il suo pacchetto di spesa come se fosse uno stimolo economico per contrastare la pandemia Covid-19, anche se la spesa per le infrastrutture non fa praticamente nulla per rilanciare l’economia a breve termine. Ma la prossima volta potrebbe non esserci un’opportunità del genere e le banche e le altre società che aderiscono all’iniziativa farebbero bene a prenderla in considerazione: «Stanno giocando alla politica e stanno cercando di compiacere l’attuale amministrazione e la Casa Bianca. Ma stanno dimenticando una cosa: se arriva la prossima amministrazione o le prossime due amministrazioni e non supportano questa loro agenda e scelgono di non salvarle, alla fine della giornata gli investitori e i capi di queste istituzioni sono quelle che soffriranno di più».

Si prevede che i 3 mila / 4 mila miliardi dureranno circa quattro anni: «Durerà fino alla fine del mandato [di Biden, ndr]. Se è ben gestito».

Scenario

Se l’avvertimento di Santos si avverasse, potrebbe andare più o meno così: Un produttore di pannelli solari richiede un contratto governativo reso disponibile tramite l’iniziativa «infrastrutture» dell’amministrazione Biden. Il produttore investe somme considerevoli in tutte le pratiche burocratiche richieste dal processo di offerta del contratto, comprese le valutazioni ambientali e una pletora di «sostenibilità», «giustizia e equità razziale» e altri requisiti. Assume funzionari e consulenti per la conformità, per garantire che i documenti siano in ordine e che la proposta abbia maggiori possibilità di essere accettata.

Uno o due anni dopo, il contratto viene concesso, obbligando il produttore a rifiutare i clienti privati ​​e ad espandere notevolmente la capacità per poter adempiere agli obblighi. L’ampliamento dello stabilimento di produzione, il processo di assunzione, le regole del luogo di lavoro e la catena di fornitura devono essere tutti conformi alle normative federali e alle regole specifiche del contratto, rendendoli sostanzialmente più onerosi e costosi. Vengono assunti più responsabili della conformità e consulenti. Una parte importante del processo di gestione è consumata dalla conformità alle normative.

Il governo paga più dei clienti privati, ma non abbastanza da coprire l’espansione. Il produttore si rivolge a una banca per ottenere uno degli accordi di finanziamento per il clima. La banca si impegna a fornire un prestito preferenziale «verde» e a includere l’impresa nel suo portafoglio di «investimenti verdi», che fornirà una massiccia infusione di liquidità subordinata alla conformità dell’azienda con obiettivi di riduzione dell’impronta di carbonio, «giustizia razziale ed equità» e altri requisiti. Cue in compliance officer e consulenti.

Il presidente Joe Biden pronuncia le osservazioni durante il secondo giorno del vertice virtuale dei leader sul clima nella Sala Est della Casa Bianca il 23 aprile 2021. (Anna Moneymaker-Pool / Getty Images)

L’azienda è improvvisamente inondata di contanti. Il suo nuovo impianto di produzione «carbon neutral» è una meraviglia del mondo. Acquista auto elettriche costose e affitta uffici eleganti «a emissioni zero». I suoi lavoratori aderiscono a un grande sindacato nazionale e negoziano generosi pacchetti sanitari e pensionistici. I dirigenti si assegnano bonus «a tasso di mercato».

Pochi anni dopo, il produttore adempie al contratto. Viene aperto un enorme parco solare e tutti i politici, banchieri, dirigenti sindacali e dirigenti aziendali si congratulano a vicenda. A questo punto, l’amministrazione di Biden è finita e tutti i soldi delle sue iniziative sono stati spesi.

I contratti governativi sono meno e i clienti privati ​​non sono disposti a pagare gli stessi prezzi. Inoltre, l’impianto sta rapidamente diventando obsoleto. L’azienda cerca di tagliare i costi e diversificare in altri settori industriali, ma viene informata che così facendo si correrebbe il rischio di infrangere i requisiti bancari per la sua designazione «sostenibile», innescando gravi sanzioni.

Non è solo questa azienda. Molte aziende si trovano in situazioni simili. Le banche stanno cercando di mantenere i prestiti sostenibili almeno sulla carta poiché cancellarli danneggerebbe i loro bilanci. Consentono alle aziende di rinnovare ripetutamente i prestiti, dando calci alla lattina lungo la strada. Alla fine, le banche danno la cattiva notizia: a meno che «qualcosa» non venga fatto, accadrà una catastrofica cascata di fallimenti, con centinaia di migliaia di persone che perdono il lavoro, piccoli investitori che perdono i risparmi di una vita e l’intera economia che sarà gravemente colpita. Il Congresso ammette che il «costo umano» sarebbe troppo alto e concepisce un «pacchetto di salvataggio». Il contribuente resta con la borsa in mano.

Questo sarebbe ancora uno scenario ottimistico che presume nessuna corruzione, nessun imbroglio e nessuna grave recessione economica lungo la strada.

Lavori

Secondo Biden, la sua politica è positiva sia per l’economia che per l’ambiente: «Coloro che agiscono e fanno investimenti coraggiosi per un futuro di energia pulita, vinceranno i buoni posti di lavoro di domani e renderanno le loro economie più resilienti e più competitive», aveva detto.

Ma Loris ha sottolineato che la spesa pubblica spesso toglie il posto a progetti privati ​​che avrebbero creato anche posti di lavoro, probabilmente più di quanti essa ne crea. Inoltre, i piani climatici presuppongono un ridimensionamento aggressivo e l’eliminazione di intere industrie, in particolare petrolio e gas.

Per Santos, la cui impresa di investimento detiene partecipazioni in queste iniziative, se dovessero essere gradualmente eliminate, almeno agli attuali lavoratori dovrebbe essere consentito di continuare fino al pensionamento: «Ci sono generazioni e almeno altri 30 anni di buon lavoro in molte di queste industrie che verranno uccise a causa di un programma molto radicale».

 

Articolo in inglese: Banks’ Trillions in Climate Financing Pledges Are Bailout Hazard, Experts Warn



 
 
 

Soppressione e restrizioni mentre il Pcc si prepara al 100° anniversario

Soppressione e restrizioni mentre il Pcc si prepara al 100° anniversario
In vista dell'anniversario dei 100 anni della fondazione del Partito comunista cinese (Pcc) del 1° luglio, Pechino ha ...
Leggi >
 

Le terribili cause dietro la «politica dei tre bambini» del regime comunista cinese

Le terribili cause dietro la «politica dei tre bambini» del regime comunista cinese
Il Partito Comunista Cinese (Pcc) ha condotto il suo settimo censimento della popolazione nazionale, utilizzando le ore 00:00 ...
Leggi >
 

Il Green Pass Ue esclude i vaccini cinesi, e Pechino se la prende con la Francia

Il Green Pass Ue esclude i vaccini cinesi, e Pechino se la prende con la Francia
Il primo luglio l'Unione Europea avvierà il suo programma del Certificato Digitale dell'Ue per il Covid approvato dal ...
Leggi >
 

Biden cambia idea: il leader cinese Xi non è un «vecchio amico»

Biden cambia idea: il leader cinese Xi non è un «vecchio amico»
Il presidente Joe Biden Biden afferma ora che il leader cinese Xi Jinping non è un suo «vecchio ...
Leggi >