Usa, Senato approva disegno di legge per vietare tutte le merci dello Xinjiang

Di Isabel van Brugen

Il 14 luglio il Senato degli Stati Uniti ha approvato all’unanimità un disegno di legge che bloccherebbe l’importazione di tutti i prodotti dalla regione nord-occidentale della Cina dove almeno 1 milione di uiguri e minoranze etniche sono detenuti in campi segreti di «rieducazione politica».

L’Uyghur Forced Labour Prevention Act, una misura bipartisan, sostiene che i prodotti fabbricati nello Xinjiang siano realizzati con il lavoro forzato e quindi siano di fatto già banditi dal Tariff Act del 1930, se non diversamente certificato dalle autorità statunitensi.

In una nota, il senatore Marco Rubio (R-Fla.), che ha introdotto la misura insieme al Sen. Jeff Merkley (D-Ore.), ha affermato che il suo avanzamento invierà un messaggio forte a Pechino «e a qualsiasi azienda internazionale che tragga profitto da lavoro forzato nello Xinjiang […] e non solo».

Gli Stati Uniti «non chiuderanno un occhio» sui «crimini contro l’umanità» del Partito Comunista Cinese (Pcc) né «consentiranno alle corporazioni un lasciapassare gratuito per trarre profitto da quegli orribili abusi», ha detto Rubio.

Il senatore repubblicano ha affermato che una volta che la legislazione passerà alla Camera e sarà firmata dal presidente Joe Biden e divenuta legge, gli Stati Uniti disporranno di più strumenti per impedire che i prodotti realizzati con il lavoro forzato entrino nelle catene di approvvigionamento del Paese. «Non possiamo permetterci ulteriori ritardi e invito i miei colleghi alla Camera a inviare prontamente questo disegno di legge al presidente», ha affermato Rubio.

I sostenitori democratici e repubblicani si aspettano che la misura otterrà un forte sostegno alla Camera, poiché la Camera ha approvato una misura simile con un voto quasi unanime lo scorso anno: «Nessuna società americana dovrebbe trarre profitto da questi abusi. Nessun consumatore americano dovrebbe acquistare inavvertitamente prodotti del lavoro forzato», ha affermato Merkley in una nota.

La legislazione andrebbe oltre le misure già intraprese per proteggere le catene di approvvigionamento statunitensi di fronte alle accuse di violazioni dei diritti in Cina, come i divieti esistenti sui pomodori, il cotone e alcuni prodotti solari dello Xinjiang.

Le autorità del regime cinese sono state accusate di aver commesso un genocidio contro gli uiguri e altre minoranze etniche nella regione dello Xinjiang. E degli ex detenuti uiguri hanno raccontato a Epoch Times di essere stati sottoposti a tortura, costretti a denunciare la loro fede e a giurare fedeltà al Pcc mentre erano imprigionati  in strutture spesso sovraffollate, per ragioni sconosciute.

Gli uiguri, la maggior parte dei quali sono musulmani sunniti, sono stati a lungo presi di mira dal Pcc per la trasformazione attraverso la «rieducazione», insieme ad altre minoranze etniche come i tibetani, così come i credenti religiosi che rimangono al di fuori del controllo statale, compresi i cristiani interni e i praticanti del Falun Gong.

Tuttavia la Cina nega le accuse di genocidio e lavoro forzato nella regione.

«Gli uiguri e altre minoranze etniche prevalentemente musulmane nello Xinjiang sono costrette ai lavori forzati, torturate, imprigionate, sterilizzate con la forza e spinte dal governo cinese ad abbandonare le loro pratiche religiose e culturali. Nessuna società americana dovrebbe trarre profitto da questi abusi. Nessun consumatore americano dovrebbe acquistare inavvertitamente prodotti del lavoro in schiavitù», ha affermato Merkley.

L’Uyghur Human Rights Project ha dichiarato di essere grato al Senato degli Stati Uniti per aver approvato la misura, che «renderà più difficile per la Cina continuare a esportare beni di lavoro forzato».

 

Articolo in inglese:US Senate Passes Bill to Ban All Xinjiang Goods Over CCP’s Rights Abuses

NEWSLETTER
Epoch Times Italia 2021
 
 
 

Quale destino per Taiwan?

Quale destino per Taiwan?
Mentre Pechino cancella la libertà a Hong Kong, manca di rispetto al vicesegretario di Stato americano in visita ...
Leggi >
 

I giocatori Nba beneficiano delle aziende cinesi complici del «lavoro forzato»

I giocatori Nba beneficiano delle aziende cinesi complici del «lavoro forzato»
Diversi parlamentari statunitensi chiedono lo stop agli accordi tra giocatori dell'Nba e le aziende cinesi di abbigliamento sportivo ...
Leggi >
 

Proteste in tutta Europa contro green pass e restrizioni sanitarie

Proteste in tutta Europa contro green pass e restrizioni sanitarie
Il 31 luglio migliaia di persone hanno manifestato contro il nuovo «pass sanitario»  in Francia, marciando per Parigi ...
Leggi >
 

Ondata di incendi in Sicilia, la pista del fotovoltaico

Ondata di incendi in Sicilia, la pista del fotovoltaico
Continuano a divampare decine di incendi in tutta la Sicilia, con temperature che negli ultimi tre giorni hanno ...
Leggi >