Vaccino Covid-19, Pfizer: probabile terza dose entro un anno

Di Jack Phillips

Secondo la Pfizer le persone che hanno ricevuto il suo vaccino per Covid-19 potrebbero aver bisogno della terza dose entro un anno.

Il 15 aprile, durante un evento online, il Ceo Albert Bourla ha spiegato: «Un probabile scenario è che ci sarà bisogno di una terza dose, tra sei e 12 mesi, e da lì in poi ci sarà una rivaccinazione annuale. Ma tutto questo deve essere confermato. E ancora, le varianti giocheranno un ruolo chiave. Dobbiamo vedere quale sarebbe la sequenza, e per quanto tempo dobbiamo farlo, resta da vedere». Ha poi specificato che «è estremamente importante sopprimere il pool di persone che possono essere suscettibili al virus».

Entrambi i vaccini Pfizer e Moderna richiedono due iniezioni, mentre il vaccino Johnson & Johnson ne richiede una. Tuttavia, dopo averne già eseguiti milioni, questa settimana le agenzie sanitarie statunitensi hanno raccomandato una pausa nella somministrazione del vaccino J&J, per via di diverse segnalazioni di coaguli di sangue.

Il Ceo di J&J, Alex Gorsky, diverse settimane fa ha suggerito che anche per il Covid-19 le persone dovranno essere vaccinate ogni anno, come avviene per i vaccini antinfluenzali stagionali. Covid-19 è la malattia causata dal virus del Pcc (Partito Comunista Cinese).

Nel frattempo Pfizer e BioNTech hanno affermato all’inizio di questo mese che il loro vaccino è efficace al 91 per cento per almeno sei mesi. «Questi dati forniscono anche i primi risultati clinici che un vaccino può proteggere efficacemente dalle varianti attualmente in circolazione, un fattore critico per raggiungere l’immunità di gregge e porre fine a questa pandemia per la popolazione globale», ha dichiarato il co-fondatore e Ceo di BioNTech, Ugur Sahin.

Il Ceo di Moderna, Stephane Bancel, nell’intervista del 14 aprile ha dichiarato che l’azienda punta ad avere un booster shot, o una terza dose, disponibile in autunno.

In un’audizione della sottocommissione della Camera del 15 aprile, la dottoressa Rochelle Walensky, direttrice dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie ha spiegato che gli Stati Uniti stanno monitorando le infezioni nelle persone che sono state completamente vaccinate. Su 77 milioni di persone vaccinate negli Stati Uniti, ci sono state 5.800 tali «infezioni rivoluzionarie», di cui 396 persone che hanno richiesto il ricovero in ospedale e 74 che sono morte. Alcune di queste infezioni si sono verificate perché la persona vaccinata non ha attivato una forte risposta immunitaria, ma la preoccupazione è che in alcuni casi si verificano in persone infettate da varianti di virus più contagiose.

Articolo in inglese: 3rd Pfizer COVID-19 Vaccine Dose ‘Likely’ Needed Within a Year, CEO Says



 
 
 

Segretario di Stato Usa: Taiwan deve partecipare all’Assemblea mondiale della Sanità

Segretario di Stato Usa: Taiwan deve partecipare all’Assemblea mondiale della Sanità
Taiwan nell'Assemblea Mondiale della Sanità? Secondo il segretario di Stato americano Antony Blinken, l'Oms deve invitare anche Taiwan ...
Leggi >
 

Il voltagabbanesimo ed i suoi profeti, dal M5s al rapper Fedez

Il voltagabbanesimo ed i suoi profeti, dal M5s al rapper Fedez
L’autore dell’articolo, Gigi Morello, è nato a a Torino e ha vissuto diversi anni negli Usa. Musicista, didatta e ...
Leggi >
 

Cittadino cinese scopre un sistema di spionaggio nella sua Smart Tv | China in Focus

Cittadino cinese scopre un sistema di spionaggio nella sua Smart Tv | China in Focus
Recentemente, un utente della Cina continentale di nome 'v64500' ha scritto sul forum online 'V2EX' che il suo ...
Leggi >
 

I dati smontano il mito del «razzismo» negli omicidi della polizia

I dati smontano il mito del «razzismo» negli omicidi della polizia
Il presidente Joe Biden ha affermato che la condanna di Derek Chauvin ha aperto gli occhi al mondo ...
Leggi >